Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Separazione dei coniugi

del 20/10/2015
CHE COS'È?

Separazione dei coniugi: definizione

La separazione dei coniugi consiste nella sospensione degli effetti del rapporto matrimoniale: essa, cioè, non prevede la fine del matrimonio, ma semplicemente uno stop temporaneo, in attesa di un procedimento di divorzio o di una riconciliazione. Si tratta di una situazione solo momentanea, che tuttavia ha delle conseguenze sui doveri e sui diritti connessi con il matrimonio. Nel momento in cui avviene la separazione dei coniugi, infatti, marito e moglie rimangono tali ma non sono più vincolati ai doveri di fedeltà e coabitazione che il matrimonio impone. A carico di ognuno dei due coniugi rimane l'obbligo di istruire i figli, di educarli e di mantenerli; resta, inoltre, l'obbligo di assistenza materiale nei confronti del coniuge più debole sul piano economico. 


COME SI FA

La separazione può essere di fatto o legale: nel primo caso non richiede l'intervento di un giudice, mentre nel secondo caso sì (o, in alternativa, si può ricorrere alla dichiarazione di fronte al sindaco o alla negoziazione assistita da un avvocato).

Che cos'è la separazione consensuale?

La separazione consensuale si concretizza nel momento in cui i coniugi si trovano d'accordo a proposito delle condizioni di separazione. Nel caso di accordo, marito e moglie hanno la possibilità di effettuare una dichiarazione al sindaco o di usufruire della negoziazione con avvocato, mentre è sempre disponibile l'alternativa del tribunale: in tale circostanza è indispensabile che un giudice, dopo avere tentato di conciliare marito e moglie, omologhi l'accordo controllandolo, validandolo e dichiarandolo efficace.

Che cos'è la separazione giudiziale?

La separazione giudiziale si concretizza nel momento in cui i coniugi non riescono a trovare un accordo a proposito delle condizioni di separazione. Essa consiste in una causa che prevede lo svolgimento di un procedimento, il quale è promosso da uno dei due coniugi obbligatoriamente assistito da un difensore. Vi si ricorre, per esempio, se la prosecuzione della convivenza è ritenuta tale da poter danneggiare i figli o se è considerata non più tollerabile da uno o da tutti e due i coniugi. La separazione giudiziale si conclude con una sentenza, e in qualsiasi momento può essere trasformata in separazione consensuale.

Che cos'è la separazione di fatto? 

La separazione di fatto si concretizza nel momento in cui i coniugi smettono di vivere sotto lo stesso tetto e non ha alcun tipo di conseguenza giuridica: il legislatore, quindi, non se ne occupa, in quanto il suo margine di intervento è limitato unicamente alla separazione legale.


CHI

Un avvocato, ma è bene ricordarsi che i coniugi possono scegliere di separarsi, oltre che tramite il procedimento della negoziazione con l'assistenza di un avvocato o un procedimento in tribunale, anche fornendo dichiarazioni separate al sindaco, il quale è un ufficiale dello stato civile. In questo caso, l'assistenza di un avvocato è facoltativa.


FAQ

1. Quali sono gli effetti della separazione sui diritti di successione?

Con la separazione, i diritti di successione di un coniuge rispetto all'altro non cambiano, a meno che non si arrivi al divorzio o non intervenga la separazione con addebito: in questo caso, infatti, non sono previsti diritti successori per il coniuge a carico del quale l'addebito è stato posto rispetto al patrimonio dell'altro coniuge. Il solo beneficio contemplato è un assegno vitalizio a carico degli eredi nel caso in cui il coniuge abbia diritto a ricevere gli alimenti. La separazione, inoltre, non ha effetti sulla pensione di reversibilità, sull'indennità di mancato preavviso e sul trattamento di fine rapporto, che non vengono toccati. 

2. L'obbligo di fedeltà con la separazione rimane?

L'orientamento più diffuso prevede che l'obbligo di fedeltà sia attenuato: in pratica, viene ritenuta non compatibile con i doveri residui connessi con il vincolo matrimoniale una condotta caratterizzata da azioni e comportamenti che potrebbero danneggiare la reputazione dell'altra persona, mentre non viene considerato illecito l'intrecciare altre relazioni sentimentali con altre persone. 
vota  

DISCUSSIONI ARCHIVIATE

antonio

30/03/2015 10:52:35

separazione il 12 dicembre 2014
quando tempo per sposarmi di nuovo

risposta del Professionista

31/03/2015 09:31:57

Buongiorno.
Allo stato attuale occorrono ancora tre anni per chiedere il divorzio. La legge sul divorzio breve tuttavia è in dirittura di arrivo e ritengo che entro quest'anno sarà definitivamente approvata ed entrerà in vigore. Semplificando,ciò significa che in assenza di figli sarà possibile chiedere il divorzio in un anno dalla comparizione dei coniugi avanti al Presidente del Tribunale. In presenza di figli minori o ancora non autosufficienti occorrerà invece attendere due anni.
Cordialmente

Avv. Andrea Giordano

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

SEPARAZIONE DEI CONIUGI: VOCI CORRELATE

Separazione: effetti

di Avv. Angelo Biasino del 18/12/2012

La sepazione legale personale dei coniugi (per distinguerla da quella di fatto, priva di effeti sul ..

Pratica collaborativa nei conflitti familiari

di Avv. Elisabetta Zecca del 22/05/2013

Nell’ambito del diritto di famiglia, la pratica collaborativa è un nuovo efficace strumento per rag..

Separazione consensuale

di del 02/11/2015

La separazione consensuale è lo strumento con cui due coniugi decidono di separarsi di comune accord..

Mantenimento dei figli di separati

di Avv. Vanda Cappelletti del 24/05/2011

I genitori devono provvedere al mantenimento dei figli fintanto che questi non hanno acquisito l’ind..

Separazione: domanda congiunta

di Avv. Claudio Cecchella del 02/02/2012

La separazione personale dei coniugi, che precede per un periodo di tre anni il divorzio, ovvero la ..