Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Contabilità semplificata

del 31/01/2012
CHE COS'È?

La contabilità semplificata è la contabilità che possono applicare le persone fisiche e le società di persone e assimiliate che esercitano attività commerciali con ricavi, conseguiti nell’anno precedente, non superiori a euro 400.00 se esercenti attività di prestazione di servizi, e a euro 700.000 se esercenti attività di cessione di beni.
La contabilità semplificata è una possibilità squisitamente fiscale in quanto le norme del codice civile impongono la contabilità ordinaria a chiunque eserciti una qualsiasi attività d’impresa.
La contabilità semplificata, essendo una possibilità offerta dalla normativa fiscale, deve essere opzionata in sede di presentazione della prima dichiarazione annuale Iva. Nel silenzio si presuppone scelta la contabilità ordinaria.
Dal 1.1.1997 tutti gli artisti e professionisti con qualsiasi volume d’affari rientrano nella contabilità semplificata. Per tali soggetti la contabilità ordinaria si applica solo su opzione.
Dal 1.1.2008 i professionisti che soddisfano determinati requisiti possono avvalersi del regime dei contribuenti minimi.

Dott. Franco Alessio
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Casale Monferrato
Alessio Dr. Franco Dottore Commercialista


COME SI FA

Le imprese in contabilità semplificata hanno l’obbligo di tenere i registri Iva con l’annotazione delle operazioni non soggette a Iva, ma rilevanti ai fini delle imposte sui redditi.
I registri Iva devono contenere le scritture di rettifica e di assestamento secondo il principio di competenza.
Dal 1.1.2002 le imprese in contabilità semplificata e gli esercenti arti e professioni che non hanno optato per il regime ordinario hanno la facoltà di non tenere il registro dei beni ammortizzabili se forniscono i relativi dati, ordinati in forma sistematica, all’Amministrazione finanziaria, su richiesta della stessa.


CHI

Dottori commercialisti, esperti contabili, ragionieri commercialisti.


vota  

DISCUSSIONI ARCHIVIATE

DARIO I.

21/02/2012 16:54:24

Salve, ci tengo a segnalare che il massimale della prestazione di servizi è 400.000,00 euro, sono certo sia un typo ma credo convenga correggere.

Cordiali Saluti,

D.I.

raul

22/05/2012 10:51:33

mi è stato molto utile.
grazie.saluti

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e la Privacy
Voglio ricevere le newsletter di Professionisti.it
Voglio ricevere informazioni dai partner di Professionisti.it
VOCI CORRELATE
Quote sociali: riapertura dei termini rivalutazione

di Dott. Giovanni Sanfilippo del 22/06/2011

L’articolo 7, comma 1, lettera t) del decreto legge 70/2011 ha riaperto i termini per rivalutare i..

Noleggio auto aziendali: trattamenti fiscali

di Dott.ssa Sara Mazza del 02/11/2015

I trattamenti fiscali previsti dal legislatore per il noleggio di auto aziendali si distinguono in i..

Reverse charge

di Dott. Giovanni Sanfilippo del 05/07/2011

A decorrere dal 1 aprile 2011 alle cessioni di telefoni cellulari e di microprocessori si applica il..

Partita IVA

di Rag. Maurizio Cason Villa del 05/04/2016

La partita iva è una serie di cifre utili a identificare in maniera univoca il contribuente: è costi..

Chiusura automatica delle partite Iva inattive

di Dott. Roberto Fedegari del 14/07/2011

La chiusura automatica delle partite Iva inattive è stata prevista dal decreto legislativo 06/07/20..