Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Negligenza medica

del 12/07/2016
CHE COS'È?

Negligenza medica: definizione

Per “condotta negligente” si intende, in senso generale, quel comportamento omissivo o quell’inerzia che contrasta con le norme comuni di buon senso, che impongono una condotta sollecita ed accorta diretta ad impedire il verificarsi di un evento dannoso o pericoloso. 
 
In campo sanitario, la condotta negligente o negligenza medica non è un concetto unitario poiché ogni valutazione in ordine a essa deve tener conto di numerosi fattori. 

La responsabilità del medico deve essere infatti commisurata alla natura dell’attività prestata e, quindi, ogni valutazione in ordine all’attività svolta dal sanitario dovrà essere compiuta tenuto conto del grado di diligenza che il professionista deve adoperare in una determinata ipotesi. Rispetto all’attività medica si parla infatti di “diligenza qualificata”.

Avv. Simone Scelsa
Ordine degli Avvocati di Milano
ACCMS Studio Legale

COME SI FA
Per valutare se il medico si è reso responsabile di un comportamento negligente si dovrà, quindi, porre l’attenzione sul tipo di attività che lo stesso ha compiuto. 

Nei casi di interventi di routine o di prassi mediche comuni, che non richiedono un tipo particolare di abilità tecnica o di specializzazione (essendo sufficiente una preparazione ordinaria), si ritiene che l’insuccesso dell’atto professionale (sia esso valutato in termini di risultato peggiorativo per la salute del paziente, sia in termini di mancato raggiungimento del risultato sperato) costituisca, di per sé, prova della non osservanza della regola tecnica. 

Il mancato raggiungimento di un risultato positivo in questo tipo di interventi non è, quindi, considerato irrilevante, ma viene assunto come circostanza che fa presumere la negligenza nell’esecuzione della prestazione, nonché l’esistenza di un nesso causale tra la condotta negligente e l’evento lesivo. 

In caso di negligenza medica sarà onere del sanitario provare, al fine di liberarsi da responsabilità, che l’insuccesso dell’operazione è dipeso da fattori imprevisti e imprevedibili o comunque non superabili mediante la diligenza media richiesta dall’articolo 1176, secondo comma, codice civile.
Nel caso in cui ci si trovi di fronte a un intervento di particolare difficoltà, o ad una patologia poco studiata, quando si prospettino sistemi diagnostici, terapeutici o chirurgici contrastanti, per dimostrare l’eventuale negligenza del sanitario si dovrà dimostrare con precisione il modo di esecuzione dell’intervento operatorio in tutte le sue fasi e l’eventuale dolo o colpa grave del medico. 

L’articolo 2236 codice civile dispone, infatti, che “se la prestazione implica la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, il prestatore d’opera non risponde dei danni, se non in caso di dolo o di colpa grave”.
Per sottrarsi a responsabilità il medico dovrà provare (salvo ovviamente il caso del dolo) la propria diligenza parametrando la stessa alla difficoltà dell’intervento con le conoscenze tecnico-scientifiche necessarie per affrontare problemi di speciale difficoltà, indipendentemente dall’esito dell’operazione stessa.

CHI
La valutazione del grado di colpa nella condotta medica negligente, in caso di lesioni o morte conseguente ad un intervento chirurgico, presuppone la preliminare disamina del caso da parte di un avvocato esperto in responsabilità medica e di un consulente medico legale indipendente.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

RESPONSABILITÀ MEDICA: VOCI CORRELATE

Responsabilità medica: assicurazione

di Avv. Maurizio Sala del 16/06/2011

Qualunque esercente arti o professioni e, quindi, anche coloro che operano nel settore della sanità ..

Colpa medica

di Avv. Maurizio Sala del 16/06/2011

Perché si possa parlare di colpa medica è necessario il verificarsi di un evento lesivo dell’integri..

Responsabilità medica: diagnosi errate

di del 16/06/2011

Si parla di responsabilità generica o di responsabilità specifica del sanitario a seconda che questa..

Responsabilità medica: nesso di causalità

di Avv. Simone Scelsa del 17/06/2011

Nel codice civile manca una vera e propria definizione di nesso di causalità. Gli unici riferimenti ..

Errori del medico

di Avv. Maurizio Sala del 16/06/2011

L’errore medico consiste in un’azione svolta, ovvero in un’omissione, compiuta da un sanitario, ovve..