Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Separazione: domanda congiunta

del 02/02/2012
CHE COS'È?

Separazione domanda congiunta: definizione

La separazione personale dei coniugi, che precede per un periodo di tre anni il divorzio, ovvero la scioglimento degli effetti del matrimonio, può essere introdotta in forma contenziosa, detta anche giudiziale, oppure in forma consensuale. Il primo caso si rende necessario quando i coniugi non concordano le regole della crisi matrimoniale dopo la loro separazione: il contributo di mantenimento, l’affidamento dei figli, l’assegnazione della casa coniugale, l’addebitabilità della separazione.

Prof. Avv. Claudio Cecchella
Ordine degli Avvocati di Pisa
Studio Cecchella e Soci


COME SI FA

I coniugi si rivolgono con l’ausilio di un avvocato, mediante ricorso, al Giudice affinché sia questi a dettare le regole della separazione e questo avviene in una prima fase sommaria anticipata mediante i provvedimenti del Presidente del Tribunale e poi in un fase di merito, secondo le regole di un processo comune, con sentenza pronunciata da tre Giudici riuniti in collegio. Quando invece i coniugi raggiungono un accordo sulle regole della loro vita separata, per ogni profilo relativo agli aspetti patrimoniali e personali, introducono una separazione consensuale (articolo 158 codice civile; articolo 711 codice procedura civile).
Si avvia in tal modo un procedimento semplificato, con una sola udienza innanzi al Presidente del Tribunale, ove i coniugi ribadiscono a verbale i loro accordi, che a quel punto diventano per loro vincolanti, nel senso che non possono più recedervi. La separazione consensuale tuttavia non produce effetti se non è omologata dal Tribunale in formazione collegiale (tre Giudici), in quanto è affidato al Giudice verificare che i coniugi nelle loro determinazioni non violino i diritti indisponibili dei figli, quanto all’affidamento alla bi-genitorialità, alla potestà e al mantenimento.
Quando il Tribunale ritiene violati i diritti dei figli minori non può interferire sui contenuti della separazione consensuale, ma ha solo un potere di veto, può semplicemente rifiutare l’omologa o caldeggiare ai coniugi la modifica degli accordi.
Contro il decreto che nega l’omologa è dato reclamo alla Corte di Appello.


CHI

Anche se il profilo è dubbio, molti Tribunali vogliono che i coniugi siano assistiti da avvocato, anche in sede di separazione consensuale.


FAQ

Il Tribunale può interferire sui contenuti della separazione consensuale?

Quando il Tribunale ritiene violati i diritti dei figli minori non può interferire sui contenuti della separazione consensuale ma ha solo un potere di veto, può semplicemente rifiutare l’omologa o caldeggiare ai coniugi la modifica degli accordi.
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

SEPARAZIONE DEI CONIUGI: VOCI CORRELATE

Assegnazione della casa familiare

di Avv. Claudio Cecchella del 09/02/2012

L’assegnazione della casa coniugale è istituto che risponde anzitutto alla tutela del figlio minore...

Scioglimento del matrimonio: casi

di Avv. Monica Mores del 08/11/2011

Lo scioglimento (o la cessazione degli effetti civili) del matrimonio è ciò che tutti conoscono con ..

Separazione: modifica delle condizioni

di del 30/11/2015

La modifica delle condizioni della separazione ha a che fare con la possibilità di mutare le condizi..

Affidamento a terzi dei figli

di Avv. Simone Scelsa del 31/03/2011

Benché non inserito nel testo dell’articolo 155 codice civile come riformato dalla legge n. 54 dell’..

Separazione: capacità reddituale dei coniugi

di Dott. Marco Corvino del 22/11/2011

Per capacità reddituale dei coniugi s'intende quella situazione economica che viene presa in conside..