Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Separazione: accordi patrimoniali tra i coniugi

del 11/08/2017
CHE COS'È?

Separazione accordi patrimoniali tra i coniugi: definizione

Gli accordi patrimoniali tra i coniugi in caso di separazione possono essere disciplinati in maniera convenzionale dai coniugi, i quali hanno facoltà di intervenire su molteplici aspetti che hanno a che fare con lo scioglimento del vincolo coniugale. Attraverso gli accordi in sede di separazione, possono essere definiti gli aspetti personali e quelli economici che derivano dallo scioglimento della relazione: essi sono differenti rispetto agli accordi presi prima della separazione. 


COME SI FA

In che cosa consistono gli accordi patrimoniali tra i coniugi in caso di separazione?

Nel verbale che viene sottoposto al giudice per la sua omologazione non sono riportati tutti gli accordi che vengono presi dai coniugi: quelli che vengono esclusi sono definiti accordi a latere, dal momento che sono estranei rispetto alla separazione pur essendo legati alla stessa dal punto di vista cronologico e dal punto di vista funzionale. Attraverso tali accordi, i coniugi vogliono modificare o integrare gli accordi che rientrano nell'omologazione. In generale, l'omologazione può essere considerata come un atto di controllo nei confronti della congruità degli accordi presi: l'autonomia negoziale dei coniugi, in questo modo, viene valorizzata. Per ciò che concerne le pattuizioni su cui i coniugi avevano trovato un accordo prima del decreto di omologazione o in simultanea, esse possono venire reputate operative solo a patto che non interferiscano con quelle contenute nell'omologazione.


CHI

Un avvocato matrimonialista


FAQ

1. In che cosa consiste la separazione consensuale?

La separazione consensuale si basa su un accordo che rappresenta un atto prettamente negoziale: esso esprime la capacità che i coniugi hanno di riuscire ad autodeterminare i propri interessi. In seguito, quel che è stato stabilito dai coniugi viene confermato dal giudice, che interviene con un decreto di omologa dopo aver appurato che sia stato rispettato l'articolo 160 del Codice Civile, secondo il quale gli sposi devono sempre rispettare i doveri e i diritti che la legge prevede per effetto del matrimonio. Il contenuto della separazione può essere distinto in essenziale ed eventuale: il primo riguarda la disciplina dell'affidamento dei figli, il reciproco consenso a vivere separati e l'assegno di mantenimento, mentre il secondo riguarda le pattuizioni attraverso le quali i coniugi regolano il regime di vita separata con statuizioni di carattere economico e patrimoniale. Gli status familiari non possono essere oggetto di accordi: ciò è dovuto al fatto che una separazione che sia priva dell'omologazione del giudice ma che dipende solo dal consenso dei coniugi non è effettiva.

2. Per gli accordi di separazione è previsto il pagamento dell'imposta di registro?

No: la sentenza n. 3110 che è stata depositata dalla Sez. Tributaria della Corte di Cassazione il 17 febbraio del 2016 ha precisato che tutti gli atti che riguardano i procedimenti di divorzio e di separazione sono esenti dall'imposta di registro. 

3. Quali sono i temi su cui possono intervenire gli accordi patrimoniali tra i coniugi?

Gli accordi patrimoniali possono riguardare l'assegnazione della casa familiare, le questioni relative al mantenimento del coniuge debole e dei figli (sia minorenni che maggiorenni) e la divisione dei beni comuni: affinché ciò sia possibile, ovviamente, è necessario che i beni comuni ai due coniugi siano identificati. Particolare attenzione deve essere riservata ai beni comuni che non possono essere divisi materialmente e a quelli che sono stati comprati solo con il denaro di uno dei due coniugi o che sono stati utilizzati solo da uno dei due coniugi. 
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

SEPARAZIONE DEI CONIUGI: VOCI CORRELATE

Affidamento condiviso dei figli

di Avv. Simone Scelsa del 09/02/2012

L’affido condiviso è stato introdotto dalla legge n. 54 dell’8 febbraio 2006 e ha innovato profondam..

Separazione: modifica delle condizioni

di del 30/11/2015

La modifica delle condizioni della separazione ha a che fare con la possibilità di mutare le condizi..

Separazione e TFR

di Avv. Vanda Cappelletti del 09/02/2012

Il coniuge legalmente separato non ha alcun diritto sull'indennità di fine rapporto (TFR) corrispost..

Adeguamento Istat dell’assegno di mantenimento

di Avv. Simone Scelsa del 02/02/2012

L’adeguamento Istat dell’assegno di mantenimento è un meccanismo di rivalutazione automatica su base..

Separazione: principio di proporzionalità nel mantenimento dei figli

di Avv. Claudio Cecchella del 07/02/2012

A seguito della separazione (come anche del divorzio) non vengono meno gli obblighi dei coniugi nei ..