Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Diritto tributario: interpello

del 10/02/2012
CHE COS'È?

Diritto tributario interpello: definizione

Il diritto di interpello è un istituto regolamentato per la prima volta dall’articolo 21 della legge 30 dicembre 1991, n. 413, per l’applicazione delle norme antielusive; ha poi trovato più ampia applicazione a seguito dell’emanazione dello Statuto dei diritti del contribuente (legge 27 luglio 2000 n. 212) e ulteriore impulso nella normativa tributaria successiva.
L’interpello consiste in un'istanza che il contribuente rivolge all'Amministrazione Finanziaria, preventivamente al porre in essere operazioni economiche fiscalmente rilevanti, volto ad ottenere dall’ente impositore un chiarimento e la valutazione circa la legittimità tributaria laddove vi siano obiettive condizioni di incertezza nella normativa.
Oggetto dell’istanza di interpello sono imposte, tasse e tributi di competenza di organi diversi dell’Amministrazione Finanziaria.
Rientrano nella competenza dell'Agenzia delle Entrate gli interpelli in materia di:

  • imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef);
  • imposta sul reddito delle società (Ires); - imposta regionale sulle attività produttive (Irap); - imposta sul valore aggiunto (Iva);
  • imposta di bollo ed imposta di registro;
  • tasse sulle concessioni governative;
  • tributi minori.
L’istanza è presentata, di norma, alla Direzione Regionale competente in relazione al domicilio fiscale del contribuente.
Rientrano nella competenza dell’Agenzia delle Dogane le istanze di interpello in materia di Accise.
Anche gli Enti locali e del settore pubblico allargato sono destinatari di istanze di interpello, per quanto di specifica competenza:

  • le Regioni per quanto attiene ai tributi regionali ed all’addizionale regionale Irpef;
  • le Provincie per i tributi provinciali;
  • i Comuni per quanto attiene all’Ici, alle addizionali comunali Irpef, alla tassa per la raccolta dei rifiuti solidi urbani (TARSU) ed alle altre tasse la cui potestà impositiva sia loro demandata;
  • il Pubblico Registro Automobilistico (P.R.A.) per le iscrizioni di ipoteche sui beni mobili registrati.
Si distinguono tre diverse categorie di interpello.

1) Istanze ai sensi dell’articolo 11 dello Statuto dei diritti del contribuente, legge 212/2000
Costituisce il gruppo più nutrito, comprendente:
  • istanze di interpello cosiddetti ordinario;
  • istanze per la continuazione del consolidato nazionale, previsto dall’articolo 124, comma 5°, del TUIR;
  • istanze per verificare la sussistenza dei requisiti necessari ai fini dell’opzione per il consolidato mondiale, previsto dall’articolo 132, comma 3°, del TUIR;
  • istanze per la disapplicazione del regime della participation exemption sulle partecipazioni acquisite per il recupero dei crediti bancari, previsto dall’articolo 113, comma 1°, del TUIR;
  • istanze per escludere l’applicazione del limite di utilizzazione dei crediti d’imposta, di cui all’articolo 1, comma 53°, della legge n. 244/2007;
  • istanze di disapplicazione della disciplina sulle Controlled foreign companies (CFC) ai sensi degli articoli 167 e 168 del TUIR.
2) Istanze ai sensi dell’articolo 21 della Legge 413/1991
Le istanze sono rivolte a richiedere ed ottenere all’Amministrazione finanziaria un parere, su ogni caso concreto e personale, relativo al carattere potenzialmente elusivo di operazioni che potrebbero essere ricondotte nel novero degli articoli 37, comma 3, e 37-bis del decreto del Presidente della Repubblica 600/1973. Le istanze di interpello possono essere presentate anche in relazione alla necessità di determinare preventivamente il corretto trattamento fiscale nonché la deducibilità di determinate spese. Questa tipologia di interpello è, inoltre, applicabile alle fattispecie inerenti la deducibilità dei costi derivanti da operazioni tra soggetti residenti e soggetti domiciliati in territori con regimi fiscali privilegiati, contenute nella cosiddetta "Black List".

3) Istanze di interpello disapplicativo ai sensi dell’articolo 37-bis, comma 8, del decreto del Presidente della Repubblica 600/1973
Costituisce la tipologia di interpello che più d’ogni altra presuppone la partecipazione del contribuente all’attività amministrativa, al fine di tutelare proprie posizioni giuridiche. L’istanza sottintende lo scopo di disapplicare norme antielusive che, in linea di principio, trovano applicazione giuridica in riferimento al caso descritto: limitazione di deduzioni, detrazioni, crediti d’imposta ed altre posizioni soggettive. Sono ricomprese in questo ambito le istanze delle società non operative, che beneficerebbero di una causa di esclusione automatica. In ogni caso, spetta al contribuente l’onere di provare che gli effetti elusivi che la fattispecie normativa intende evitare, nella situazione concreta non debbano applicarsi, da cui deriva la dizione di “interpello disapplicativo”.


