Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Truffa

del 31/03/2011
CHE COS'È?

Truffa: definizione

L'articolo 640 codice penale descrive il delitto di truffa nel fatto di chi, con artifici e raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sé o ad altri un profitto ingiusto con altrui danno.
Si tratta di un reato contro il patrimonio e più precisamente di un delitto con cooperazione artificiosa della vittima, in quanto è indispensabile un rapporto interattivo tra l'autore del fatto e la persona offesa. Quest'ultima, infatti, non si limita a subire il reato, ma coopera alla sua realizzazione, compiendo atti di disposizione patrimoniale che la danneggiano.
Si ritiene che lo scopo della norma consista nella tutela della persona umana, sotto il duplice profilo della libertà di determinazione e dell’integrità del patrimonio.
La pena, nella ipotesi semplice, è la reclusione da sei mesi a tre anni e la multa da 51 a 1032 euro.
L'articolo 640 codice penale prevede inoltre delle circostanze aggravanti speciali qualora la truffa sia stata commessa: a danno dello Stato o di altro ente pubblico; facendo nascere nella persona il timore di un pericolo immaginario o l'erroneo convincimento di dover seguire un ordine dell’autorità; avendo profittato di circostanze di tempo, di luogo o di persona, anche in riferimento all'età, tali da ostacolare la pubblica o privata difesa.
È  bene ricordare che esistono altre fattispecie di reato autonome, quali la truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche (articolo 640 bis codice penale) e la frode informatica (articolo 640 ter codice penale).

Avv. Carlo Melzi d'Eril 
Ordine degli Avvocati di Milano
ACCMS Studio Legale


COME SI FA

La tipizzazione legislativa dell'elemento oggettivo del reato di truffa prevede una precisa sequenza delle modalità della condotta e dei conseguenti eventi, che possono così essere schematicamente riassunti e che debbono essere tutti presenti perché sussista il reato: artifici o raggiri, induzione in errore, atto dispositivo, danno patrimoniale e profitto ingiusto.
L'elemento soggettivo della truffa, invece, è costituito dal dolo generico per cui tutti gli elementi costitutivi del reato devono essere oggetto di rappresentazione e volontà.
All'interno del fatto tipico, assume centrale rilevanza la condotta diretta a persuadere con l'inganno, definita dal legislatore in termini di una "induzione mediante artifici o raggiri".
Per artificio si intende, tradizionalmente, la simulazione o la dissimulazione della realtà atta a indurre in errore una persona per effetto della percezione di una falsa apparenza, mentre il raggiro viene inteso quale attività simulatrice che, prescindendo da qualunque concreta "messa in scena", viene posta in essere solo mediante parole o argomentazioni atte a far scambiare il falso per il vero.
La giurisprudenza tende a configurare gli artifici e i raggiri in termini molto ampi, ritenendo di regola sufficiente a concretarli qualunque simulazione, dissimulazione o subdolo espediente posto in essere per indurre taluno in errore. Ad esempio, anche la menzogna pura e semplice, se presentata e architettata in modo tale da indurre in errore la vittima, può integrare gli estremi dell'artificio o del raggiro. Persino il silenzio, se serbato in violazione di un obbligo di comunicazione e su circostanze rilevanti, è ritenuto idoneo a integrare gli artifici e i raggiri, posto che anche in tali casi il comportamento dell'agente risulta artificiosamente preordinato a perpetrare l'inganno. Tipico esempio è quello del venditore che tace determinate caratteristiche (come la presenza di un'ipoteca o vincoli urbanistici) di un immobile oggetto di una potenziale compravendita.
Il danno patrimoniale, nel reato di truffa, deve conseguire, attraverso la via mediata dell'atto di disposizione, all'induzione in errore generata dalla condotta ingannatoria. Tale danno deve comportare una effettiva perdita patrimoniale.


CHI

L'autorità giudiziaria competente è il tribunale in composizione monocratica avente sede nel luogo ove è commesso il fatto di reato.
Il reato di truffa, qualora non ricorrano circostanze aggravanti, è perseguibile a querela della persona offesa. Il termine per la proposizione della querela è di tre mesi, che decorrono dal giorno in cui si ha avuto notizia del fatto che costituisce reato, ossia dal momento in cui il titolare del diritto tutelato ha conoscenza certa -sulla base di elementi seri- di tutti gli elementi che consentono una piena valutazione sull'esistenza del reato.
La querela può essere presentata oralmente o per iscritto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, al pubblico ministero o a un ufficiale di polizia giudiziaria.
Come tutte le volte che si ha anche solo il sospetto di essere indagati o di avere subito un reato, è consigliabile contattare un avvocato penalista al fine di ricevere chiarimenti sul caso concreto e compiere gli eventuali "passi" che, insieme al legale, venissero giudicati necessari o anche solo opportuni. Più precisamente, e solo per fare un esempio, per valutare se formulare una richiesta alla Procura della Repubblica per essere informati dell'esistenza di procedimenti a proprio.
Nelle ipotesi di truffa aggravata, invece, il reato è perseguibile d'ufficio.


FAQ

Se la vittima degli artifici e dei raggiri è stata particolarmente “ingenua” e “poco avveduta”, è comunque configurabile una responsabilità penale?

