CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

La responsabilità del medico chirurgo

La responsabilità del medico chirurgo
Il medico chirurgo deve eseguire la propria prestazione professionale con diligenza, prudenza e perizia: regole di comportamento cristallizzate nei protocolli medici ovvero dettate dalla comune esperienza, da valutarsi alla luce di agenti modelli di riferimento che tengano conto dello specifico ambito di attività esercitata e del grado di specializzazione. 
Si tratta di regole il cui rispetto coinvolge non solo il mero atto chirurgico ma tutto il complesso di cure e di rimedi volti a ridurre al minimo i rischi dell’intervento e a garantire il rapido e positivo decorso dell’infermità, prevenendo le possibili complicazioni.
Qualora l’attività del chirurgo, discostandosi, anche lievemente, dalle norme comportamentali di riferimento, cagioni al paziente un ingiusto pregiudizio, questo diviene suscettibile di risarcimento.
Invero, la responsabilità del medico incontra limitazioni qualora si tratti di casi che implicano la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, ovvero circostanze che trascendono la preparazione professionale media e che coinvolgono problemi non ancora risolti o non sufficientemente affrontati dalla scienza medica; limitazione peraltro operante solo quando venga in rilievo l’applicazione delle regole dell’arte.
In tali casi la responsabilità del medico viene circoscritta ai casi di dolo o colpa grave, per cui il professionista sarà chiamato a rispondere solo quando la sua condotta sia intenzionalmente volta ad arrecare un pregiudizio al paziente o quando questo sia arrecato a causa di una grave violazione delle regole tecniche.
Sotto il profilo probatorio, sarà onere del paziente provare l’esistenza di un contratto o di un rapporto qualificato con il professionista (cosiddetto "contatto sociale") e, attraverso una consulenza tecnica, il peggioramento o l’insorgenza della patologia nonché le conseguenze di ordine patrimoniale e non patrimoniale che ne sono scaturite. 
L’errore del medico espone al risarcimento del danno anche la struttura sanitaria all’interno della quale questi opera stabilmente, sia essa pubblica o privata: tra il paziente e la struttura, infatti, si perfeziona, nel momento della accettazione, un contratto di spedalità mediante il quale la stessa si obbliga, tra le altre, di fornire la prestazione medica, per l’esecuzione della quale ben può avvalersi dell’operato di terzi.
In caso di danni derivanti da un intervento chirurgico eseguito erroneamente dal medico preposto all’intervento, pertanto, concorre in via solidale la responsabilità contrattuale della struttura sanitaria la quale è chiamata a rispondere ai sensi dell’articolo 1228 codice civile dei fatti dolosi e colposi del medico della cui attività si sia avvalsa: a tal fine non è necessario che sussista un rapporto di lavoro subordinato, ma è sufficiente che vi sia un collegamento tra la prestazione effettuata dal chirurgo e l’organizzazione aziendale della struttura sanitaria.
Il paziente che lamenti un danno derivante da un errore del medico potrà quindi agire per l’intero ammontare del risarcimento del danno sia nei suoi confronti sia in quelli della struttura all’interno della quale ha operato, salvo la possibilità di quest’ultima di rivalersi nei confronti del professionista.

Avv. Maria Nefeli Gribaudi

Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Architetti

Studio Frigo S.a.s. di Frigo Franco e C.

Via Aldo Moro, 3
35013 Cittadella (PD)
Tel. 0499402725 - Fax. 0495973024

studio@studiofrancofrigo.it - www.studiofrancofrigo.it

IN EVIDENZA
Pratiche edilizie, Costruzioni edilizie, Cantieri, Collaudo e agibilità, Catasto e Conservatoria, Efficienza energetica, Urbanistica, Progettazione strutturale, Stime e perizie, Consulenze tecniche
Consulenti di direzione

Welmant srl

Piazza Aldo Moro, 10 p.15 in
35129 Padova (PD)
Tel. 0492021329 - Fax. 0498594808

info@welmant.it - www.welmant.it







CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

LEGGI ANCHE

IN PRIMO PIANO

Cosa fare in caso di furto del bancomat

In diversi casi, le banche, nell’ipotesi di furto delle carte di credito e bancomat, imputano al cliente una grave negligenza nella custodia della carta e del Pin e si rifiutano di rimborsare le somme sottratte e disconosciute dal correntista. La normativa...



IN PRIMO PIANO

Foto su Facebook sotto copyright

Diffondere contenuti e immagini sul social network più popolare non equivale a dire che tutti possano riutilizzarle a piacimento. Non si tratta di una convenzione, ma di un principio affermato in una recente sentenza italiana. La vicenda Un ragazzo...



IN PRIMO PIANO

RC auto, tagliando e attestato sono online

La formula burocratese è “dematerializzazione delle polizze assicurative”. Il risultato, in parole povere, è l’eliminazione progressiva dei documenti cartacei riguardanti il tagliando assicurativo e l'attestato di rischio. Vediamo cosa cambia, in concreto,...



IN PRIMO PIANO

Fisco, dati illeciti utilizzabili

Potrebbe apparire come un paradosso, ma lo Stato italiano potrà usare i dati sottratti illecitamente relativi all'evasione fiscale. Ciò a cui facciamo riferimento sono i dati contenuti nella cosiddetta "lista Falciani", cioè la lista di evasori italiani...



IN PRIMO PIANO

Emission trading alla scadenza

Scade il 31 marzo 2015 l’invio del Piano di Monitoraggio Emission Trading. I gestori di impianti Emission Trading e gli operatori aerei amministrati dall’Italia devono comunicare al Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e il...



[x] chiudi

IN PRIMO PIANO

Responsabilità civile magistrati è legge

Dopo trent’anni di annunci, referendum popolari e discussioni pubbliche di ogni sorta, la legge sulla responsabilità civile dei magistrati è diventata legge. Ciò, in estrema sintesi, significa che i magistrati risponderanno per eventuali danni arrecati...




FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio