CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Interruzione da parte di terzi di un ufficio pubblico

Ordine degli Avvocati di Milano

Aggiornato al 23/04/2012

CHE COS'È

L'interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di pubblica necessità è il reato attribuibile a chiunque causi un'interruzione o turbi la regolarità di un servizio o di un'attività utile per la collettività. Trattasi di un reato residuale, applicabile nel caso in cui la tipologia di condotta non sia prevista da diversa e particolare disposizione di legge.
(Codice penale articolo 340)

Avv. Barbara Rita Sartirana
Ordine degli Avvocati di Milano
Studio Legale Avv. Barbara Sartirana

COME SI FA

Nel caso in cui si abbia intenzione di denunciare taluno per interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di pubblica necessità occorre preliminarmente verificare accuratamente i presupposti del reato.
In primo luogo l'elemento oggettivo, ossia il tipo di azione posta in essere e la sua idoneità ad ostacolare il servizio pubblico, nonché l'entità del servizio oggetto di interruzione.
In secondo luogo, sarà utile esaminare elementi che portino a dimostrare la mala fede del soggetto, ossia il dolo: dovrà aver agito con specifica intenzionalità diretta a provocare l'interruzione o il turbamento del pubblico ufficio o servizio, ovvero con la consapevolezza che il proprio comportamento possa determinare quegli effetti, accettandone ed assumendosi il relativo rischio.
Al positivo riscontro di tali elementi, si potrà formalizzare denuncia.

Nel caso in cui mi abbiano denunciato per interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di pubblica necessità, trattandosi di reato procedibile d'ufficio, è consigliabile da subito rivolgersi a un legale di fiducia perché possa esaminare lo stato del procedimento e, in caso di indagini ancora in corso presso l'Ufficio del Pubblico Ministero, eventualmente valutare la possibilità di intervenire con indagini difensive a dimostrazione dell'insussistenza del reato. In particolare sarà utile trovare elementi a sostegno dell’assenza di consapevolezza di ostacolare un pubblico servizio, ovvero di presenza di cause di giustificazione o scriminanti (ad esempio lo stato di necessità). 

CHI

La denuncia per interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di pubblica necessità può essere presentata personalmente presso qualsiasi ufficio di Polizia Giudiziaria (Carabinieri, Polizia, Segreteria di Procura, eccetera). Nel caso si voglia meglio circostanziare i fatti, ovvero seguire il procedimento anche al fine di costituirsi eventualmente parte civile, è tuttavia consigliabile rivolgersi preventivamente ad un avvocato penalista, al fine di esaminare se esistano tutti i presupposti e in tal caso predisporre insieme la denuncia, da sottoporre poi all'Autorità Giudiziaria.
Nel caso di un soggetto indagato del reato di interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di pubblica necessità, egli dovrà in ogni caso essere assistito da un legale per poter affrontare il processo. E’ indispensabile un avvocato penalista.
Nel caso ci si intenda opporre a lavori pubblici, a tutela della propria area di proprietà privata, sarà consigliabile preventivamente attivare le opposizioni di legge attraverso un avvocato amministrativista o civilista.

FAQ

Arrecare un danno ai binari può costituire il reato di interruzione di servizio pubblico o di pubblica necessità?

Sì, solo se il tipo di danno apportato è stato idoneo a causare l'alterazione, anche temporanea, purché oggettivamente apprezzabile, della regolarità del trasporto ferroviario. Diversamente, si tratterà di mero danneggiamento. Ad esempio, non è stato ritenuto sussistente il reato di interruzione di servizio pubblico o di pubblica necessità in capo a chi aveva tagliato le trecce di rame posizionate lungo i binari della tratta ferroviaria, non cagionando, tuttavia, l'interruzione della linea ferroviaria, per essere avvenuto il fatto in ora notturna senza turbative del trasporto oggettivamente apprezzabili.

Che termini vi sono per la proposizione della denuncia per interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di pubblica necessità?

Il reato di interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di pubblica necessità è procedibile d'ufficio; pertanto chi venga a conoscenza del fatto non ha termini di decadenza per poter proporre la propria denuncia. Chiaramente, più tempo sarà trascorso, più sarà complicato raccogliere elementi di prova.

Contestare l'attività di un seggio elettorale è punibile secondo l'articolo 340 codice penale?

L'interruzione dell'attività di un seggio elettorale integra il delitto di cui all'articolo 340 codice penale, poiché il servizio elettorale ha la natura di servizio pubblico richiesta da tale norma incriminatrice.

Contestare l'operato di un Giudice è legittimo?

Purché non si traduca in un ostacolo all'amministrazione dell’Attività Giudiziaria. Ad esempio, è stato ritenuto responsabile del delitto di interruzione di pubblico servizio di cui all’articolo 340 codice penale chi, opponendosi davanti a un Giudice di Pace a una sanzione amministrativa ai sensi dell'articolo 22 della legge n. 689 del 1981 (sin qui, legittimamente), si è reso autore di una condotta con la quale interrompendo più volte l'organo giudicante, ha impedito di fatto al Giudice di Pace il normale espletamento della sua funzione.