Ai fini della configurabilità del reato di truffa, non si ritiene rilevante l'astratta idoneità ingannatoria della condotta truffaldina, posto che, in tutti i casi in cui si verifica l'induzione in errore e il reato si consuma, tale idoneità viene ritenuta insita nello stesso ottenimento del profitto ingiusto da parte del truffatore, pure qualora il raggiro sia stato grossolano. Anche la valutazione della diligenza impiegata dalla persona ingannata, nel senso della sua possibilità di "svelare" e "reagire" all’inganno, viene di regola considerata irrilevante al fine della definizione di artifici e raggiri. 

In assenza di un effettivo danno patrimoniale è possibile configurare il reato di truffa?

Di regola si richiede una diminuzione patrimoniale in senso stretto. Tuttavia, in tema di truffa contrattuale (ossia quella che ha come fine quello di indurre la vittima a stipulare un contratto che non avrebbe concluso senza l’inganno del truffatore), talora la giurisprudenza ritiene sussistente il danno anche se il prezzo pattuito come corrispettivo risulta di per sé congruo e corrispondente al valore di mercato del bene acquistato per il tramite della condotta truffaldina. In tali casi, infatti, il danno per la vittima consiste, avendo fatto un acquisto superfluo e/o inservibile, nella mancata destinazione del denaro ad impieghi per lei più utili.

Da quando decorre esattamente il termine per poter proporre una querela?

Al fine di valutare la tempestività della querela, nonché il calcolo dei termini prescrizionali del reato, bisogna considerare che la truffa (reato istantaneo e di danno) si consuma nel  momento in cui, alla realizzazione della condotta tipica di artifici e raggiri, abbiano fatto seguito il danno patrimoniale del soggetto passivo e il profitto ingiusto dell'agente. In particolare, nella truffa contrattuale, il momento consumativo del reato non coincide con l’attimo in cui la vittima, per effetto della condotta ingannatoria, stipula il contratto, bensì con quello in cui il truffatore consegue effettivamente il bene e la vittima lo perde. Ad esempio, se il pagamento del bene oggetto di truffa sia corrisposto "a rate", il reato si consuma con l'ultimo atto di pagamento.

L'esposizione sul parabrezza dell'autovettura di un falso contrassegno di assicurazione può essere considerata truffa?

Tale questione è stata più volte affrontata dalla giurisprudenza, ma con esiti contrastanti.Secondo una prima opinione, l'esposizione sul parabrezza dell'autovettura del contrassegno assicurativo falsificato integra il reato di truffa. Infatti, attraverso tale condotta, il soggetto, facendo risultare l'adempimento dell'obbligo fiscale, si sottrae al pagamento del maggior importo dovuto al fisco.Tuttavia, di recente la giurisprudenza, ha invece affermato che tale condotta non integra il reato di truffa, perché manca la necessaria cooperazione della vittima e manca altresì la sequenza "artificio - induzione in errore – profitto". Il profitto, infatti, viene realizzato immediatamente, grazie al mancato versamento della somma dovuta o al versamento di una somma inferiore, mentre la falsificazione del contrassegno serve solo a dissimulare il profitto già ottenuto, consistente nella circolazione dell'autovettura senza copertura assicurativa.
vota  

DISCUSSIONI ARCHIVIATE

nazzareno

21/12/2011 19:56:42

voglio denunciare per truffa un professionista,in poche parole lui affittava una casa,l'inquilina decise di lasciarmi la mobilia per 500 euro ed io pagai,poi intervenne lui il signor xxx e mi ha chiesto 3000 euro o non mi avrebbe dato la casa,io a quel punto accettai,pagai,ora io ho perso il lavoro,e lui oltre a buttarmi fuori di casa pretende che paghi.io ho proposto un patteggiamento ma lui non si accontenta,praticamente mi ha detto in faccia che o pago o mi rovina. IO SONO INCENSURATO,SONO PULITO IN TUTTO E PER TUTTO,MA MI CHIEDO NE è VARSA LA PENA!causa di tutto mi sono separato ho perso tutto e sono stato male,male seriamente.
cosa devo fare,nessuno si degna di ascoltarmi perchè non ho niente da offrire,devo diventare cattivo!rapinare,spacciare,o peggio possibile che per chi come me non ce niente e nessuno....

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO IL PATRIMONIO: VOCI CORRELATE

Violazioni di fondo altrui

di del 07/06/2016

Le violazioni di fondo altrui sono contemplate sia dall'articolo 614 che dall'articolo 633 del Codic..

Riciclaggio

di Avv. Barbara Bruno del 31/03/2011

Il riciclaggio è un reato e lo si commette quando su somme di denaro o su altri beni di origine ille..

Frode in emigrazione

di del 09/05/2017

La frode in emigrazione è un reato previsto dall'articolo 645 del codice penale, secondo il quale de..

Ricettazione

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 29/06/2016

Il reato di ricettazione è previsto dall'articolo 648 cp (codice penale) che punisce chiunque, fuori..

Danneggiamento

di Avv. Amerigo Motta del 30/06/2016

Il reato di danneggiamento è disciplinato dal nostro Ordinamento Penale con l'articolo 635 codice pe..