Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Somministrazione di lavoro

del 17/01/2012
CHE COS'È?

Somministrazione di lavoro: definizione

Per somministrazione di lavoro si intende la fornitura specializzata di personale subordinato, assunto e retribuito da agenzie di lavoro (somministratori), a favore di un terzo soggetto, definito “utilizzatore”. Il rapporto coinvolge, pertanto, tre soggetti: l’agenzia di lavoro, il lavoratore e l’impresa utilizzatrice. Per tutta la durata della somministrazione il lavoratore svolge la propria attività nell’interesse nonché sotto la direzione e il controllo dell’utilizzatore. Questa tipologia contrattuale scaturisce dall’evoluzione normativa del lavoro interinale, introdotto nel 1997 con l’intento di regolare il divieto, posto dall’ordinamento italiano, dell’intermediazione privata nelle prestazioni di lavoro. Normativa risalente agli anni ’60 (legge n. 1369/1960) che, con l’entrata in vigore della disciplina in materia di somministrazione di lavoro, è stata abrogata.
Le agenzie del lavoro, che possono svolgere anche attività di intermediazione nella ricerca e selezione del personale, per potere operare devono possedere particolari requisiti previsti dalla legge, a garanzia della regolarità del servizio e per la tutela dei lavoratori coinvolti nonché dei rapporti contrattuali con l’impresa utilizzatrice. In mancanza del rispetto delle prescrizioni di legge per lo svolgimento dell’attività di somministrazione i lavoratori coinvolti vengono considerati alle dipendenze dell’utilizzatore.
Normativa: decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, articoli 3-28.




COME SI FA

Il rapporto trilaterale così delineato è caratterizzato da un contratto di lavoro tra il lavoratore e il somministratore (agenzia di lavoro) e da un contratto commerciale di somministrazione tra il somministratore (agenzia di lavoro) e l’azienda utilizzatrice. Il contratto di somministrazione deve avere forma scritta, a pena di nullità ed indicare una serie di elementi quali, ad esempio, gli estremi dell’autorizzazione allo svolgimento dell’attività di somministrazione, il numero dei lavoratori somministrati e relative mansioni e inquadramento, la data di inizio e la durata della somministrazione, luogo, orario e trattamento economico-normativo connesso alle prestazioni lavorative, le ragioni giustificatrici del ricorso alla somministrazione specificatamente individuate, gli eventuali rischi per la sicurezza dei lavoratori e relative misure di prevenzione, l’assunzione dell’obbligo, da parte del somministratore, di sostenere gli oneri retributivi e previdenziali del lavoratore somministrato e l’assunzione dell’obbligo, per l’utilizzatore, di rimborsare al somministratore gli oneri effettivamente sostenuti. I lavoratori somministrati hanno diritto al trattamento retributivo applicato dall’utilizzatore ai propri lavoratori comparabili, svolgenti le stesse mansioni.
Il contratto di somministrazione può essere a tempo determinato o a tempo indeterminato entro i parametri che sono stabiliti dalla legge.


CHI

E’ necessario avvalersi delle competenze di un professionista esperto in diritto del lavoro, al fine di verificare la sussistenza di tutti i presupposti previsti dalla legge e ciò anche al fine di evitare che il mancato rispetto delle disposizioni speciali in materia possa configurare un’ipotesi di somministrazione di lavoro vietata o, nei casi peggiori, fraudolenta, con conseguente responsabilità penale.


FAQ

E’ prorogabile il contratto di somministrazione?

La disciplina delle proroghe del contratto di somministrazione è rinviata dalla legge alla contrattazione collettiva. Il CCNL di settore per l’attività di somministrazione 24 luglio 2008 stabilisce che il periodo previsto inizialmente possa essere prorogato fino a sei volte in un arco temporale di trentasei mesi. Il medesimo CCNL prevede altresì che, qualora nell’ambito della stessa somministrazione del lavoratore presso la stessa impresa utilizzatrice, vengano utilizzate al massimo due proroghe nell’arco dei primi ventiquattro mesi, le proroghe residue possano prevedere il raggiungimento di una durata complessiva del contratto fino a quarantadue mesi.

Il contratto di somministrazione è sempre consentito?

No, l’utilizzatore non può avvalersi delle prestazioni di lavoratori somministrati da agenzie del lavoro nel caso non abbia effettuato la valutazione dei rischi prevista in materia di sicurezza sul lavoro, per la sostituzione di lavoratori in sciopero e, salvo diversa previsione dei contratti collettivi, nel caso in cui sia in atto in azienda una riduzione dell’orario di lavoro con diritto al trattamento all’integrazione salariale che interessi lavoratori adibiti alle stesse mansioni oggetto della somministrazione.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONTRATTI FLESSIBILI DI LAVORO: VOCI CORRELATE

Contratto di inserimento o reinserimento

di Avv. Andrea Tiso del 17/01/2012

Il contratto di inserimento, introdotto con il decreto legislativo n. 276/2003, è un contratto che s..

Lavoro extra e di surroga

di del 13/01/2012

Con la definizione di “lavoratori extra e di surroga” si individua quel personale operante nel compa..

Lavoro accessorio

di del 19/01/2012

Per lavoro accessorio (istituito dal decreto legislativo 276 del 2003 e modificato dalla legge 133 d..

Lavoro domestico

di Avv. Giulio Bonanomi del 17/01/2012

Il lavoro domestico è l'attività lavorativa che ha per oggetto la prestazione, con carattere di cont..

Rapporto di agenzia

di del 13/01/2012

Con il rapporto di agenzia una parte, l’agente, assume stabilmente l’incarico di promuovere la concl..