COME SI FA
A pena d’inammissibilità, tutte le tipologie di interpello devono essere presentate in via preventiva, ossia prima della presentazione della dichiarazione dei redditi in cui sono ricompresi gli effetti del comportamento fiscalmente rilevante, o del negozio giuridico, che ha generato la condizione di incertezza applicativa della norma tributaria.
A fronte della fattispecie esposta in istanza, è preferibile che l’istante “suggerisca” all’ente impositore la soluzione ritenuta corretta: la cosiddetta “soluzione proposta dal contribuente”.
Le istanze vanno presentate in carta libera e devono contenere i seguenti elementi:
  • i dati anagrafici del contribuente e del suo legale rappresentante;
  • l’eventuale procura al professionista di fiducia;
  • l’indicazione del tipo di istanza (in particolare, se il contribuente richiede espressamente una risposta ad interpello) e della specifica tipologia di interpello su cui è richiesto il parere;
  • la descrizione dettagliata del caso oggetto dell'interpello, ossia l’esposizione della situazione concreta che ha generato il dubbio interpretativo o in relazione alla quale si ritiene che trovi applicazione una deroga al regime ordinario, e/o sul quale vi sono fondati motivi di incertezza;
  • l’indicazione dei valori economici interessati dall’interpello, l’eventuale beneficio fiscale di cui il contribuente ritiene possa legittimamente avvalersi attraverso la soluzione indicata;
  • la data e la sottoscrizione dell'istanza da parte del contribuente.
Sono considerate inammissibili le istanze di interpello che:
  • siano prive dei dati identificativi del richiedente, prive della firma;
  • siano presentate dai professionisti privi di procura;
  • vengano presentate su questioni prospettate in maniera generale e astratta o che costituiscano riproposizioni di precedenti istanze o richieste di riesame;
  • interferiscano con le attività di accertamento, riguardando casi già sottoposti a controllo;
  • di interpello ordinario, presentate in mancanza di condizioni obiettive di incertezza o quando l’Amministrazione ha già fornito chiarimenti;
  • di interpello disapplicativo, nei casi in cui la norma della quale si richiede la disapplicazione non ha lo scopo di contrastare comportamenti elusivi;
  • di interpello ex articolo 37-bis, comma 8, del decreto del Presidente della Repubblica 600/1973, presentate dalle società non operative, che beneficerebbero di una causa di esclusione automatica della relativa disciplina;
  • di interpello non sufficientemente circostanziate nella definizione del caso concreto;
  • tardive, ovvero di interpello non presentato prima di porre in essere le operazioni oggetto di incertezza applicativa.

CHI
Ciascun contribuente (persona fisica, ente, società o soggetto passivo d’imposta) può proporre quesiti agli organi dell’amministrazione finanziaria ed agli Enti locali territoriali, qualora sussistano obiettive condizioni di incertezza nella normativa fiscale relativamente a casi concreti e personali.
Considerando la particolarità delle materie e la necessità di argomentare compiutamente la fattispecie, è consigliato che la redazione dell’istanza e la sua presentazione siano delegate ad un professionista esperto in diritto tributario: commercialista, revisore contabile, avvocato.
Al professionista deve essere conferita regolare procura. L'Amministrazione Finanziaria, e gli Enti locali addotti, sono obbligati a fornire risposta mediante notifica o comunicazione (anche telematica) al contribuente interpellante, nel termine di 120 giorni dalla data di presentazione dell’istanza.
Per accelerare i tempi è consigliabile che il richiedente indichi nell’istanza il proprio recapito telefax o indirizzo e-mail. In caso di mancata risposta (il cosiddetto “silenzio-assenso”), l'interpretazione della norma tributaria prospettata dal contribuente è da considerarsi corretta, sempreché l'istanza sia ammissibile e che sia la fattispecie presentata che la soluzione prospettata siano state esposte in modo chiaro e univoco.
Il parere espresso dall’Amministrazione Finanziaria non vincola il contribuente, che può decidere di non uniformarsi.
Differentemente, gli uffici dell’Amministrazione finanziaria – salvo il caso di rettifica del parere – non possono emettere atti impositivi e/o sanzionatori difformi dal contenuto della risposta fornita in sede d’interpello.

FAQ

Considerando che l’istanza di interpello deve essere preventiva all’atto o azione da porre in essere, spesso le imprese si trovano costrette a presentare istanze non complete: l'interpello presentato rimane comunque valido?

