Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Maltrattamenti in famiglia

del 02/05/2017
CHE COS'È?

Maltrattamenti in famiglia: definizione

Secondo l’art 572 cp, comma 1, formalmente riferito ai maltrattamenti in famiglia o contro fanciulli, “chiunque maltratta una persona della famiglia o comunque convivente, o una persona sottoposta alla sua autorità o a lui affidata per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, o per l'esercizio di una professione o di un'arte, è punito con la reclusione da due a sei anni”.

L'art 572 codice penale inquadra il reato di maltrattamenti in famiglia tra i “delitti contro la famiglia” ma l’interpretazione più moderna tende a collocare questi comportamenti tra i reati contro la persona o, meglio, “contro soggetti deboli”, dal momento che con questa norma il legislatore intende salvaguardare l’incolumità fisica e psichica delle persone “più facilmente aggredibili”.

D’altra parte, la famiglia oggetto di tutela da parte dell’art 572 cp va intesa in senso restrittivo, ma è nozione che va estesa fino a ricomprendervi ogni consorzio di persone legate da relazioni e consuetudini di vita tali da fare sorgere reciproci rapporti di convivenza, assistenza e solidarietà, com’è ben percepibile dallo stesso testo normativo (modificato dalla legge 15 ottobre 2013, n. 119) che tutela espressamente anche la persona “comunque convivente”. Ne deriva che i membri delle famiglie di fatto godono della stessa protezione dei membri della famiglia regolata dalle norme sul matrimonio civile.

Com’è evidente, l’art 572 cp estende la sua portata anche al di fuori del nucleo familiare tanto che – seppure con minore frequenza – ha trovato applicazione in ambiti diversi contemplati, d’altra parte, dalla stessa norma sui maltrattamenti in famiglia. Si pensi, in particolare, alle strutture di ricovero dove potrebbero essere adoperati nei confronti dei degenti mezzi incompatibili con le normali finalità di cura, mentre più controverse applicazioni vi sono state negli ambienti di lavoro o scolastici, dove tenue è il confine con il meno grave delitto di abuso dei mezzi di correzione, previsto dall'articolo 571 codice penale.

I maltrattamenti in famiglia perseguibili penalmente sono concretamente realizzabili con ogni tipo di comportamento, sono tra i cosiddetti reati a forma libera. Dal punto di vista statistico, i maltrattamenti si realizzano per lo più con le tipiche violenze nei confronti di soggetti vulnerabili e conviventi. Tristi ma frequenti esempi: il coniuge che percuote abitualmente l’altro coniuge o il tossicodipendente che estorce somme ai familiari, ma possono pacificamente consistere anche in aggressioni di tipo morale o verbale.

Occorre, al proposito, un chiarimento: l’ingiuria, la minaccia e persino il gesto violento, presi singolarmente, potrebbero essere di per sé non punibili oppure solo procedibili a querela ma, qualora siano reiterati nel tempo – diventando così abituali – acquisiscono una loro intrinseca gravità e, quindi, rilievo penale: per contro i litigi sporadici e gli episodi di violenza occasionali non saranno mai maltrattamenti.

In altri termini, il reato di maltrattamenti in famiglia si realizza solo quando si accerta l'esistenza di una condotta abituale che si concretizza in più fatti lesivi dell'integrità fisica o morale o della libertà o del decoro delle persone della famiglia nei confronti delle quali viene posta in essere una condotta di sopraffazione sistematica, in modo da rendere abitualmente dolorose e mortificanti le relazioni tra l’autore di tali comportamenti e la vittima. Nella nozione di “maltrattamenti” possono rientrare sia le aggressioni fisiche in senso stretto (percosse, lesioni) sia quegli atti di vessazione, disprezzo e sopruso, tali da incidere in modo significativo sulla individualità della persona maltrattata che, a causa della reiterazione di simili condotte nel corso del rapporto familiare (o, per quanto sopra accennato, extrafamiliare), ne subisce apprezzabile sofferenza morale o fisica.

