Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Sottrazione di cose sottoposte a sequestro

del 24/02/2016
CHE COS'È?

Sottrazione di cose sottoposte a sequestro: definizione

Il reato di sottrazione di cose sottoposte a sequestro, previsto dall'articolo 334 del Codice Penale, viene commesso da chi deteriora, disperde, distrugge, sopprime o sottrae una cosa che è stata sottoposta a un sequestro stabilito in un procedimento penale, al fine di favorire il proprietario della cosa stessa. La pena prevista è la reclusione, per un periodo che va da un minimo di sei mesi a un massimo di tre anni, insieme con una multa da 51 a 516 euro. Nel caso in cui l'azione sia commessa dal proprietario della cosa e questa sia affidata alla sua custodia, la pena prevista è la reclusione da tre mesi a due anni, con una multa da 30 a 309 euro. Invece, nel caso in cui l'azione sia commessa dal proprietario della cosa e questa non sia affidata alla sua custodia, la pena prevista è la reclusione da un mese a un anno, con una multa fino a 309 euro. 


COME SI FA

A quale tipo di sequestro si fa riferimento?

La condotta viene sanzionata se si è in presenza di un sequestro disposto dall'autorità amministrativa o verificatosi nel corso di un procedimento penale. Non rientrano nella casistica, quindi, i pignoramenti, il sequestro giudiziario e il sequestro conservativo, mentre vi rientrano il sequestro preventivo e il sequestro probatorio, per ciò che concerne il procedimento penale.

Che cosa si intende con "custodia"?

Il custode è il soggetto al quale per legge viene affidata la conservazione dei beni pignorati e sequestrati e la loro amministrazione: destinatario di un atto di nomina da parte dell'autorità, è ritenuto un pubblico ufficiale da quasi tutta la dottrina, anche se non manca chi lo considera un incaricato di pubblico servizio. Nel sequestro penale e nel sequestro amministrativo non possono essere nominati custodi i ragazzi con meno di quattordici anni, i soggetti che sono stati sottoposti a misure di prevenzione o a misure di sicurezza detentive, le persone in stato di intossicazione da stupefacenti, quelle in stato di ubriachezza manifesta e quelle affette palesemente da infermità mentale.


CHI

Un avvocato penalista.


FAQ

1. Che differenza c'è tra l'articolo 334 del Codice Penale e l'articolo 388?

L'articolo 334 corrisponde alla sottrazione o al danneggiamento di cose sottoposte a sequestro disposto dall'autorità amministrativa o nel caso di procedimento penale, mentre l'articolo 388 riguarda la mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice: nel primo caso, è ammessa la perseguibilità di ufficio, mentre nel secondo caso no. Un esempio di reato riferibile all'articolo 334 è quello compiuto da chi sottrae cose che sono state sottoposte a un pignoramento in occasione di una procedura per il recupero delle spese giudiziarie da parte dell'autorità amministrativa. Questo, almeno, era quello che specificavano la sentenza numero 7516 del 1994 e la sentenza numero 6985 del 1995 della Cassazione, che però sono state smentite dalla sentenza numero 7567 del 1996, per il quale la sottrazione di cose attuata in questo specifico caso è riconducibile all'articolo 388, e di conseguenza non è perseguibile d'ufficio ma è punibile unicamente a querela della persona offesa. Nella sentenza in questione si fa notare che l'articolo 334 non parla di cose che sono state sottoposte a pignoramento, e di conseguenza non è possibile paragonare il pignoramento con il sequestro, almeno fino a quando non ci sarà una disciplina legislativa unitaria in merito, poiché si tratta di due istituti che appaiono nettamente diversi tra loro. 
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

REATI CONTRO LA PA: VOCI CORRELATE

Abuso d'ufficio

di Avv. Antonio Lamarucciola del 15/12/2011

L’abuso d’ufficio, disciplinato dall’articolo 323 codice penale, si verifica quando un Pubblico Uffi..

Frode nelle pubbliche forniture

di del 16/09/2016

La frode nelle pubbliche forniture è un reato previsto dall'articolo 356 del Codice Penale, che stab..

Istigazione alla corruzione

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 15/12/2011

Il reato di istigazione alla corruzione (articolo 322 codice penale) completa l'articolato sistema d..

Violazione di sigilli

di del 02/11/2016

La violazione di sigilli è un reato previsto dall'articolo 349 del Codice Penale, che stabilisce una..

Abusivo esercizio di una professione

di Avv. Barbara Bruno del 31/03/2011

L’abusivo esercizio di una professione è un reato che il codice penale punisce con la reclusione fi..