Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Noleggio auto aziendali: trattamenti fiscali

del 02/11/2015
CHE COS'È?

Noleggio auto aziendali trattamenti fiscali: definizione

I trattamenti fiscali previsti dal legislatore per il noleggio di auto aziendali si distinguono in imposte dirette e in imposte indirette. Le prime comprendono l'Irap, l'Ires e l'Irpef, sulla base dell'articolo 164 del Tuir, e hanno a che fare con la deducibilità dei vari costi che le aziende possono sostenere, come per esempio i canoni leasing, le quote di ammortamento, i canoni del noleggio, le assicurazioni, le tasse, i canoni di altri servizi, il carburante, le manutenzioni e così via; le seconde, invece, riguardano la detrazione dell'Iva. La legge stabilisce i criteri di detraibilità per l'Iva e i criteri di deducibilità per le imposte dirette: il legislatore, in termini generali, non fa differenze tra noleggio a lungo termine, leasing o noleggio a breve termine. 


COME SI FA

Come funziona la deducibilità dei canoni?

I canoni di noleggio sono formati da due quote, che vengono espresse in maniera esplicita nelle fatture, a fronte dei servizi inclusi (la polizza assicurativa, la manutenzione, le tasse, eccetera) e della svalutazione del veicolo (la cosiddetta quota noleggio). La deducibilità di tutto il canone, vale a dire della quota servizi e della quota noleggio, può essere totale o parziale. In particolare, il canone può essere dedotto totalmente nel caso in cui il mezzo sia destinato a uso strumentale o pubblico, mentre può essere dedotto solo parzialmente nel caso in cui il legislatore, per convenzione, presuma un uso non strumentale del mezzo.

Che cosa si intende per uso strumentale?

Si parla di uso strumentale di un veicolo nel caso in cui esso sia indispensabile per lo svolgimento dell'attività dell'azienda, la quale - quindi - non può compiere il proprio lavoro senza quel veicolo. Sono tanti gli esempi in questo senso: una macchina impiegata per la scuola guida, un veicolo adoperato per i trasporti speciali, le auto delle onoranze funebri, gli autocarri, gli autobus, le vetture utilizzate dagli autonoleggiatori, e così via.

Che cosa si intende per uso pubblico?

Si parla di uso pubblico di un veicolo nel caso in cui esso sia utilizzato per scopi pubblici, in genere in seguito alla concessione di una specifica licenza: è il caso degli autobus di linea, dei taxi o dei pullman privati. 

Come funziona la detraibilità dell'Iva?

Sui canoni di noleggio di auto aziendali l'Iva può essere detratta parzialmente o totalmente. La detrazione è totale se il veicolo è destinato a uso pubblico o a uso strumentale, o se viene impiegato da agenti di commercio o rappresentanti; in tutti gli altri casi è parziale.


CHI

Il commercialista.


FAQ

1. Cosa prevede il legislatore per la deducibilità dei canoni parziale?

A seconda del tipo di utente del veicolo, il legislatore stabilisce dei trattamenti fiscali differenti: si distingue tra società di capitali - dipendenti con uso promiscuo per la maggior parte del periodo di imposta, società semplici ed associazioni, società di capitali - veicoli non assegnati, società di capitali - dipendenti con uso promiscuo per la minor parte del periodo di imposta, agenti di commercio e rappresentanti e loro subagenti (se iscritti al ruolo relativo) e professionisti (esercenti di professioni o arti in forma individuale). L'uso promiscuo, nella circostanza di vetture assegnate a dipendenti, si verifica nel momento in cui il veicolo viene impiegato, oltre che per lo svolgimento dell'attività di lavoro, anche per motivi personali. La circolare ministeriale in proposito è la 326/97, che però non specifica se il veicolo debba essere adoperato in maniera prevalente per fini lavorativi; di conseguenza, si ha un uso promiscuo anche quando il veicolo viene adoperato in maniera prevalente per motivi personali. Per qualsiasi caso di uso promiscuo, il dipendente ha diritto a un fringe benefit, cioè una forma di retribuzione in natura, che è tassabile in quanto forma il reddito del dipendente stesso.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REGIMI FISCALI: VOCI CORRELATE

Contabilità semplificata

di Dott. Franco Alessio del 31/01/2012

La contabilità semplificata è la contabilità che possono applicare le persone fisiche e le società d..

Regime dei minimi

di Rag. Maurizio Cason Villa del 09/02/2016

La legge n. 244/2007 (legge finanziaria 2008) ha introdotto a decorrere dal 1.1.2008 un regime fisca..

Partita IVA

di Rag. Maurizio Cason Villa del 30/06/2016

La partita iva è una serie di cifre utili a identificare in maniera univoca il contribuente: è costi..

Contabilità ordinaria

di Dott. Franco Alessio del 10/01/2012

La contabilità ordinaria è la contabilità che, ex codice civile, viene imposta a chiunque abbia un a..

Quote sociali: riapertura dei termini rivalutazione

di Dott. Giovanni Sanfilippo del 22/06/2011

L’articolo 7, comma 1, lettera t) del decreto legge 70/2011 ha riaperto i termini per rivalutare i..