Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Deturpamento e imbrattamento

del 15/12/2015
CHE COS'È?

Deturpamento e imbrattamento: definizione

Il deturpamento e imbrattamento di cose altrui è un reato previsto dall'articolo 639 del Codice Penale, che stabilisce che chi imbratta o deturpa cose mobili o immobili che non gli appartengono può essere punito con una sanzione pecuniaria fino a 103 euro (a querela della persona offesa). Sono esclusi dall'articolo 639 tutti i casi contemplati dall'articolo 635, relativo al danneggiamento, reato che si configura nel momento in cui un soggetto disperde, distrugge o deteriora cose mobili o immobili che non gli appartengono o lo rende inservibili, in tutto o in parte (in questo caso la pena può prevedere una sanzione pecuniaria fino a 309 euro o un periodo di reclusione fino a un anno).


COME SI FA

La pena per deturpamento e imbrattamento è sempre la stessa?

No: nel caso in cui il reato venga compiuto su mezzi di trasporto - sia privati che pubblici - o su beni immobili, l'entità della multa va da un minimo di 300 a un massimo di 1000 euro, e la pena può prevedere anche un periodo di reclusione da uno a sei mesi. Nel caso in cui il reato venga compiuto su beni di interesse artistico o storico, l'entità della multa va da un minimo di 1000 a un massimo di 3000 euro, e la pena può prevedere anche un periodo di reclusione da tre mesi a un anno. Nel caso in cui il reato venga compiuto da un soggetto recidivo, l'entità della multa può arrivare fino a 10000 euro, e la pena può prevedere anche un periodo di reclusione da tre mesi a due anni. In tutte queste circostante, non si procede a querela della persona offesa ma di ufficio.


CHI

L'avvocato penalista.


FAQ

1. Il reato di deturpamento e imbrattamento può essere punito unicamente a titolo di dolo?

Sì: la fattispecie in questione è punibile solo in questo caso, sia che si tratti di dolo generico o di dolo eventuale, da intendersi come l'adesione consapevole al fatto. Per fare un esempio concreto, il padrone di un cane che orina su un monumento o su un edificio di interesse artistico non può essere punito nel caso in cui in seguito al comportamento del suo animale cerchi di pulire con una bottiglietta di acqua la zona sporcata.

2. Che differenza c'è tra il delitto di deturpamento e imbrattamento e il delitto di danneggiamento?

Può venire in soccorso a tal proposito la sentenza numero 29114 della II Sezione della Cassazione Penale del 9 aprile del 2013, che specifica che la differenza non ha a che fare con il carattere irreversibile delle conseguenze dell'azione del danneggiamento rispetto al deturpamento o imbrattamento, ma dipende dal diverso tipo di alterazione. In sostanza, il danneggiamento si verifica nel momento in cui il reato impedisce l'uso dei beni, anche in maniera parziale, così da dover richiedere un intervento di ripristino. Il fatto oggetto della sentenza della Cassazione, in particolare, riguardava un soggetto che aveva imbrattato con una bomboletta spray una targa toponomastica di marmo di proprietà del Comune, deteriorandola e rendendola inservibile: in tale circostanza, si poteva parlare di danneggiamento, proprio perché l'azione impediva l'uso della targa.

3. L'affissione di manifesti può essere catalogata tra i reati di imbrattamento?

Sì, e anche in questo caso si può fare riferimento a una sentenza della Sezione II della Cassazione Penale, la numero 845 del 19 dicembre del 2012, che stabilisce che il reato di imbrattamento si configura anche quando vengono affissi semplicemente dei manifesti utilizzando dei prodotti collanti, soprattutto quando vengono coinvolti dei beni di interesse artistico o storico.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO IL PATRIMONIO: VOCI CORRELATE

Danneggiamento

di Avv. Amerigo Motta del 30/06/2016

Il reato di danneggiamento è disciplinato dal nostro Ordinamento Penale con l'articolo 635 codice pe..

Frode informatica

di Avv. Amerigo Motta del 13/05/2011

Tra i delitti contro il patrimonio mediante frode c’è il reato di frode informatica disciplinato dal..

Appropriazione indebita

di Avv. Barbara Sartirana del 22/05/2017

Secondo l’art 646 cp, il reato di appropriazione indebita è attribuibile a chi, trovatosi a qualunqu..

Insolvenza fraudolenta

di Avv. Amerigo Motta del 15/07/2016

Il reato di insolvenza fraudolenta è un delitto contro il patrimonio mediante frode ed è disciplinat..

Truffa

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 31/03/2011

L'articolo 640 codice penale descrive il delitto di truffa nel fatto di chi, con artifici e raggiri,..