Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Matrimonio mediante inganno

del 21/12/2015
CHE COS'È?

Matrimonio mediante inganno: definizione

Il matrimonio mediante inganno è un reato previsto dall'articolo 558 del Codice Penale, che stabilisce che chi contrae un matrimonio avente effetti civili nascondendo l'esistenza di un impedimento al coniuge con mezzi fraudolenti può essere punito con una multa da un minimo di 206 euro a un massimo di 1032 euro o con la reclusione fino a un anno nel caso in cui il matrimonio debba essere annullato per colpa dell'impedimento che è stato nascosto. Tra gli impedimenti, non viene considerato l'occultamento di un matrimonio precedente, perché in questo caso il reato che si configurerebbe sarebbe quello di bigamia. Lo scopo di questa norma è, evidentemente, quello di assicurare la costituzione regolamentare della famiglia.


COME SI FA

Che cos'è il matrimonio per l'ordinamento civile italiano?

Il matrimonio è un negozio giuridico che è regolato dal Titolo VI del Libro I del Codice Civile, dall'articolo 79 all'articolo 230, e quindi non fa parte della disciplina dei contratti (trattata nel Libro IV del Codice). Si tratta, comunque, di un contratto tramite cui i coniugi stabiliscono un regime patrimoniale coniugale (la comunione convenzionale o la separazione dei beni) diverso dalla comunione legale. Il matrimonio è trattato anche dalla Costituzione: l'articolo 29 parla della famiglia in qualità di società naturale che si basa sul matrimonio, il quale a sua volta è fondato sull'eguaglianza giuridica e morale dei coniugi, nel rispetto dei vincoli che la legge stabilisce a tutela dell'unità familiare; l'articolo 30, invece, parla del mantenimento dei figli legittimi (nati nell'ambito del matrimonio) e dei figli naturali (nati al di fuori del matrimonio), della loro istituzione e della loro educazione.


CHI

Un avvocato matrimonialista.


FAQ

1. L'annullamento del matrimonio è diverso dal divorzio?

Occorre precisare che l'annullamento del matrimonio è cosa ben diversa dal divorzio, in quanto cancella il vincolo coniugale in modo totale: in pratica, quel vincolo non esisterà più e non potrà più essere considerato come esistito in passato. Il divorzio è lo scioglimento di un matrimonio valido, quindi, mentre l'annullamento sancisce che il matrimonio sin dalla sua origine non è stato valido. 

2. Quali sono i giudici che possono decidere che un matrimonio venga annullato?

Il tribunale civile è competente per i matrimoni che sono stati celebrati con un rito religioso che non sia quello cattolico o con il rito civile, mentre per i matrimoni cosiddetti concordatari (cioè quelli celebrati con il rito cattolico e poi trascritti nei registri di stato civile), la competenza è sia del tribunale civile che del tribunale ecclesiastico.

3. Quali sono i requisiti che il Codice Civile del nostro Paese impone per il matrimonio?

Coloro che intendono contrarre matrimonio devono essere maggiorenni ed essere in grado di intendere e di volere. Per quel che riguarda la maggiore età, in ogni caso, il tribunale per i minorenni può concedere l'emancipazione, dopo avere accertato la maturità fisica e psicologica, a minorenni di età superiore ai 16 anni. Un altro requisito è la libertà di stato, vale a dire l'assenza di un legame di matrimonio con effetti civili persistente con un'altra persona.

4. Quali sono gli impedimenti a contrarre matrimonio?

Gli impedimenti impedienti sono la mancanza di pubblicazione e il lutto vedovile; gli impedimenti dirimenti sono il rapporto di parentela, affiliazione, adozione o affinità tra i futuri coniugi, l'incapacità di intendere e di volere di una o entrambe le persone, l'esistenza di un vincolo matrimoniale precedente, la minore età di una o entrambe le persone (a meno che non intervenga l'emancipazione) e l'impedimentum criminis, che consiste nel matrimonio tra chi è stato condannato per omicidio o per tentato omicidio e il coniuge della vittima.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO LA FAMIGLIA: VOCI CORRELATE

Violazione degli obblighi di assistenza familiare

di del 08/07/2016

L’articolo 570 del codice penale, una delle norme che, per la sua formulazione, è tra le più antiqua..

Maltrattamenti in famiglia

di Avv. Stefano Vittorini Giuliano del 02/05/2017

Secondo l’art 572 cp, comma 1, formalmente riferito ai maltrattamenti in famiglia o contro fanciulli..

Abuso dei mezzi di correzione o disciplina

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 31/03/2011

Si tratta di un reato posto a tutela dell’integrità della persona all'interno di determinati rapport..

Delitti contro lo stato di famiglia

di del 05/10/2015

I delitti contro lo stato di famiglia fanno parte dei delitti contro la famiglia indicati dall'XI ti..

Bigamia

di del 03/03/2016

Nel Codice Penale italiano la bigamia è un delitto previsto dall’articolo 556, che specifica che chi..