Avv. Stefano Vittorini Giuliano
Ordine degli Avvocati di Milano
Studio Legale Vittorini Giuliano Fracanzani


COME SI FA

Art 572 codice penale: come denunciare i maltrattamenti in famiglia

Il delitto è procedibile d’ufficio ed è denunciabile da chiunque ne abbia avuto notizia o dalla stessa vittima, presentandosi in Questura, a una Stazione dei Carabinieri o alla Procura della Repubblica.

È frequente che una semplice querela per lesioni o altro reato sia qualificata come fatto sintomatico, purché unito ad altri ricorrenti episodi in danno della stessa vittima, del più grave delitto di maltrattamenti in famiglia, dal momento che spetta al magistrato dare qualificazione giuridica al fatto.

Né è infrequente l’opposta operazione: è ben possibile, in effetti, che dall’originaria imputazione di maltrattamenti si finisca per scomporre il reato in più episodi distinti (per i quali non si ravvisi, cioè, abitualità) e se ne escluda quindi la rilevanza. Ovviamente, chi è accusato del reato dovrà rivolgersi a un avvocato penalista per la propria difesa.


CHI

Chi ritiene di denunciare il reato di maltrattamenti in famiglia non deve necessariamente rivolgersi a un professionista, essendo sufficiente recarsi in Questura o a una Stazione dei Carabinieri, dove potrà anche fare redigere un verbale della propria denuncia o querela e sottoscriverlo.

Chi è accusato del reato non potrà che rivolgersi all’avvocato penalista.


FAQ

Il reato di maltrattamenti in famiglia può essere commesso anche nell’ambito di una famiglia “di fatto” o comunque al di fuori della famiglia legittima?

Il reato di maltrattamenti in famiglia è ritenuto essere anche quello commesso al di fuori della famiglia legittima in presenza di un rapporto caratterizzato da stabilità e suscettibile di determinare obblighi di solidarietà e di mutua assistenza, come la famiglia di fatto e la convivenza.

Delitto di maltrattamenti: cosa si intende per abitualità?

Il delitto di maltrattamenti può dirsi integrato solo a fronte di una pluralità di comportamenti che incidano sul regime di vita di chi subisce il reato (e, in ciò, ha forti analogie con lo stalking previsto dall'articolo 612 bis codice penale). Fatti episodici e derivanti da situazioni contingenti, pur lesivi dei diritti fondamentali, mantengono la loro autonomia di reati contro la persona (o contro l’onore o contro la libertà) mentre divengono componenti dei “maltrattamenti” se sono parte di una più ampia e unitaria condotta che impone alla vittima uno stile di vita mortificante e insostenibile.

Come distinguere i maltrattamenti dall’abuso dei mezzi di correzione?

L’attuale demarcazione tra i due reati non si fonda più sulle finalità disciplinari o rieducative tipiche della vecchia interpretazione dell’articolo 571 codice penale ma, piuttosto, sulla occasionalità o meno del comportamento: l’uso sistematico della violenza (quand’anche sorretta da fini “rieducativi”) sarà inquadrabile tra i maltrattamenti, mentre i fatti occasionali saranno rilevanti soltanto come abuso dei mezzi correzionali.

L'art 572 cp tutela anche gli adulti o gli anziani?

La questione è delicata per più ragioni.In primo luogo, affermare la possibilità che il delitto di maltrattamenti si possa verificare nell’ambito del rapporto di lavoro implicherebbe ammettere che il lavoratore è “sottoposto all’autorità del datore di lavoro”, presupposto teorico lontano dall’attuale concezione del rapporto di lavoro.Nell’ordinamento penale manca, inoltre, il reato di mobbing: pertanto, solo in situazioni rare ed “estreme” (allorché siano accertate condotte idonee a produrre uno stato di abituale sofferenza fisica e morale nei dipendenti, quando la finalità perseguita dagli agenti consista nello sfruttamento degli stessi dipendenti per motivi di lucro personale) la giurisprudenza ha ritenuto integrato il delitto di maltrattamenti da parte del datore di lavoro.

I lavoratori dipendenti possono essere vittime del reato di maltrattamenti?