Cosa si intende per reato "residuale"?

Significa applicabile nel solo caso in cui l'azione del soggetto non sia prevista specificamente da altra normativa. L'articolo 340 codice penale è una previsione generale molto vasta, che lascia al Giudice la discrezionalità di valutare la portata delle singole azioni, al fine di colpire i comportamenti dei privati che turbino il regolare andamento della Pubblica Amministrazione, nel caso in cui tali comportamenti non configurino già di per sé un reato. Ad esempio, in tema di legislazione di urgenza per l'emergenza rifiuti in Campania, è stato specificamente stabilito che un'azione da reprimere ai sensi dell'articolo 340 codice penale è quella di chi "impedisce, ostacola o rende più difficoltosa l’azione di gestione dei rifiuti" (articolo 2 decreto legge 23 Maggio 2008, n. 90, convertito con modificazioni dalla legge 14 Luglio 2008, n. 123).

E’ possibile opporre il diritto di proprietà di un luogo per impedirne la bonifica ambientale o lavori comunali?

Ostacolare le operazioni di bonifica di un'area impedendovi l'accesso agli incaricati della ditta appaltatrice e ai tecnici comunali, può integrare il reato di interruzione di un servizio di pubblica necessità (articolo 340 codice penale) in quanto disposte per ragioni di igiene e di sicurezza pubblica. Gli incaricati sono legittimati a chiamare la Forza Pubblica ed in tal caso, anche se l'accesso è stato in tal modo consentito, la durata dell'interruzione e l'entità del turbamento è stato tale da considerarsi rilevante.

Allo stesso modo, è stato ritenuto responsabile un soggetto che si era incatenato ad una recinzione per impedire ai mezzi pesanti di una ditta appaltatrice di transitare in una determinata area per effettuare i lavori di urbanizzazione previsti dal piano regolatore comunale

Le opposizioni alla Pubblica Amministrazione sono legittime, ma debbono svolgersi secondo le forme di legge, con le opportune impugnazioni giudiziali o amministrative. 

E’ punibile anche solo un'interruzione temporanea?

Sì, in quanto la predetta fattispecie incriminatrice tutela non solo l'effettivo funzionamento di un servizio pubblico, ma anche il suo ordinato e regolare svolgimento. Ciò che dovrà indagarsi a fondo, in tal caso, sarà, da un lato, l'oggettiva apprezzabilità del lasso di tempo dell’interruzione, dall'altro, l'eventuale sussistenza dell'elemento soggettivo, ossia della reale volontà di interruzione da parte del soggetto agente. Ad esempio, è stato punito penalmente l'autista di un autobus del servizio pubblico di trasporto che aveva, per un breve ma significativo lasso temporale, interrotto l'attività di conduzione del mezzo per rispondere concretamente alle provocazioni di un automobilista.

Il passeggero che denuncia per interruzione di servizio pubblico chi abbia impedito la marcia del mezzo di trasporto, potrà proporre opposizione all’archiviazione?

Il bene giuridico tutelato dalla norma va ravvisato nel regolare ed ordinato andamento dell'attività della Pubblica Amministrazione. Il privato denunciante, pertanto, non assume la qualità di persona offesa dal reato, pertanto potrà essere dichiarata inammissibile l’opposizione avverso la richiesta di archiviazione formulata dal Pubblico Magistrato. In ogni caso, se il privato dimostrerà di aver subito in concreto un danno economicamente valutabile, potrà ottenere risarcimento in sede civile (in assenza della possibilità di costituzione di parte civile nel procedimento penale archiviato).

Il porsi davanti ad un mezzo di trasporto urbano impedendogli di proseguire la sua marcia integra il reato di interruzione di servizio pubblico o di pubblica necessità?

Sì, se si turba la regolarità del servizio pubblico (trasporto pubblico e regolarità della circolazione stradale) anche se per un breve periodo di tempo. No se tale condotta è, invece, finalizzata ad impedire un’illegittima circolazione. E’ stato così assolto l’imputato che si era posto di fronte ad un autobus in un arco temporale in cui il predetto mezzo era fuori servizio e al sol fine di dare modo ai vigili urbani di intervenire onde constatare che tale veicolo stava effettuando una corsa non prevista dal disciplinare del servizio di trasporto pubblico urbano.

In cosa differisce l'interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di pubblica necessità prevista all'articolo 340 da quella prevista dall'articolo 331 del codice penale?

Trattasi di delitti distinti quanto ai soggetti che li pongano in essere: il reato previsto dall'articolo 331 del codice penale è un reato cosiddetto "proprio", vale a dire che tende a colpire solo da una determinata categoria di persone, ossia i titolari dei servizi al pubblico, che sospendano la propria attività. Occorre, pertanto, una qualifica imprenditoriale, pubblica o privata.

Il reato qui analizzato, invece, è posto in essere da chiunque – in genere privati, ma potrebbe riferirsi anche ad un soggetto pubblico  – ed è rivolto ad impedire che i gestori del pubblico servizio portino a compimento la propria prestazione nell’interesse pubblico.