No, l’istanza in questo caso sarebbe dichiarata inammissibile in quanto non sufficientemente circostanziata nella definizione della fattispecie concreta in relazione alla quale è richiesto il parere. Infatti è onere che incombe sul contribuente l’esporre in modo chiaro e documentare in maniera esaustiva tutti gli elementi conoscitivi utili a ricostruire la fattispecie concreta in relazione alla quale è richiesto il parere. Il contribuente non può, pertanto, limitarsi ad una rappresentazione sommaria ed approssimativa della fattispecie di interesse, ponendo a carico dell’amministrazione l’onere di ricavare dall’eventuale documentazione allegata le informazioni necessarie alla compiuta definizione della fattispecie medesima. Postulato fondamentale è la presentazione dell’istanza in via preventiva, quindi si consiglia vivamente di valutare compiutamente tutti i riflessi di natura tributaria, prima di porre in essere l’operazione oggetto di incertezza applicativa. Pertanto, stante la delicatezza della materia, si auspica che il contribuente interessato ponga particolare attenzione agli obiettivi ed alle finalità cui mira l’istanza ed ai tempi per la sua proposizione all’amministrazione. Qualora, tuttavia, l’istanza fosse già stata presentata, sia carente o non completa, e non sia ancora trascorso il termine per la risposta (o decorso il termine per il formarsi del silenzio-assenso), e sempre che non sia ancora stato posto in essere il comportamento oggetto delle domanda, si suggerisce di presentare una nuova istanza richiamando la precedente, specificando le ragioni di fatto che mutano, altresì allegando la precedente istanza a corredo della nuova.

Sembra di capire che, una volta ottenuta la risposta da parte dell’Agenzia delle Entrate o dal diverso ente impositore, lo stesso ha facoltà di mutare l’orientamento. Come si deve comportare il contribuente in questo caso?

Esattamente. È sempre possibile per l'amministrazione ritornare sulla questione fornendo al contribuente una risposta diversa da quella data precedentemente.Qualora ciò accada vengono a verificarsi due distinte situazioni:se il contribuente ha già dato applicazione alla norma secondo il parere ricevuto (ovvero indicato dall'istante in caso di carenza di risposta, per effetto del silenzio-assenso) la questione non si ripropone per il passato, ma se in futuro il contribuente ricadesse nelle medesime condizioni, dovrà obbligatoriamente applicare l'ultima interpretazione dell'amministrazione;diversamente, se il contribuente non ha ancora dato attuazione al primo parere, il cambio di orientamento comporterà il pagamento delle maggiori imposte e interessi ma senza l'irrogazione di sanzioni.

Il contribuente come può conoscere se in quel momento è stato presentato un interpello simile al proprio, magari in un altro ufficio? E' possibile che a fattispecie identiche più enti dell'Amministrazione Finanziaria forniscano risposte differenti?

L’istanza di interpello, inerente materia di competenza dell’Agenzia delle Entrate, è presentata alla Direzione Regionale competente in relazione al domicilio fiscale del contribuente. Non è impossibile, in linea generale, che sulla medesima questione possano essere forniti pareri discordanti; anzi ciò può accadere in relazione al mutare della normativa e dell’orientamento. Tuttavia esiste un monitoraggio delle fattispecie. Come specificato dalla Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 32/E/2010, le istanze vengono attribuite espressamente alla Direzione Centrale Normativa, demandando alle Direzioni Regionali la facoltà di proporre apposita richiesta ai fini dell’inserimento nel servizio di documentazione tributaria, in considerazione della rilevanza della questione affrontata. Qualora la fattispecie prospettata risulti comune ad una pluralità di contribuenti , l’amministrazione ha facoltà di procedere alla c.d. “risposta collettiva” mediante la pubblicazione di una circolare o di una risoluzione ministeriale quando la medesima questione ovvero analoghe questioni siano state prospettate da un numero elevato di contribuenti, tale da configurare l’interesse di una più ampia platea di soggetti a conoscere il parere dell’amministrazione in relazione ad una determinata fattispecie. I contenuti di una risoluzione ministeriale, emanata in risposta ad un interpello, assumono validità di carattere generale.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

DIRITTO TRIBUTARIO: VOCI CORRELATE

Abuso del diritto processuale

di del 04/12/2013

Se in generale è orami pacifico che gli elementi costitutivi dell’abuso del diritto  siano i seguent..

Diritto tributario: giudizio di ottemperanza

di del 12/05/2017

Il giudizio di ottemperanza nell'ambito del diritto tributario è disciplinato dall'articolo 70 del d..

Abuso del diritto

di del 27/04/2011

Con il termine abuso del diritto, o meglio, divieto di abuso del diritto, si intende, secondo la def..