Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Appropriazione di cose smarrite

del 05/05/2016
CHE COS'È?

Appropriazione di cose smarrite: definizione

L'appropriazione di cose smarrite è un reato previsto dall'articolo 647 del Codice Penale (appropriazione di cose smarrite, del tesoro o di cose avute per errore o caso fortuito), che stabilisce una pena (multa da 30 a 309 euro o reclusione fino a un anno) chiunque si appropri di denaro o altre cose smarrite da lui trovate non rispettando le prescrizioni della legge civile relative all'acquisto della proprietà di cose trovate. Lo stesso avviene anche per chi si appropria di cose di cui è entrato in possesso per caso fortuito o per errore altrui o per chi si appropria di una parte o della totalità di un tesoro sottraendone la quota che spetta al proprietario del fondo. L'appropriazione di cose smarrite può essere punita solo a querela della persona offesa. La pena viene aumentata, con reclusione fino a due anni, nel caso in cui il colpevole conosca il proprietario della cosa di cui è entrato in possesso. Va notato, infine, che l'appropriazione indebita di cose smarrite è ben diversa rispetto alla ricettazione.


COME SI FA

Che differenza c'è tra cose smarrite e cose dimenticate?

In apparenza, le due situazioni potrebbero essere paragonabili, ma in realtà sono ben diverse: nel caso in cui si entri in possesso di una cosa dimenticata, infatti, non si è in presenza di appropriazione di cose smarrite ma di un furto vero e proprio. Il reato previsto dal dispositivo 647 del Codice Penale, in sostanza, prevede che la cosa sia stata smarrita, il che vuol dire che deve essere uscita dalla sfera di sorveglianza di chi la possedeva in modo che il possessore non abbia più la possibilità di ripristinare il suo potere sulla cosa stessa.

Qual è la ratio legis?

La ratio che giustifica questa disposizione è discussa, e, in effetti, non è identificata in dottrina all'unanimità (un po' come accade con l'appropriazione indebita). Secondo alcuni, lo scopo è quello di rispettare il vincolo di destinazione che contraddistingueva in origine la cosa; secondo altri, si tratta di tutelare il diritto di proprietà; secondo altri ancora, in gioco è l'infedeltà patrimoniale. 


CHI

Un avvocato penalista.


FAQ

1. Cosa succede in presenza di un animale smarrito?

Per capire se il reato di appropriazione di cose smarrite debba essere applicato anche agli animali domestici è necessario fare riferimento alla sentenza numero 18749 del 2013 della Corte di Cassazione, secondo la quale entrare in possesso di un cane smarrito rientra nella casistica dell'articolo 647 del Codice Penale, che parla di ipotesi di caso fortuito. D'altro canto, è necessaria una coordinazione con l'articolo 925 del Codice Civile, il quale presuppone l'acquisto della proprietà di un animale se questo non viene reclamato nei venti giorni successivi alla data in cui il proprietario ha scoperto dove l'animale stesso si trova.

2. E se a essere smarrito è un assegno?

In questo caso, la fattispecie di reato integrata non è quella di appropriazione di cose smarrite ma di furto: l'apprensione di assegni in bianco di uno specifico conto corrente in banca (ma la stessa cosa si può dire anche per le carte di credito), infatti, è un furto in quanto riguarda oggetti che evidenziano, attraverso particolari segni esteriori, il legittimo possesso di un altro individuo. Il fatto che la relazione materiale tra il titolare e l'assegno sia venuta meno non implica che il potere di fatto esercitato dal titolare svanisca, come sancito dalla sentenza numero 24100 del 2011 della Corte di Cassazione. 
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO IL PATRIMONIO: VOCI CORRELATE

Rapina

di Avv. Tea Lunari del 04/07/2013

La rapina è un reato contro il patrimonio, previsto dall'art.628 c.p. Lo commette chiunque, per proc..

Danneggiamento dei beni assicurati

di del 25/05/2017

Il fraudolento danneggiamento dei beni assicurati è, insieme con la mutilazione fraudolenta della pr..

Furto

di Avv. Elisabetta Fedegari del 14/06/2011

Il furto è il reato contro il patrimonio per antonomasia ed è disciplinato dall’articolo 624 del cod..

Insolvenza fraudolenta

di Avv. Amerigo Motta del 15/07/2016

Il reato di insolvenza fraudolenta è un delitto contro il patrimonio mediante frode ed è disciplinat..

Turbativa del possesso

di del 17/02/2016

La turbativa di possesso fa parte dei delitti contro il patrimonio: l'articolo 634 del Codice Penale..