Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Abuso dei mezzi di correzione o disciplina

del 31/03/2011
CHE COS'È?

Abuso dei mezzi di correzione o disciplina: definizione

Si tratta di un reato posto a tutela dell’integrità della persona all'interno di determinati rapporti, non solo familiari. Esso punisce, qualora dal fatto derivi anche soltanto il pericolo di una malattia nel corpo o nella mente, chiunque abusa dei mezzi di correzione o disciplina in danno di una persona sottoposta alla sua autorità, o a lui affidata per ragioni di educazione, istruzione, vigilanza o custodia, oppure per l'esercizio di una professione o un'arte.
La pena prevista è la reclusione fino a sei mesi.

Avv. Carlo Melzi d'Eril 
Ordine degli Avvocati di Milano
ACCMS Studio Legale


COME SI FA

Il reato di abuso dei mezzi di correzione o disciplina è un reato che può essere commesso solo da determinate persone, legate alla vittima da un vincolo che hanno in ragione di una particolare forma di autorità che sostanzia nello ius corrigendi. Si tratta, tipicamente, dei genitori, del personale della scuola, del personale sanitario o penitenziario od ancora degli artigiani o dei datori di lavoro in rapporto agli apprendisti o garzoni.
L'abuso dei mezzi di correzione viene punito se dal fatto deriva un pericolo per la vittima di una malattia nel corpo o nella mente. Il concetto di malattia viene inteso in senso ampio, comprensivo di qualsiasi lacerazione, contusione, lesioni lievissime all'integrità fisica ed ogni conseguenza rilevante sulla salute psichica del soggetto passivo, dallo stato d'ansia all'insonnia, dalla depressione ai disturbi del carattere e del comportamento.
Imprescindibile per la valutazione della sussistenza del reato è la titolarità di un potere legittimo di correzione o disciplina, che deve essere preliminarmente accertato. Per questa ragione tale fattispecie delittuosa viene riconosciuta molto di rado dalla giurisprudenza, essendosi negli ultimi anni ridotta l'area di legittima possibilità di usare i mezzi di correzione o di disciplina al di fuori dell'ambito familiare. Ad esempio, tra insegnanti ed alunni è escluso l’uso della violenza, mentre possono essere adottate, a fini educativi, sanzioni disciplinari; lo stesso vale nell’ambito del regime carcerario e dei rapporti di lavoro subordinato. Inoltre, anche per quando riguarda il rapporto tra genitori e figli, la violenza viene considerata di regola incompatibile con una finalità educativa volta a perseguire lo sviluppo armonico ed equilibrato del minore. L'uso dei mezzi correttivi a fini educativi deve essere a monte utilizzato nei casi consentiti e con modalità lecite. In ogni caso, a prescindere dalla violenza, l'utilizzo di mezzi di correzione o disciplina può comunque tradursi in un abuso in considerazione dell'eccesso, dell'arbitrarietà o della intempestività della misura.
L'"abuso", che linguisticamente richiama l'idea di "cattivo uso", è un concetto variabile che deve essere valutato caso per caso al fine di stabilire la possibilità che vengano in considerazioni altre fattispecie penali, quali, ad esempio, il reato di maltrattamenti, le percosse, le lesioni eccetera.
Se dall'abuso dei mezzi di correzione o disciplina deriva, come conseguenza non voluta, una lesione personale o la morte della vittima le pene sono aumentate. 


CHI

Il reato di abuso dei mezzi di correzione o disciplina è perseguibile d'ufficio.
L'autorità giudiziaria competente è il tribunale in composizione monocratica avente sede nel luogo ove è commesso il fatto di reato. È competente la Corte d'Assise qualora dal fatto di reato derivi la morte della vittima.
Come tutte le volte in cui si ha anche solo il sospetto di essere indagati o di avere subito un reato, è consigliabile contattare un avvocato penalista al fine di ricevere chiarimenti sul caso concreto e compiere gli eventuali "passi" che, insieme al legale, venissero giudicati necessari o anche solo opportuni. Più precisamente, e solo per fare un esempio, per valutare se formulare una richiesta alla Procura della Repubblica per essere informati dell'esistenza di procedimenti a proprio carico, oppure per verificare la sussistenza dei presupposti per una denuncia.
Nel caso in cui vittime del reato siano soggetti minori, le azioni giudiziarie a loro tutela devono essere compiute dai genitori, quali legali rappresentanti.

 


FAQ

Quando è configurabile un uso legittimo dello ius corrigendi?

