Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Sottrazione di minori

del 14/06/2011
CHE COS'È?

Sottrazione di minori: definizione

Innanzitutto, è opportuno precisare che il reato di sottrazione di minore, nel nostro codice penale, si snoda in tre fattispecie delittuose, disciplinate, rispettivamente, dagli articoli 573 (“Sottrazione consensuale di minore”), 574 (“Sottrazione di persone incapaci”) e 574 bis (“Sottrazione trattenimento di minore all’estero”), introdotto nel 2009, e si colloca tra i reati contro la famiglia. 
ARTICOLO 573 codice penale  
Andando con ordine, il primo dei reati in esame, prevede come condotta punibile quella di chi sottrae al genitore esercente la potestà genitoriale (o al tutore) il minore che abbia compiuto gli anni quattordici CON il consenso di esso, nonché quella di chi lo ritiene contro la volontà del medesimo genitore (o tutore). La pena cui si va incontro è la reclusione fino a due anni, salvo che il fatto avvenga per fine di libidine, nel qual caso subirà un aumento.
ARTICOLO 574
Integra il reato di sottrazione di persone incapaci, la condotta di chi sottrae un minore degli anni quattordici (o un infermo di mente) al genitore esercente la potestà genitoriale (o al tutore, o al curatore), o a chi ne abbia la vigilanza o la custodia, ovvero lo ritenga contro la volontà dei medesimi.
Si noti come manchi nella lettera della legge l’inciso riguardante il consenso o meno del minore sottratto: ciò in quanto chi non ha compiuto il quattordicesimo anno di età si trova, per presunzione legislativa, in condizione di immaturità cui consegue assoluta inferiorità psichica e fisica, tale da rendere irrilevante il suo consenso; anzi, non è possibile distinguere tra il minore che non sia stato in grado di resistere all’azione, che vi abbia consentito o che l’abbia, addirittura, intenzionalmente provocata.
La pena è più alta del precedente articolo: varia da uno a tre anni di reclusione.
ARTICOLO 574 bis
Questo reato, introdotto con la legge n. 94 del 15 luglio 2009, più nota come “Pacchetto Sicurezza”, punisce un fenomeno cresciuto negli anni: specie tra genitori di diverse nazionalità, la sottrazione dei figli minori di un genitore in danno dell’altro e la conduzione e ritenzione degli stessi all’estero.
Più in generale, è punito chiunque sottragga un minore al genitore esercente la potestà genitoriale (o al tutore), conducendolo o trattenendolo all’estero contro la volontà del medesimo genitore (o tutore), impedendo in tutto o in parte allo stesso l’esercizio della potestà genitoriale.
La pena è la reclusione da uno a quattro anni. Se il fatto è commesso nei confronti di minore che abbia compiuto i quattordici anni e con il suo consenso, la reclusione è dai sei mesi a tre anni.
Se, ancora, il fatto è commesso da un genitore in danno al figlio minore, alla condanna segue la pena accessoria della sospensione della potestà genitoriale.
È configurabile questo reato, come previsto esplicitamente dalla rubrica, unicamente nel momento in cui la condotta determini l’espatrio del minore: in difetto, continueranno ad applicarsi gli artIcoli 573 e 573 codice penale.

Avv. Emanuele Di Salvo
Ordine degli Avvocati di Milano
Studio Fedegari

COME SI FA
Le tre condotte descritte presentano tutte il comune denominatore della sottrazione e della ritenzione del minore.
Il bene giuridico tutelato è senz'altro la potestà genitoriale, lesa dalla condotta dell’agente che muove contro la volontà del genitore stesso.
Mentre nell'ipotesi reato di cui all’articolo 573 codice penale il minore deve essere consenziente, nell'ipotesi di cui all’articolo 574 il minore diventa ulteriore vittima, sì da poter etichettare il reato in questione come plurioffensivo, perché lede tanto il diritto di chi esercita la potestà, quanto il diritto del minore a vivere nel suo ambiente naturale ed ideale. 
Ci si può domandare perché le condotte descritte non integrino il reato di sequestro di persona. In realtà, non necessariamente l’un reato esclude l’altro, anzi il reato di sequestro di persona potrebbe concorrere con quello di sottrazione di incapace nei casi in cui la condotta dell’agente violi sia il diritto del genitore affidatario a mantenere il minore sotto la propria custodia, sia il diritto del minore alla propria libertà personale, intesa quale possibilità di movimento nello spazio.
Per tutte e tre le fattispecie di sottrazione, per integrare la condotta punibile è necessario avere la consapevolezza e la volontà di porre in essere un comportamento che mira a violare, per un lasso di tempo apprezzabile, la sfera di vigilanza esercitata dai genitori o dal tutore.

CHI
I reati descritti sono punibili a querela di parte (vale a dire mediante l’impulso del derubato che, rivolgendosi all’Autorità, personalmente o a mezzo avvocato, comunica tanto la commissione di un reato in suo danno, quanto la propria volontà che si persegua a norma di legge l’autore), eccetto quello previsto dall’artIcolo 574 bis, procedibile d’ufficio: questo significa che la conoscenza da parte dell’Autorità Giudiziaria innesca un meccanismo processuale di tale portata che non si può bloccare nemmeno ritirando la querela sporta.
È un reato che non prevede particolari qualifiche nell’agente, essendo un reato cosiddetto comune: il ruolo di genitore, impone per esplicito dettato normativo, tuttavia, nel caso dell’articolo 574 bis, l’ulteriore pena accessoria, a seguito di condanna, della sospensione della potestà genitoriale.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO LA FAMIGLIA: VOCI CORRELATE

Violazione degli obblighi di assistenza familiare

di del 08/07/2016

L’articolo 570 del codice penale, una delle norme che, per la sua formulazione, è tra le più antiqua..

Maltrattamenti in famiglia

di Avv. Stefano Vittorini Giuliano del 02/05/2017

Secondo l’art 572 cp, comma 1, formalmente riferito ai maltrattamenti in famiglia o contro fanciulli..

Delitti contro lo stato di famiglia

di del 05/10/2015

I delitti contro lo stato di famiglia fanno parte dei delitti contro la famiglia indicati dall'XI ti..

Bigamia

di del 03/03/2016

Nel Codice Penale italiano la bigamia è un delitto previsto dall’articolo 556, che specifica che chi..

Incesto

di del 09/06/2016

L'incesto viene commesso nel momento in cui si è protagonisti di un rapporto sessuale con una person..