Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Licenziamenti collettivi

del 11/04/2011
CHE COS'È?

Licenziamenti collettivi: definizione

I licenziamenti collettivi sono licenziamenti intimati ad una pluralità di lavoratori per motivi strutturali dell’impresa e non attinenti alla sfera soggettiva del lavoratore, in un arco temporale definito. Per il numero di persone coinvolte e le problematiche connesse al recesso di una pluralità di lavoratori, questo particolare tipo di licenziamento ha meritato una disciplina particolare da parte del legislatore.
Le imprese con più di 15 dipendenti che intendono licenziare più di 5 dipendenti in un arco temporale di 120 giorni in ciascuna unità produttiva, o comunque in più unità produttive ubicate nella stessa provincia, in conseguenza di una riduzione o trasformazione di attività o di lavoro, devono attivare una specifica procedura, che coinvolge anche le parti sociali.
La legge distingue tra due ipotesi, ugualmente riconducibili alla medesima procedura:

  • Procedura di mobilità: attivabile dai datori ammessi alla Cassa Integrazione Guadagni straordinaria, qualora, a conclusione del periodo di cassa integrazione non sia possibile il reimpiego del personale sospeso dal lavoro durante la CIGS;
  • Licenziamento collettivo: attivabile dai datori che non abbiano preventivamente avviato una procedura di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria.

Normativa: L. 23 luglio 1991, n. 223



COME SI FA

Entrambe le procedure si attivano con l’invio, da parte del datore, alle RSA, alle associazioni di categoria e alle istituzioni “pubbliche” coinvolte (Ministero del Lavoro e suoi uffici territoriali quali, Direzione Regionale del Lavoro o direzione Provinciale del Lavoro) di una comunicazione contenente diverse informazioni concernenti le ragioni, il programma, i lavoratori coinvolti e la tempistica dei licenziamenti.
I datori di lavoro sono tenuti a versare una somma all’INPS, di diverso ammontare a seconda che l’azienda sia stata o meno ammessa alla Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria.

Grande rilevanza viene attribuita dalla legge all’aspetto procedurale connesso con i licenziamenti collettivi ed al confronto, quindi, con le parti sociali, cioè delle OOSS sia del datore di lavoro sia del lavoratore. Con l’accordo è, infatti, possibile discostarsi dai criteri stabiliti dalla legge per identificare il personale da licenziare, purché tali criteri non siano meramente discrezionali
Dopo l’esaurimento dei termini previsti per il compimento delle consultazioni sindacali, il datore può inviare le comunicazioni finali ai lavoratori individuati.


CHI

Data la complessità della materia e della procedura, anche tenendo conto delle parti coinvolte (sia parti sociali, sia parti istituzionali) è opportuno avvalersi di avvocati professionisti esperti di diritto del lavoro e diritto sindacale.


FAQ

Tramite quali criteri vengono determinati i lavoratori da licenziare?

In assenza di accordo sindacale, i lavoratori da licenziare vengono scelti sulla base di criteri legali dettati dalla l. n. 223/1991. I datori devono rispettarli e motivare le loro scelte finali in modo dettagliato. I criteri dettati dalla legge sono: Esigenze tecnico-produttive ed organizzative; Anzianità; Carichi di famiglia.        

Cosa accade per le aziende con meno di quindici dipendenti?

In questo caso, il datore può ricorrere ai licenziamenti individuali plurimi per giustificato motivo oggettivo, che seguiranno le regole “tradizionali” del licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

Cosa accade nel caso in cui il sindacato non sia stato coinvolto?

In questo caso la procedura è viziata ed i licenziamenti eventualmente intimati sono da ritenere illegittimi. 
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

RIORGANIZZAZIONI AZIENDALI: VOCI CORRELATE

Cassa Integrazione guadagni straordinaria

di Avv. Luca Failla del 31/03/2011

La Cassa integrazione guadagni straordinaria o CIGS è uno strumento di sostegno del reddito o &ldquo..

Cassa integrazione guadagni ordinaria

di Avv. Luca Failla del 31/03/2011

La Cassa integrazione guadagni ordinaria o CIGO è uno strumento di sostegno del reddito o “amm..

Contratti di solidarietà

di Dott.ssa Claudia Nanti del 01/08/2011

I contratti di solidarietà sono dei contratti collettivi stipulati tra il datore di lavoro e le ra..

Mobilità

di Avv. Tea Lunari del 12/11/2012

Le diverse disposizioni in materia di mobilità (leggi 223/91, 236/93), sono state aggiornate attrave..

Trasferimento d'azienda

di del 31/03/2011

L’art. 2112 del Codice Civile definisce come trasferimento d’azienda qualsiasi operazione che compor..