Di regola, dovrebbero ritenersi espressione di un uso legittimo dello ius corrigendi quegli atti di minima violenza fisica o morale che risultino necessari per rafforzare la proibizione di comportamenti oggettivamente pericolosi o dannosi, di disobbedienza gratuita, oppositiva e insolente. Tuttavia non è possibile fornire una indicazione certa e univoca, in quanto la giurisprudenza assume posizioni molto variegate in ragione dei diversi casi concreti che si trova a giudicare. Ad esempio, il fare scrivere ripetutamente una frase ingiuriosa ad un minore è stato, in ragione delle circostanze del caso concreto, ritenuto sia una condotta riconducibile al reato di abuso dei mezzi di correzione o di disciplina, sia un legittimo mezzo educativo rispettoso della incolumità fisica e psichica.

Il convivente more uxorio è titolare di uno ius corrigendi nei confronti della prole dell’altro convivente?

Nonostante l'ampliamento della nozione penalistica di famiglia, con l'estensione di molti istituti alle cosiddette famiglie di fatto (si pensi, ad esempio, alla configurabilità del reato di maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli non solo se commesso fra i membri di una famiglia unita in matrimonio, ma anche allorché i componenti della famiglia siano uniti da un legame naturale o di fatto) non appare attribuibile uno ius corrigendi, corredato di una sia pur lieve potestà coercitiva, nei rapporti del convivente more uxorio con la prole dell’altro convivente.

Se si tratta di un episodio sporadico, è comunque configurabile il reato?

Si, la giurisprudenza ritiene che il reato in questione può ritenersi integrato sia da una serie di comportamenti lesivi dell'incolumità fisica e della serenità psichica del minore, sia da un unico atto espressivo dell'abuso. In questa prospettiva, ad esempio, è stato ritenuto che anche uno schiaffo isolato, quando sia vibrato con tale violenza da cagionare pericolo di malattia, può essere sufficiente a costituire reato di abuso dei mezzi di correzione. 

Lo scopo correttivo può rilevare al fine di ottenere una diminuzione di pena?

Lo scopo correttivo è coessenziale alla fattispecie dell'abuso dei mezzi di correzione o disciplina, nel senso che la finalità educativa è un elemento costitutivo del reato stesso. Pertanto si ritiene che non possa essere valutato come circostanza attenuante (aver agito per motivi di particolare valore morale o sociale).

Quando è configurabile il più grave reato di maltrattamenti in famiglia o verso i fanciulli?

La fattispecie dell'abuso dello ius corrigendi deve essere mantenuta distinta dal diverso caso dei maltrattamenti in famiglia, previsto dall’art. 572 c.p.. Al di là dell'assenza della specifica finalità educativa nel reato di maltrattamenti, l'elemento principale che distingue le due ipotesi va individuato nella diversa condotta offensiva. L'abuso dei mezzi di correzione, infatti, deve concretarsi in una condotta che, di per sé, sarebbe lecita e che, sol per le particolari modalità attuative (abusive), diventa penalmente illecita; inoltre può trattarsi anche di una condotta estemporanea, ossia consistente anche in un singolo episodio. Il reato di maltrattamenti, invece,  presuppone l'abitualità, per cui si sostanzia di regola in reiterati atti di violenza fisica e morale, anche qualora eventualmente compatibili con un intento correttivo ed educativo proprio della concezione culturale di cui l'agente è portatore.

Quali particolari conseguenze può comportare il rato di abuso dei mezzi di disciplina o correzione?

Se il delitto è commesso a danno dei prossimi congiunti, per i casi più gravi previsti dal secondo comma dell’art. 571 c.p. (lesioni o morte del soggetto passivo), oltre alla sanzione detentiva, può essere disposta la sospensione della potestà genitoriale e l’allontanamento dalla casa coniugale.Il giudice può inoltre, per garantire particolari esigenze della vittima e dei suoi congiunti, impartire il divieto di avvicinarsi a determinati luoghi.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO LA FAMIGLIA: VOCI CORRELATE

Bigamia

di del 03/03/2016

Nel Codice Penale italiano la bigamia è un delitto previsto dall’articolo 556, che specifica che chi..

Incesto

di del 09/06/2016

L'incesto viene commesso nel momento in cui si è protagonisti di un rapporto sessuale con una person..

Matrimonio mediante inganno

di del 21/12/2015

Il matrimonio mediante inganno è un reato previsto dall'articolo 558 del Codice Penale, che stabilis..

Violazione degli obblighi di assistenza familiare

di del 08/07/2016

L’articolo 570 del codice penale, una delle norme che, per la sua formulazione, è tra le più antiqua..

Maltrattamenti in famiglia

di Avv. Stefano Vittorini Giuliano del 02/05/2017

Secondo l’art 572 cp, comma 1, formalmente riferito ai maltrattamenti in famiglia o contro fanciulli..