Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Locazione: morosità

del 19/05/2011
CHE COS'È?

Locazione morosità: definizione

Nell'ambito del contratto di locazione il conduttore è moroso quando, decorsa la scadenza della rata pattuita tra le parti, non ha provveduto al pagamento del canone di locazione o degli oneri accessori, ma solo se questi non superano l’importo pari a due mensilità di canone. 
In questi casi il locatore ha la possibilità di chiedere la risoluzione del contratto, per ottenere la restituzione dell’immobile, in via giudiziale, mediante il procedimento di sfratto per morosità. 

Avv. Vanda Cappelletti 
Ordine degli Avvocati di Como 
Studio Legale Avvocato Vanda Cappelletti

COME SI FA
La morosità può essere sanata in sede giudiziale per non più di tre volte nell'arco di quattro anni se il conduttore alla prima udienza versa l’importo dovuto per tutti i canoni scaduti e gli oneri accessori maturati sino a tale data, maggiorato degli interessi legali e delle spese processuali liquidate dal Giudice. 
Nel caso in cui il pagamento non avvenga all'udienza, il Giudice può assegnare al conduttore moroso, su sua richiesta, un termine “di grazia” per il pagamento non superiore ai novanta giorni. In questo caso rinvia l’udienza a non oltre dieci giorni dalla scadenza stabilita, per verificare se è intervenuto l’adempimento.

CHI
La morosità non può che essere sanata dal debitore-conduttore o in sede giudiziale, come sopra esposto, oppure in via stragiudiziale, ossia mediante accordo con il locatore, senza che questi instauri una causa contro il debitore.
Consigliamo, in ogni caso ed in qualunque posizione ci si trovi, di contattare un legale per tentare in via preliminare una soluzione bonaria alla situazione o, in caso di mancato accordo, per poter essere assistiti nel recupero del credito.

FAQ

Quale termine deve decorrere per poter chiedere la risoluzione anticipata del contratto di locazione nel caso in cui il conduttore risulti moroso?

Per poter chiedere la risoluzione contrattuale è necessario che decorrano almeno venti giorni dalla scadenza della rata di canone contrattualmente prevista. Nel contratto, tuttavia, possono essere previsti tempi più lunghi.Termini di durata inferiore non possono essere previsti, rendendo nulla la clausola contrattuale che quindi si ha per non apposta.
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

LOCAZIONE ABITATIVA: VOCI CORRELATE

Rapporti proprietario-inquilino: spese condominiali

di del 15/04/2016

La ripartizione delle spese condominiali è uno degli aspetti più importanti dei rapporti tra proprie..

Locazione: sublocazione

di del 06/11/2017

La sublocazione è il contratto attraverso cui il conduttore della cosa locata attribuisce il suo god..

Locazione: mutamento di destinazione

di del 03/11/2017

Il mutamento di destinazione nel caso di una locazione legittima la risoluzione del contratto da par..

Locazione: godimento

di del 20/10/2017

Il godimento della locazione è previsto dal contratto attraverso il quale il proprietario o padrone ..

Equo canone

di del 14/06/2017

L'equo canone è un canone di locazione il cui valore è definito dalla legge e, di conseguenza, non d..