Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Lavoro a domicilio

del 13/01/2012
CHE COS'È?

Lavoro a domicilio: definizione

Il lavoro a domicilio è una particolare tipologia di contratto di lavoro subordinato.
Il lavoratore a domicilio esegue la propria prestazione lavorativa presso il proprio domicilio o presso un locale di cui abbia la disponibilità, anche con l’ausilio di familiari conviventi.
All'interno del nostro ordinamento l'istituto del lavoro a domicilio è regolato dalla legge n. 877 del 18 dicembre 1973, con la quale è stata introdotta una disciplina specifica per questo tipo di rapporto di lavoro.
L'articolo 1 della suddetta legge “Nuove norme per la tutela del lavoro a domicilio” chiarisce il carattere essenziale del lavoro a domicilio nell'espletamento dell'attività lavorativa presso l'abitazione del lavoratore o in un locale di cui egli abbia la disponibilità, non di diretta pertinenza del datore di lavoro.
Anche il codice civile, all'articolo 2128, richiama il lavoro a domicilio, estendendone l’applicazione alle disposizioni del lavoro nell'impresa, quando compatibili con la specialità del rapporto. 

Avv. Elisabetta Fedegari 
Ordine degli Avvocati di Pavia
Studio Fedegari

COME SI FA
Vi sono tuttavia delle particolarità relative a tale tipologia di rapporto di lavoro.
All'articolo 2 della legge n. 877/73, sopra richiamata, sono previste tre ipotesi in cui è espressamente vietato ricorrere al lavoro a domicilio:
  1. lavorazioni che comportino l'impiego di sostanze o materiali nocivi o pericolosi per la salute o l'incolumità del lavoratore e dei suoi familiari; 
  2. azienda interessata a programmi di ristrutturazione, riconversione o riorganizzazione che abbiano comportato licenziamenti o sospensioni dal lavoro, per un periodo di tempo di un anno dall'adozione dell'ultimo provvedimento; 
  3. azienda che, dopo aver ceduto a terzi macchinari ed attrezzature, continui la medesima lavorazione affidandola a lavoratori a domicilio. 
Altresì i lavoratori che eseguono lavori a domicilio debbono essere retribuiti sulla base di tariffe di cottimo pieno risultanti dai contratti collettivi della categoria.
Qualora tali contratti non dispongano in ordine alla tariffa per il lavoro a domicilio questa viene determinata da una commissione a livello regionale composta da otto membri in rappresentanza paritetica dei datori di lavoro e dei lavoratori.
I contratti collettivi prevedono inoltre ulteriori voci retributive, quali il trattamento di fine rapporto, le maggiorazioni per il lavoro festivo o notturno, il rimborso spese per l'uso di attrezzature di proprietà del lavoratore.
Il lavoro concretamente svolto dal prestatore risulta da un apposito registro aziendale e da un libretto personale di controllo, tenuto dal lavoratore, in cui sono annotate le singole consegne, il tipo di lavoro da eseguire, la qualifica del prestatore, la misura della retribuzione, le eventuali maggiorazioni.

CHI
Il lavoratore a domicilio deve prestare la sua attività con diligenza, custodire il segreto sui modelli del lavoro affidatogli, attenersi alle istruzioni ricevute dall'imprenditore nell'esecuzione del lavoro.
Il lavoratore a domicilio non può eseguire lavoro per conto proprio o di terzi in concorrenza con l'imprenditore, quando questi gli affida una quantità di lavoro atto a procurargli una prestazione continuativa corrispondente all'orario normale di lavoro, secondo le disposizioni vigenti e quelle stabilite dal contratto collettivo di categoria.
La legge prevede che i lavoratori a domicilio debbano essere iscritti in un apposito registro tenuto a cura dei Centri per l'impiego.
I datori di lavoro che intendano avvalersi di lavoratori a domicilio sono tenuti ad iscriversi in un apposito "registro dei committenti", tenuto dalle Direzioni provinciali del lavoro.

FAQ

Lavoro a domicilio e lavoro domestico sono la stessa cosa?

Non bisogna confondere il lavoro a domicilio con il lavoro domestico, ovvero l'attività lavorativa effettuata alle dipendenze di un datore di lavoro nella sua abitazione in qualità di colf, cameriere, giardiniere, istitutore o tutore.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONTRATTI FLESSIBILI DI LAVORO: VOCI CORRELATE

Lavoro ripartito

di del 19/01/2012

L’articolo 41 comma 1 e 2 del decreto legislativo 276/2003 definisce il contratto di lavoro ripartit..

Lavoro a tempo parziale - part time

di del 17/01/2012

Nell’ambito del rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato ovvero determinato, l’assunzion..

Contratto a tempo determinato

di del 13/01/2012

La legge consente di porre un termine al contratto di lavoro subordinato: in presenza di determinate..

Contratto di inserimento o reinserimento

di Avv. Andrea Tiso del 17/01/2012

Il contratto di inserimento, introdotto con il decreto legislativo n. 276/2003, è un contratto che s..

Lavoro extra e di surroga

di del 13/01/2012

Con la definizione di “lavoratori extra e di surroga” si individua quel personale operante nel compa..