Consulenza o Preventivo Gratuito

La quantificazione del tasso alcolico

del 19/07/2010

La quantificazione del tasso alcolico

Tribunale di Monza 17-07-2008 Giudice Monocratico Barbara - ART. 186 C.D.S.

Poiché oggi la quantificazione del tasso alcolico presente nel sangue del reo è così rilevante da determinare trattamenti sanzionatori differenziati, non si può nel dubbio risolvere il problema presumendo la sussistenza della fattispecie penale meno grave e conseguentemente applicando la sanzione più lieve, ma per il principio del favor rei si deve: in assenza di altri univoci elementi probanti ritenere, quantomeno in dubbio, che il tasso alcolemico fosse al di sotto della soglia di 0,5 g/l ritenuta dal legislatore penalmente rilevante. (Art. 186, comma 2, C.d.S.).

19/07/2010

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Guida in stato di ebbrezza: co-proprietà

del 27/07/2010

Sequestro dell’auto per guida in stato di ebbrezza anche se vi sono due proprietari. Questa la dec...

Differimento della pena per il malato

del 13/09/2010

"Il giudice investito della delibazione della domanda per l'applicazione dell'art. 147 c.p. deve ten...

Ricettazione: sì alla condizionale se il reato è la truffa

del 16/09/2010

"..il reato presupposto di truffa prevede nel massimo una pena inferiore agli anni cinque, che ove r...