Preventivo Gratuito

Patente di guida, sospensione e revoca

del 04/05/2012
CHE COS'È?

La sospensione della patente di guida può costituire nel sistema del Codice della Strada:

  1. una sanzione amministrativa accessoria ad illecito amministrativo (ad esempio, in caso di eccesso di velocità superiore a 40 km/h, articolo 142 comma 9 Codice della Strada): in questo caso viene pre-applicata direttamente dagli agenti accertatori all’atto della redazione del verbale mediante il ritiro della patente, a cui segue un’ordinanza – che determina il periodo di durata della sospensione, la quale inizia comunque a decorrere al momento del ritiro della patente su strada – emessa dal Prefetto;
  2. una sanzione amministrativa accessoria a reato, cioè ad illecito penale (come nella guida in stato di ebbrezza, che costituisce un reato contravvenzionale, articolo 186 Codice della Strada): anche in quest’ipotesi la patente viene immediatamente ritirata “su strada” dall’agente che accerta la violazione; la “quantificazione definitiva” della sospensione è qui di competenza del giudice penale, anche se viene applicata una misura cautelare amministrativa;
  3. una misura cautelare amministrativa in caso di reato, che “precede”, dunque, l’irrogazione della sospensione disposta dal giudice, ma che viene applicata dal Prefetto; le ipotesi in cui viene sospesa la patente si riferiscono o ai reati previsti nel Codice della Strada, nel qual caso essa è automatica e spazia da 1 giorno a tre anni; oppure alle ipotesi di lesioni personali colpose (articolo 590 codice penale) o omicidio colposo (articolo 589 codice penale) derivanti da violazione delle norme sulla circolazione stradale, qualora esistano fondati elementi di evidente responsabilità;
  4. una misura cautelare amministrativa che viene applicata – a tempo questa volta indeterminato – qualora si verifichino determinati eventi che “inficiano” l’esistenza dei presupposti per il rilascio della patente: ad esempio, nel caso di mancata sottoposizione alla “revisione” della patente qualora si perdano tutti i punti o si commettano le infrazioni descritte nel comma 6 dell’articolo 126bis; oppure quando – in sede di accertamento sanitario (ad esempio, quello obbligatorio conseguente a molte ipotesi di alla guida in stato di ebbrezza) – si rilevi la perdita temporanea di un requisito psicofisico.


COME SI FA

Quali sono i presupposti? E quale è la procedura?

Nel caso di sospensione come sanzione amministrativa ad illecito amministrativo (1), il Prefetto deve soltanto valutare l’esistenza o meno dell’illecito contestato (per il quale viene redatto apposito verbale) ed emettere l’ordinanza entro 15 giorni dalla trasmissione degli atti alla Prefettura da parte dell’organo che ha accertato la violazione (trasmissione che deve avvenire entro 5 giorni).
Nel caso di sospensione come sanzione amministrativa a reato, il presupposto primario è una pronuncia di condanna (o assimilata: sentenza di patteggiamento o decreto penale di condanna) per quel reato, che viene emessa dal giudice penale.
Per la misura cautelare amministrativa, i presupposti si differenziano, pur essendo sempre il Prefetto l’autorità che emette l’ordinanza: se si tratta di una misura che viene applicata – provvisoriamente – per un reato previsto dal Codice della Strada, il Prefetto ha praticamente solo discrezionalità sulla durata della sospensione; se invece concerne lesione colpose o omicidio colposo che derivino da una violazione di norme sulla circolazione stradale, il Prefetto emette l’ordinanza solo in presenza di fondati elementi di evidente responsabilità (anche concorsuale) e purché non sia decorso un lasso di tempo eccessivo dal fatto.

Si può impugnare?

La sospensione comminata con la sentenza penale può essere impugnata solo con l’impugnazione penale (appello, ove ammesso, o ricorso per Cassazione); l’ordinanza di sospensione indicata al caso 4) con ricorso gerarchico al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti o con ricorso al T.A.R. nei 60 giorni dalla notifica; tutte le rimanenti ordinanze con ricorso al giudice di pace entro 30 giorni dalla notificazione.

CHI
Chi e come si applica la sospensione della patente? 

Nel caso 1 e 3, precedentemente indicati, il Prefetto con un’ordinanza di sospensione; nel caso 2 (quando cioè la sospensione della patente consegue alla commissione non di un illecito amministrativo, ma di un illecito penale, cioè di un “reato”) il giudice penale con la sentenza o con il decreto penale ma, come detto, è poi il Prefetto ad applicarla concretamente “scomputando” l’eventuale periodo di “ritiro” presofferto; nel caso 4, il Prefetto oppure – a seconda delle ipotesi – la direzione generale della Motorizzazione Civile.

vota  

VOCI CORRELATE
Guida senza assicurazione

di Avv. Barbara Bruno del 04/05/2012

L’obbligo dell’assicurazione per la responsabilità civile è imposto dal Codice della Strada a tutti ..

Ordinanza ingiunzione

di Avv. Nicola Fabio de Feo del 31/03/2011

In materia di codice della strada, l’ordinanza-ingiunzione è il provvedimento che di massima conclud..

Sequestro amministrativo

di Dott. Francesco Campobasso del 08/05/2012

Il sequestro si inserisce nel procedimento sanzionatorio come provvedimento di carattere cautelare t..

Confisca

di Avv. Vanda Cappelletti del 08/05/2012

La confisca è una sanzione accessoria che si applica nel caso in cui il guidatore di un veicolo prop..

Infrazioni al codice della strada

di Avv. Domenico Margariti del 22/11/2011

Le infrazioni al codice della strada, in base al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, si sudd..