Consulenza o Preventivo Gratuito

Ricettazione: sì alla condizionale se il reato è la truffa

del 16/09/2010

Ricettazione: sì alla condizionale se il reato è la truffa

"..il reato presupposto di truffa prevede nel massimo una pena inferiore agli anni cinque, che ove riconosciuta sussistente in concreto, avrebbe consentito l'irrogazione di una pena per cui sarebbe stata possibile la concessione del beneficio della sospensione condizionale". Questa la motivazione con cui la Corte di cassazione - sentenza n. 33575 del 14 settembre 2010 - ha ammesso l'applicabilità nella specie del beneficio della sospensione condizionale anche in caso di ricettazione nel caso in cui il reato presupposto sia la truffa, reato sanzionato con la pena della reclusione inferiore nel massimo a cinque anni.

a cura della Redazione

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
La quantificazione del tasso alcolico

del 19/07/2010

Tribunale di Monza 17-07-2008 Giudice Monocratico Barbara - ART. 186 C.D.S. Poiché oggi la quantific...

Guida in stato di ebbrezza: co-proprietà

del 27/07/2010

Sequestro dell’auto per guida in stato di ebbrezza anche se vi sono due proprietari. Questa la dec...

Differimento della pena per il malato

del 13/09/2010

"Il giudice investito della delibazione della domanda per l'applicazione dell'art. 147 c.p. deve ten...