Consulenza o Preventivo Gratuito

Incidenti: chi sbaglia paga (caro)

del 14/03/2016

Incidenti: chi sbaglia paga (caro)

È stata firmata nei giorni scorsi dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi la nuova legge che disciplina le pene per gli incidenti stradali, in particolare per quanto riguarda gli omicidi stradali. Vediamo cosa cambia con la nuova legge, da tempo sollecitata dalle associazioni che rappresentano i famigliari delle vittime.

Il reato di omicidio stradale: pene esemplari

Il punto cardine della nuova legge è il riconoscimento del reato di omicidio stradale a cui si affianca quello delle lesioni personali stradali. Significativo in tal senso è precisare quali siano le pene previste dalla legge. Particolarmente grave è il riconoscimento dell'omicidio stradale causato da un conducente in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di stupefacenti. In questo caso la pena detentiva in caso di morte di una delle persone coinvolte va da un minimo di cinque anni ad un massimo di dodici anni di reclusione. Nel caso in cui più persone decedano a seguito dell'incidente, la pena può essere elevata fino a 18 anni di reclusione massimi, a prescindere quindi dal numero di persone coinvolte. 

Pene importanti previste anche per chi causa lesioni gravi in stato di alterazione; in questo caso la pena prevista è compresa tra i 4 e i 7 anni per le lesioni gravissime, mentre per le lesioni giudicate gravi essa può essere compresa tra i 3 e i 5 anni. Tuttavia se il tasso alcolemico rilevato nel sangue è inferiore agli 0,8 g/l la pena si riduce a un periodo compreso tra 1 anno e sei mesi per le lesioni giudicate gravi e tra i 2 e i 4 anni per quelle gravissime.

Pene anche per chi non è in uno stato di alterazione

Un'importante novità della legge riguarda anche l'inasprimento delle pene previste per chi causa un incidente ma non si trova in uno stato di alterazione derivante da alcol o da stupefacenti. Infatti per chi causa un incidente mortale la pena può arrivare fino a 8 anni nel caso in un cui la velocità rilevata sia il doppio rispetto ai limiti previsti dal codice della strada per quel determinato luogo.

La reclusione è prevista infine anche per chi causa un incidente effettuando una manovra pericolosa: in questo caso il periodo di reclusione previsto è compreso tra i 2 e i 4 anni per le lesioni gravissime e tra un anno e sei mesi e tre anni per le lesioni giudicate come gravi.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Infrazioni al Codice della strada: ricorso al Prefetto

del 08/07/2010

Sgombriamo subito il campo da un equivoco, l’unico atto che può essere giuridicamente impugnato è c...

Non perde punti chi non dichiara il conducente

del 14/07/2010

Se non si dichiara il nome del conducente in seguito ad un’infrazione al Codice della strada non si...

Multe: novità col nuovo Codice della strada

del 19/07/2010

Il nuovo Codice della strada riguardante le infrazioni impedisce ai comuni di fare cassa con gli i...