La questione è delicata perché affermare la possibilità che il delitto di maltrattamenti si possa verificare nell’ambito del rapporto di lavoro implicherebbe ammettere che il lavoratore è “sottoposto all’autorità del datore di lavoro”, presupposto teorico lontano dall’attuale concezione del rapporto di lavoro.Solo in situazioni rare ed “estreme” (allorché furono accertate condotte idonee a produrre uno stato di abituale sofferenza fisica e morale nei dipendenti, quando la finalità perseguita dagli agenti non era la punizione per episodi censurabili ma lo sfruttamento degli stessi dipendenti per motivi di lucro personale) la giurisprudenza ha ritenuto integrato il delitto di maltrattamenti da parte del datore di lavoro.
vota  

DISCUSSIONI ARCHIVIATE

Dan

08/02/2012 22:16:28

Salve, la mia ragazza (appena diciottenne) sta avendo dei maltrattamenti dal padre.
Lei non vuole fare nulla per paura ed io vorrei aiutarla.
Mi ha detto molte volte i comportamenti del padre ma siccome siamo distanti non ho potuto accertarmi che sia stato lui (anche se ho visto molti atteggiamenti avversi nei confronti della mia ragazza). Lei è finita all'ospedale e siccome l'ha accompagnata lui non ha potuto dire che i danni le siano stati arrecati dal padre ed ha detto che è caduta. Mi serve un consiglio.

Studio Legale Vittorini

08/03/2012 12:47:24

Se i maltrattamenti di cui scrive consistono in lesioni o percosse (che sono comunque un reato contro la persona, seppure in genere procedibile a querela), e ciò accade abitualmente, allora si può ritenere commesso il (più grave) reato di maltrattamenti in famiglia.

Lalla

25/03/2012 01:29:20

Mio padre 85anni ha l'amante da oltre 35anni vive con mia madre ma la maltratta sia moralmente che psicologicamente....la odia non passa giorno che non litigano tant'è che alcuni giorni fa' i vicini volevano chiamare il 112 noi figli cosa possiamo fare per fermare quel mostro.

Giuseppe

18/07/2012 16:04:40

Maltrattamenti in famiglia con lesioni fino i 20 giorni fanno cambiare la pena?
Grazie.

Angelo

17/08/2012 14:39:59

Salve, ogni volta che esco da casa, un'anziana vicina mi chiama e mi dice aiutami, chiama i carabinieri, portami via da questa casa, non mi puoi aiutare, io sul momento le rispondo stia tranquilla questa è casa sua! conoscendo i suoi familiari che l'accudiscono non riesco a fare nulla e mi sento in colpa. Vi chiedo cosa si puo fare per questa anziana che viene dichiarata dai suoi familiari che è malata, è la malattia che la fa reagire in questo modo, quando invece l'anziana signora mi chiama impaurita per dirmi aiutami, non puoi aiutarmi!
Grazie

Tony

24/08/2012 10:44:12

Se ci sono maltrattamenti in famiglia di minori, una volta accertato, a chi vengono affidati? Casa famiglia? Nonni? Altre famiglie? Parliamo di minori di 2 anni. Grazie

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO LA FAMIGLIA: VOCI CORRELATE

Violazione degli obblighi di assistenza familiare

di del 08/07/2016

L’articolo 570 del codice penale, una delle norme che, per la sua formulazione, è tra le più antiqua..

Abuso dei mezzi di correzione o disciplina

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 31/03/2011

Si tratta di un reato posto a tutela dell’integrità della persona all'interno di determinati rapport..

Matrimonio mediante inganno

di del 21/12/2015

Il matrimonio mediante inganno è un reato previsto dall'articolo 558 del Codice Penale, che stabilis..

Sottrazione di minori

di del 14/06/2011

Innanzitutto, è opportuno precisare che il reato di sottrazione di minore, nel nostro codice penale,..

Bigamia

di del 03/03/2016

Nel Codice Penale italiano la bigamia è un delitto previsto dall’articolo 556, che specifica che chi..