Nel caso dell’articolo 331 codice penale, i gestori di pubblico servizio intenzionalmente sospendono la prestazione; nel caso dell'articolo 340, essi vorrebbero proseguire il proprio servizio in favore del pubblico, ma vi è qualcuno che dall’esterno li ostacola e impedisce loro di fornire la propria prestazione.

In quanto si prescrive il reato di interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di pubblica necessità?

Il reato si prescrive in 6 anni.

Manifestare in gruppo presso la portineria di un ente pubblico, può integrare il reato di interruzione di servizio pubblico o di pubblica necessità?

Sì se il gruppo di manifestanti introdottosi nella sede impedisca di fatto per un apprezzabile periodo di tempo l'espletamento del servizio di portineria, così turbando il regolare ed ordinato andamento dell'attività della Pubblica Amministrazione.

Ostacolare una trasmissione televisiva è punibile secondo l'articolo 340 codice penale?

Andranno sempre correttamente analizzati gli elementi oggettivi e soggettivi. In particolare la qualifica di servizio pubblico può essere riconosciuta ad un servizio giornalistico in diretta del telegiornale, con conseguente legittimazione della RAI alla costituzione di parte civile nel giudizio penale.

Quali sono le condanne per il reato di interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di pubblica necessità?

Reclusione fino ad 1 anno, nel caso di interruzione operata da singoli, senza preventiva organizzazione.
Reclusione da 1 a 5 anni per chi abbia organizzato l'interruzione o ne sia stato il capo promotore.

Se un medico si rende irreperibile, è punibile secondo l'articolo 340 codice penale?

Occorre sempre valutare i diversi elementi: se egli avesse garantito la reperibilità in tale frangente e se egli abbia volontariamente staccato le proprie utenze telefoniche e non ne abbia fornite di alternative. Ad esempio è stato punito per interruzione di pubblico servizio il medico di guardia medica, che si è reso irraggiungibile al recapito fornito, disattivando la segreteria telefonica e risultando assente dal suo ufficio.

Sotto il profilo soggettivo, quale volontà è punibile?

Occorre che il soggetto abbia agito non solo con l'intenzione di porre in essere un azione interruttiva del pubblico servizio, ma anche che abbia avuto la piena consapevolezza di poter interferire con la sua condotta sul regolare espletamento del servizio pubblico, oppure di accettare il rischio che la sua condotta possa interferire. Ad esempio, chi abbia parcheggiato su di un binario abbandonato, ritenuto da tempo in disuso, potrà essere assolto sotto il profilo soggettivo, anche se poi da tale binario sia stato eccezionalmente fatto passare un treno.


Questa spiegazione ti è stata utile?
Vuoi collaborare a migliorare il contenuto? La spiegazione..

STUDI COMPETENTI SULLA VOCE

Avvocati

Avv. Domenico Margariti

Largo Giardino Gaetano, 7
21052 Busto Arsizio - Busto Arsizio (VA)
Tel. 0331620051 - Fax. 0331675256

domenico@studiomargariti.com

IN EVIDENZA
Successioni, Reati contro la PA, Reati contro la persona, Stupefacenti, Violazioni del codice della strada, Reati fallimentari, Reati societari, Reati tributari, Reati Edilizia e Urbanistica, Fallimento
Commercialisti

Interprofessionale Srl

Vicolo del caldo, 30
21047 Saronno (VA)
Tel. 0296704843 - Fax. 0296704809

e.castellazzi@interprofessionale.net - www.interprofessionale.net

IN EVIDENZA
Danni e infortunistica: Sicurezza sul lavoro, Contabilità, Bilancio, Imposte, Responsabilità amministrativa da reato degli enti, Conciliazione e mediazione, Società commerciali, Sicurezza e salute sui luoghi di lavoro, Contenzioso tributario, Risk Management
Avvocati

Studio Legale Avv. Daria Pesce

Via Colonnetta, 5
20122 Milano (MI)
Tel. 025455553 - Fax. 0255180986

info@avvocatodariapesce.it - www.avvocatodariapesce.it

IN EVIDENZA
Stupefacenti, Illeciti amministrativi, Reati, Reati contro la PA, Responsabilità amministrativa da reato degli enti, Reati informatici, Reati contro la persona, Reati contro il patrimonio, Reati contro l'industria e il commercio, Sanzioni sostitutive
CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →







VOCI CORRELATE

Millantato credito
Aggiornato al 17/01/2011


Istigazione alla corruzione
Aggiornato al 15/12/2011


Oltraggio a un magistrato
Aggiornato al 23/04/2012


Corruzione
Aggiornato al 23/04/2012


Abuso d'ufficio
Aggiornato al 15/12/2011


Concussione
Aggiornato al 15/12/2011


Abusivo esercizio di una professione
Aggiornato al 31/03/2011


[x] chiudi

Frode nelle pubbliche forniture
Aggiornato al 31/03/2011



FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio
La redazione è offline