Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Contabilità: interessi passivi

del 29/11/2011
CHE COS'È?

Contabilità interessi passivi: definizione

Gli interessi passivi sono oneri sostenuti dall’impresa per il finanziamento della propria attività.
Possiamo operare una prima distinzione tra interessi passivi capitalizzati e non capitalizzati.

Interessi passivi capitalizzati
Gli oneri finanziari di solito costituiscono spese dell'esercizio e vanno addebitati direttamente al conto economico dell'esercizio in cui maturano. Poiché le immobilizzazioni materiali costituiscono beni destinati all'organizzazione permanente delle imprese e producono redditi solo quando sono in funzione, gli oneri finanziari sostenuti per la loro fabbricazione, interna o presso terzi (con esclusione di quelli sostenuti per l’acquisto, salvo che l’acquisto sia conseguente ad una fabbricazione demandata a terzi), possono essere capitalizzati nel valore da attribuire alle immobilizzazioni materiali e con i seguenti limiti: la capitalizzazione si riferisce agli interessi passivi sostenuti per capitali presi a prestito specificamente per la fabbricazione di immobilizzazioni, gli interessi capitalizzabili sono solo quelli maturati durante il "periodo di costruzione", il finanziamento è stato realmente utilizzato per l'acquisizione dei cespiti e il tasso d'interesse da utilizzarsi per la capitalizzazione è quello dell'interesse realmente sostenuto per il finanziamento a medio e lungo termine utilizzato. Gli utili e le perdite derivanti dall'oscillazione dei cambi relativi alla liquidazione (pagamento) dei costi sostenuti in base ad operazioni condotte in valuta estera, costituiscono rispettivamente proventi (guadagni) ed oneri di natura finanziaria e normalmente non influiscono ai fini della determinazione del costo originario della immobilizzazione materiale. Il valore, inclusivo dell'interesse, del cespite che è destinato a far parte dell'organizzazione permanente dell'impresa, non può superare il valore recuperabile tramite l'uso.

Interessi passivi non capitalizzati
Il Testo Unico delle imposte sui redditi (articolo 96) pone un limite di deducibilità degli interessi passivi e degli oneri assimilati per le imprese industriali che, in sintesi, è il seguente:

  • gli interessi passivi e gli oneri assimilati, diversi da quelli capitalizzati (e cioè compresi nel costo dei beni), sono deducibili in ciascun periodo d’imposta fino a concorrenza degli interessi attivi e proventi (guadagni) assimilati;
  • l’eccedenza è deducibile nel limite del 30% del risultato operativo lordo della gestione caratteristica;
  • gli interessi passivi e gli oneri assimilati indeducibili in un determinato periodo d’imposta sono dedotti dal reddito dei successivi periodi d’imposta, se e nei limiti in cui in tali periodi l’importo degli interessi passivi e degli oneri assimilati di competenza eccedenti gli interessi attivi e i proventi assimilati sia inferiore al 30% del risultato operativo lordo di competenza;
  • per il primo e il secondo periodo d’imposta di applicazione (ad esempio: esercizi 2008 e 2009), il limite di deducibilità degli interessi passivi è aumentato di un importo pari, rispettivamente, a 10.000 euro (per il 2008) e a 5.000 euro (per il 2009).

Interessi passivi non deducibili e iscrivibilità delle attività per imposte anticipate
Nell’esercizio in cui parte (o tutti) gli interessi passivi non siano deducibili occorre effettuare una valutazione sulla possibilità di riassorbimento nei prossimi esercizi di tali interessi passivi non dedotti nell’esercizio medesimo, al fine di valutare l’iscrivibilità delle relative imposte anticipate.
Nell’ambito di tale valutazione, la dottrina ha rilevato che in molti casi la struttura delle fonti di finanziamento così come i margini (il Rol) rimangono simili da un esercizio all’altro, non consentendo quindi la deduzione degli interessi passivi rinviati e, conseguentemente, l’iscrizione delle connesse imposte anticipate.
Per i soggetti Irpef  trova invece applicazione l’articolo 61 del Tuir, ai sensi del quale:

  • gli interessi passivi inerenti all’esercizio d’impresa sono deducibili per la parte corrispondente al rapporto tra l’ammontare dei ricavi e altri proventi che concorrono a formare il reddito d’impresa o che non vi concorrono in quanto esclusi e l’ammontare complessivo di tutti i ricavi e proventi (comma 1);
  • la parte di interessi passivi non deducibile ai sensi del comma 1 non dà diritto alla detrazione dall’imposta prevista alle lettere a) e b) del comma 1 dell’articolo 15 (comma 2).

Il legislatore ha inteso differenziare i regimi di deducibilità degli interessi passivi con riferimento ai soggetti Ires e Irpef, semplificando le regole di deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa dei soggetti Irpef.
Per i soggetti Irpef che operano in contabilità ordinaria l’attuale disciplina si caratterizza, da un lato, per l’abolizione delle precedenti norme in materia di thin capitalization e di pro rata patrimoniale e, dall’altro, per l’esplicito richiamo al principio di inerenza che, se interpretato restrittivamente dall’Amministrazione finanziaria, potrebbe comportare incisive limitazioni alla deducibilità degli interessi passivi.

