Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Millantato credito

del 17/01/2011
CHE COS'È?

Millantato credito: definizione

L'articolo 346 codice penale punisce due distinte ipotesi delittuose:

  • il fatto di chi, millantando credito presso un pubblico ufficiale, o presso un pubblico impiegato che presti un pubblico servizio, riceve, fa dare o fa promettere, a sé o ad altri, denaro o altra utilità, come prezzo della propria mediazione verso il pubblico ufficiale o impiegato. (Pena: reclusione da uno a cinque anni e multa da 309 euro a 2.065 euro).
  • il fatto di chi riceve, fa dare o fa promettere, a sé o ad altri, denaro o altra utilità, col pretesto di dover comprare il favore di un pubblico ufficiale o impiegato, ovvero di doverlo remunerare. (Pena: reclusione da due a sei anni e multa da 516 euro a 3.098 euro).

E' un delitto contro la pubblica amministrazione, comunemente denominato “vendita di fumo”, in quanto il prestigio dei pubblici uffici viene leso dalla condotta di colui che vanta la capacità di influenzare le decisioni dell'ente pubblico, facendone apparire i funzionari come corrotti o corruttibili o sensibili alle altrui raccomandazioni. Tale reato, inoltre, espone a pericolo i principi di imparzialità e di buon andamento della pubblica amministrazione, i quali richiedono che l'azione amministrativa si svolga in maniera corretta e libera da qualsivoglia influenza illecita o interesse personale dei pubblici funzionari.

Avv. Carlo Melzi d'Eril
Ordine degli Avvocati di Milano
ACCMS Studio Legale


COME SI FA

Il millantato credito è un reato comune che può essere commesso da chiunque.
Per la configurazione della prima fattispecie delittuosa è indispensabile l'attività di millanteria. Essa consiste in una “vanteria”, cioè nella ostentazione della possibilità di influire su un pubblico ufficiale che viene quindi fatto apparire come persona “avvicinabile”, ovvero “sensibile” a favorire interessi privati in danno degli interessi pubblici di imparzialità, di economicità e di buon andamento degli uffici, cui deve viceversa ispirarsi l'azione della pubblica amministrazione.
Oggetto della millanteria è il “credito”: si fa intendere alla vittima di avere la capacità di esercitare un'influenza su pubblici poteri. Non è necessario che siano individuati i singoli funzionari e i reali rapporti che il millantatore intrattiene con essi, né tanto meno che il credito vantato sia effettivamente sussistente.
Il secondo requisito è costituito dalla pattuizione del prezzo della mediazione presso il pubblico ufficiale. Ai fini della sussistenza del reato è sufficiente il conseguimento da parte del millantatore della promessa di denaro o di altra utilità per la propria attività di intermediario, mentre è irrilevante che tale corrispettivo venga poi effettivamente richiesto o versato.
La seconda ipotesi delittuosa consiste, invece, nella pattuizione della mediazione col pretesto di dover comprare il favore di un pubblico ufficiale o impiegato, o di doverlo remunerare. Essa si differenzia dalla prima in quanto l'utilità è carpita non come prezzo di una attività di mediazione da svolgere presso il funzionario indicato come arrendevole, ma sostenendo falsamente di dover versare una somma o assicurare un vantaggio ad un pubblico ufficiale per compensarlo dell'opera già svolta.
In entrambi i casi il pubblico ufficiale non deve essere realmente interessato all'affare, perché se la remunerazione fosse effettivamente a lui destinata si “cadrebbe” nella diversa ipotesi di corruzione.


CHI

Il reato di millantato credito è perseguibile d'ufficio.
L'autorità giudiziaria competente è il Tribunale monocratico del luogo in cui il reato è stato consumato, cioè dove l'agente (il millantatore) riceve il denaro o altra utilità, o ne ottiene la promessa.


FAQ

Può assumere rilevanza una condotta implicita di millanteria?

Secondo l'opinione dominante, la vanteria, che va ad integrare il fatto tipico di millantato credito, può assumere tanto la forma implicita, quanto una forma espressa, chiara ed inconfondibile, nella quale il soggetto si espone manifestando la possibilità di influire e manovrare il comportamento del pubblico ufficiale.

E' perseguibile il privato “compratore di fumo”?

La persona che dà o promette il denaro o l'altra utilità a chi millanta soltanto, benché ponga in essere una condotta magari moralmente riprovevole, non commette alcun reato. Inoltre il millantatore è tenuto a restituire al privato quanto ricevuto quale prezzo della propria mediazione o del favore del pubblico ufficiale.
vota  

DISCUSSIONI ARCHIVIATE

RICCARDO NOVELLI

12/03/2012 13:50:37

vorrei sapere se si configura reato di millantato credito in una persona che dice di rappresentare un intero condomio presso comune e altra autorità anche senza chiedere compensi.

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO LA PA: VOCI CORRELATE

Resistenza a pubblico ufficiale

di del 06/01/2016

L'articolo 337 del Codice Penale specifica che commette il reato di resistenza a pubblico ufficiale ..

Oltraggio a pubblico ufficiale

di del 05/07/2016

Il reato di oltraggio a pubblico ufficiale, disciplinato dall'articolo 341 bis del Codice Penale, vi..

Concussione

di Avv. Barbara Bruno del 15/12/2011

La concussione è un reato. Lo commette il Pubblico Ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio ..

Abuso d'ufficio

di Avv. Antonio Lamarucciola del 15/12/2011

L’abuso d’ufficio, disciplinato dall’articolo 323 codice penale, si verifica quando un Pubblico Uffi..

Interruzione da parte di terzi di un ufficio pubblico

di Avv. Barbara Sartirana del 23/04/2012

L'interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di pubblica necessità è il reato attribuibile a c..