Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Ubriachezza

del 16/09/2011
CHE COS'È?

Ubriachezza: definizione

Una volta l'ubriachezza era un'ipotesi di reato, mentre ora, a seguito di depenalizzazione avvenuta con decreto legislativo n. 507 del 1999, costituisce un illecito amministrativo punibile con sanzione amministrativa pecuniaria da 51 a 309 euro (articolo 688 codice penale).
Di tale sanzione amministrativa è passibile chiunque, in luogo pubblico o aperto al pubblico, è colto in stato di manifesta ubriachezza (cosiddetta ubriachezza semplice).
La seconda parte dell'articolo 688 codice penale prevede una pena più grave (arresto da tre a sei mesi) qualora la condotta di ubriachezza manifesta sia tenuta da una persona che abbia già subito una condanna penale per una reato contro la vita o l'incolumità individuale. Tale specifica ipotesi, che non era stata trasformata in un illecito amministrativo, è stata nel 2002 dichiarata costituzionalmente illegittima dalla Corte Costituzionale.
Oggi quindi sussiste solo l'illecito amministrativo dell'ubriachezza cosiddetta semplice.

Avv. Carlo Melzi d'Eril 
Ordine degli Avvocati di Milano
ACCMS Studio Legale


COME SI FA

L'illecito può realizzarsi sia nel caso in cui il soggetto, ubriacatosi in luogo privato, si rechi successivamente in un luogo pubblico o aperto al pubblico, sia nel caso in cui si ubriachi trovandosi già negli stessi.
E' necessaria la volontarietà di entrambe le condotte, sia quella di ingerire bevande alcooliche sia quella di trovarsi in uno stato di manifestata ubriachezza in un luogo pubblico. Ad esempio, non risponderebbe dell'illecito chi sia stato condotto fuori dalla sua abitazione da un terzo per ragioni, ad esempio, di cura, come potrebbe avvenire nel caso di necessità di recarsi all'ospedale.
Non si richiede che l'ubriachezza venga accertata mediante giudizi tecnici (ad esempio perizie medico-legali, esami clinici, eccetera), ma è sufficiente un giudizio secondo il senso comune. Secondo la giurisprudenza l'illecito è sussistente quando il comportamento in pubblico dell'ubriaco denunci in maniera chiara e percepibile per chiunque uno stato di manifesta ubriachezza come, ad esempio, nel caso di alito fortemente alcoolico, andatura barcollante, pronuncia incerta, eccetera. Viceversa, non sarebbe punibile colui che, pur effettivamente e gravemente ubriaco, riesca a controllare le sue manifestazioni esteriori in modo tale da non turbare in alcun modo la tranquillità pubblica.


CHI

Anche nel caso di illeciti amministrativi, come tutte le volte che si ha anche solo il sospetto di essere indagati o di avere subito un reato, è consigliabile contattare un avvocato al fine di ricevere chiarimenti sul caso concreto e compiere gli eventuali "passi" che, insieme al legale, venissero giudicati necessari o anche solo opportuni.


FAQ

Cosa si intende per luogo pubblico o aperto al pubblico?

Luogo pubblico è quello continuamente libero a tutti o ad un numero indeterminato di persone (ad esempio giardini pubblici), mentre è aperto al pubblico il luogo ove le persone posso accedere solo in determinati momenti (ad esempio cinema, teatro, eccetera).La circostanza di trovarsi in un luogo pubblico o aperto al pubblico è fondamentale per la configurabilità dell'illecito in questione. Esso infatti mira a punire non l'ubriachezza in quanto tale, ma il trovarsi ubriachi in quei determinati luoghi.

L'interno di una autovettura può essere considerato un luogo aperto al pubblico?

No, la giurisprudenza ha chiarito che l'abitacolo della macchina non è un luogo aperto al pubblico, bensì solo un luogo esposto al pubblico, cioè situato in modo che un numero indeterminato di persone possa percepire cosa in esso avviene o si fa. Analogamente, sono luoghi solamente esposti e non aperti al pubblico i terrazzi o i balconi.

L'illecito in questione può concorrere con la guida in stato di ebbrezza?

Secondo la giurisprudenza l'ubriachezza punita dall'articolo 688 codice penale può concorre con la guida in stato di ebbrezza di cui all'articolo 186 del codice della strada, data la diversità degli interessi giuridici rispettivamente tutelati dalle due norme. Nel codice penale, infatti, si mira alla prevenzione dell'alcolismo e alla tutela dell'ordine pubblico, in quello stradale, invece, si vuole garantire la sicurezza della circolazione sulle strade e l'incolumità di chi vi si trova.La differenza tra l'ebbrezza e l'ubriachezza sta nell'intensità dell'alterazione fisica e psicologica, che è più grave nell'ubriachezza. Inoltre, mentre l'ebbrezza può non essere manifesta (essendo necessari, quindi, specifici accertamenti tecnici), l'ubriachezza è punibile solo quando lo è. L'ubriachezza, quindi, in sé comprende e assorbe, dal punto di vista clinico, l'ebbrezza, perché ne costituisce uno stato più avanzato. Tuttavia, per essere perseguibile, deve essere oltre che in luogo pubblico, anche manifesta. 
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONTRAVVENZIONI DI POLIZIA: VOCI CORRELATE

Rifiuto di identificazione

di Avv. Cristina Rastelli del 23/09/2011

Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 651 codice penale si punisce “chiunque, richiesto da un Pu..

Omesso collocamento di segnali

di del 12/09/2016

L'omesso collocamento di segnali o ripari è un reato previsto dall'articolo 673 del Codice Penale, c..

Rovina di edifici

di del 01/03/2016

La rovina di edifici è un illecito sanzionato dall’articolo 2053 del Codice Civile, che stabilisce c..

Spettacoli pubblici: contravvenzioni

di del 29/06/2017

Le contravvenzioni per gli spettacoli pubblici sono disciplinate dall'articolo 666 del Codice Penale..

Accattonaggio

di del 07/10/2016

L'accattonaggio è una pratica che consiste nel chiedere l'elemosina in luoghi pubblici. Questa attiv..