Per quanto attiene all’Irap, da ultimo, gli interessi passivi sono normalmente indeducibili.

Dottore Commercialista Roberto Santini
Ordine dei Commercialisti di Bologna
Gazzani Studio Commercialisti


COME SI FA

Gli interessi passivi sono stabiliti in sede di stipulazione del relativo contratto (mutuo, prestito o altra forma di finanziamento), tenendo conto tra l’altro di indici di natura finanziaria (Euribor, per esempio).
La loro corretta gestione richiede, oltre a competenze di natura finanziaria che normalmente attengono alla fase di accensione del finanziamento, la applicazione delle regole dettate dal codice civile, dai principi contabili e dalla normativa fiscale.


CHI

Il commercialista si occupa della consulenza e dell’assistenza al cliente, in tutti i vari aspetti, dal momento della individuazione della forma di finanziamento più adeguata, alla ricerca del soggetto finanziatore sino alla erogazione del credito, nonché della consulenza per tutti gli aspetti contabili, di bilancio e fiscali.


FAQ

Gli interessi passivi sui debiti commerciali contrattualmente previsti sono rilevanti ai fini del limite di deducibilità stabilito dall’articolo 96?

L'Agenzia delle Entrate ha chiarito che sono esclusi dal meccanismo del Rol di cui all'articolo 96 comma 1 del Tuir: gli interessi passivi espliciti su debiti di natura commerciale; gli interessi passivi su depositi cauzionali per attività commerciali e cioè derivanti da contratti commerciali di locazione oppure di fornitura di utilities (acqua, gas, eccetera). Ad avviso dell'Amministrazione finanziaria, la norma intende escludere dal proprio ambito di applicazione gli interessi che scaturiscono da rapporti di natura commerciale.

Si possono capitalizzare interessi passivi nel valore delle rimanenze di magazzino, come accade con le immobilizzazioni?

Secondo il Principio contabile OIC n. 13 – Le rimanenze di magazzino (§ D.III.m) nella determinazione del costo delle rimanenze gli oneri finanziari, come regola generale, vanno esclusi.Tuttavia, in quei casi in cui un finanziamento è stato chiaramente assunto a fronte di specifiche voci che richiedono un processo produttivo di vari anni prima di poter essere vendute (ad esempio nel caso di invecchiamento del brandy) il citato Principio contabile afferma che si possono includere i relativi interessi passivi tra i costi limitatamente al periodo di produzione, sempre che l'onere degli interessi sia stato realmente sostenuto, il costo più gli interessi non sia superiore al valore netto di realizzazione ed il fatto della capitalizzazione venga chiaramente esposto nella nota integrativa.

Come si applica la disciplina degli interessi passivi per gli immobili-patrimonio?

L’articolo 1, comma 35, della legge finanziaria per il 2008 ha chiarito - con norma di interpretazione autentica - che gli interessi passivi relativi a finanziamenti contratti per l’acquisizione dei beni immobili (cd. “immobili-patrimonio”), che non costituiscono beni strumentali all’attività d’impresa né beni merci concorrono alla determinazione del reddito d’impresa, diversamente da quelle spese e da quei componenti negativi per i quali vale la previsione di indeducibilità assoluta di cui all’articolo 90, comma 2, del Tuir. Conseguentemente, per i soggetti Ires gli interessi passivi di finanziamento contratti per l’acquisto degli immobili-patrimonio sono deducibili nei limiti e alle condizioni previste dall’articolo 6 del Tuir.Ai sensi del successivo comma 36 dell’articolo 1 della legge finanziaria per il 2008, tuttavia, non rilevano ai fini dell’articolo 96 del Tuir (e sono, pertanto, integralmente deducibili) gli “interessi passivi relativi  a finanziamenti garantiti da ipoteca su immobili destinati alla locazione” (Circ. n. 37/E del 22 luglio 2009 dell’Agenzia delle Entrate).
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONTABILITÀ: VOCI CORRELATE

Principi contabili OIC

di Dott.ssa Patrizia Martino del 12/11/2012

I principi contabili sono regole tecnico-ragioneristiche che individuano i fatti da registrare ed i ..

Contabilità: tenuta

di Dott. Roberto Fedegari del 20/09/2011

L’inizio di un’attività imprenditoriale o professionale comporta l’attivazione di un sistema organiz..

Redazione del libro inventari

di del 25/01/2012

Il libro inventari è un adempimento posto a carico dell’imprenditore che esercita un’attività commer..

Contabilità: sopravvenienze passive

di Dott.ssa Sara Mazza del 15/11/2012

Le sopravvenienze passive sono delle “componenti straordinarie di reddito”, ovvero dei ricavi mancat..