Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Reverse charge

del 05/07/2011
CHE COS'È?

Reverse charge: definizione

A decorrere dal 1 aprile 2011 alle cessioni di telefoni cellulari e di microprocessori si applica il regime dell’inversione contabile o reverse charge.
Già la legge Finanziaria per il 2007 (articolo 1 comma 44 legge 296/2007) aveva modificato il comma 6, lettere b) e c) dell’articolo 17 del Decreto del Presidente della Repubblica 633/72, prevedendo l’applicazione del suddetto meccanismo. Il successivo articolo 45 subordinava l’operatività del reverse charge per le cessioni predette alla preventiva autorizzazione della Comunità europea.
Con decisione di esecuzione del Consiglio europeo del 22.11.2010, n. 2010/710/UE, l’Italia è stata autorizzata a designare quale debitore dell’IVA il soggetto passivo destinatario della cessione.
A differenza di quanto previsto dall’articolo 17 comma 6, lettere b) e c), l’autorizzazione del Consiglio d’Europa esclude dal meccanismo del reverse charge la cessione dei componenti e degli accessori dei telefoni cellulari (tranne che siano ceduti unitamente ad essi in qualità di accessori) ed include per i personal computer solo ai componenti cui possono ricondursi i concetti di “dispositivi a circuito integrato quali microprocessori e unità centrali di elaborazione prima della loro installazione in prodotti destinati al consumatore finale”.

Dott. Giovanni Sanfilippo
Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Palermo
Studio Sanfilippo Giovanni

COME SI FA
Come opera il meccanismo dell’inversione contabile:

  • i cedenti dei beni, soggetti passivi d’imposta nel territorio dello Stato, sono tenuti ad emettere fattura senza addebito d’imposta, con l’indicazione della norma che prevede l’applicazione del reverse charge (articolo 17, comma 6, lettere b) o c);
  • il committente dovrà integrare la fattura con l’indicazione dell’aliquota e della relativa imposta e annotarla nel registro delle fatture emesse o in quello dei corrispettivi, entro il mese di ricevimento o anche successivamente, ma comunque entro quindici giorni dal ricevimento e con riferimento al relativo mese; ai fini della detrazione la stessa fattura è annotata anche nel registro degli acquisti. 

Alle violazioni connesse agli obblighi derivanti dal reverse charge si applica l’articolo 6 comma 9bis del decreto legislativo 471/97, che prevede: l’irrogazione di una sanzione amministrativa compresa tra il cento ed il duecento percento dell’imposta, con un minimo di 258 euro a carico del cessionario che, nell’esercizio di imprese, arti o professioni, non assolve l’imposta, mediante il suddetto meccanismo, relativa all’acquisto dei beni in argomento; analoga sanzione è prevista per il cedente che ha irregolarmente addebitato l’imposta in fattura omettendone il versamento.
In quest’ultima ipotesi sussiste una responsabilità solidale tra cedente e cessionario per il pagamento della sanzione e dell’imposta evasa.
È prevista una sanzione residuale pari al tre per cento dell’imposta irregolarmente assolta nel caso di mancata applicazione del meccanismo del reverse charge.

CHI
Sono escluse dal meccanismo del reverse charge le cessioni di telefoni cellulari e personal computer effettuate nei confronti dei consumatori finali (vendite al dettaglio), ancorché soggetto passivo.
Si pensi all’ipotesi in cui un imprenditore acquista un telefono cellulare per la propria azienda. In questo caso non trova applicazione il meccanismo dell’inversione contabile; meccanismo che trova, invece, applicazione nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio. 
La ratio della norma è quella di ridurre le frodi carosello in materia di IVA, riducendo così i casi di mancato pagamento dell’IVA all’erario.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REGIMI FISCALI: VOCI CORRELATE

Regime dei minimi

di Rag. Maurizio Cason Villa del 09/02/2016

La legge n. 244/2007 (legge finanziaria 2008) ha introdotto a decorrere dal 1.1.2008 un regime fisca..

Quote sociali: riapertura dei termini rivalutazione

di Dott. Giovanni Sanfilippo del 22/06/2011

L’articolo 7, comma 1, lettera t) del decreto legge 70/2011 ha riaperto i termini per rivalutare i..

Contabilità semplificata

di Dott. Franco Alessio del 31/01/2012

La contabilità semplificata è la contabilità che possono applicare le persone fisiche e le società d..

Regime fiscale agevolato per le nuove attività - c.d. forfettino

di Dott. Francesco Pozzoli del 06/06/2011

La Legge Finanziaria 2001 ha introdotto un regime agevolato per le nuove attività di lavoro autonomo..

Contabilità ordinaria

di Dott. Franco Alessio del 10/01/2012

La contabilità ordinaria è la contabilità che, ex codice civile, viene imposta a chiunque abbia un a..