Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Delitti contro lo stato di famiglia

del 05/10/2015
CHE COS'È?

Delitti contro lo stato di famiglia: definizione

I delitti contro lo stato di famiglia fanno parte dei delitti contro la famiglia indicati dall'XI titolo del codice penale. Essi vengono identificati nel III Capo, in tre articoli differenti: il 566, il 567 e il 568.


COME SI FA

Quali sono i delitti contro lo stato di famiglia?

I delitti contro lo stato di famiglia sono la supposizione o soppressione di stato, l'alterazione di stato e l'occultamento di stato di un figlio. La supposizione o soppressione di stato, indicata dall'articolo 566, si configura nel momento in cui una persona fa figurare una nascita inesistente nei registri dello stato civile o sopprime lo stato civile di un neonato occultandolo. In pratica, chi finge o nasconde una nascita è punito con la reclusione, per una pena che va da un minimo di tre a un massimo di dieci anni. L'alterazione di stato, indicata dall'articolo 567, si configura nel momento in cui una persona altera lo stato civile di un neonato sostituendolo: anche in questo caso, la pena prevista è la reclusione da tre a dieci anni. Non solo: si parla di alterazione di stato anche nel caso in cui nella formazione di un atto di nascita, con attestazioni o certificazioni false, venga alterato lo stato civile di un neonato: in questa circostanza la pena prevista è la reclusione da cinque a quindici anni. Infine, l'occultamento di stato di un figlio, indicato dall'articolo 568, si configura nel momento in cui una persona presenta o lascia in un luogo di beneficenza, in un orfanotrofio o in un ospizio di trovatelli un bambino iscritto come figlio riconosciuto o nato nel matrimonio iscritto nei registri dello stato civile, occultandone lo stato. La pena prevista è la reclusione da uno a cinque anni.


CHI

L'avvocato penalista, possibilmente esperto in diritto minorile o diritto della famiglia.


FAQ

1. Chi viene condannato per delitti contro lo stato di famiglia subisce altre conseguenze oltre alla reclusione?

La questione è controversa, perché l'articolo 569 del Codice Penale stabilisce che la condanna pronunciata contro un genitore comporta la perdita della responsabilità genitoriale. Tuttavia, la sentenza numero 31 del 23 febbraio del 2012 della Corte Costituzionale ha sancito che tale articolo non è legittimo dal punto di vista costituzionale a proposito della perdita della potestà genitoriale nel caso di una condanna nei confronti di un genitore colpevole di alterazione di stato secondo quanto previsto dall'articolo 567. L'illegittimità costituzionale deriva dal fatto che al giudice viene preclusa qualsiasi possibilità di valutazione tenendo conto dell'interesse del bambino. Non solo: la sentenza numero 7 del 23 gennaio del 2013 della Corte Costituzionale ha sancito anche che l'articolo 569 non è legittimo dal punto di vista costituzionale a proposito della perdita della potestà genitoriale nel caso di una condanna nei confronti di un genitore colpevole di soppressione di stato, sempre per la stessa ragione indicata in precedenza. 

2. Qual è il dolo nella supposizione o soppressione di stato?

Nella supposizione di stato, il presupposto è che la reale nascita di un essere umano non esista. Dal punto di vista materiale, è richiesta una condotta che integri una falsità documentale, e il delitto viene consumato nel momento in cui la nascita inesistente viene iscritta nei registri dall'ufficiale dello stato civile. Il tentativo è configurabile. Nella soppressione di stato, dal punto di vista materiale viene omessa la nascita di un essere umano all'ufficio anagrafe: si parla di reato commissivo tramite omissione. In tutti e due i casi, il dolo è generico. Si parla di dolo generico nel caso in cui vi sia corrispondenza tra l'ideazione e la realizzazione: in pratica il dolo generico corrisponde alla classica nozione di dolo, da intendersi come la volontà di una persona nell'arrecare danno ad altri attraverso il proprio comportamento e le proprie azioni.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO LA FAMIGLIA: VOCI CORRELATE

Bigamia

di del 03/03/2016

Nel Codice Penale italiano la bigamia è un delitto previsto dall’articolo 556, che specifica che chi..

Sottrazione di minori

di del 14/06/2011

Innanzitutto, è opportuno precisare che il reato di sottrazione di minore, nel nostro codice penale,..

Incesto

di del 09/06/2016

L'incesto viene commesso nel momento in cui si è protagonisti di un rapporto sessuale con una person..

Abuso dei mezzi di correzione o disciplina

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 31/03/2011

Si tratta di un reato posto a tutela dell’integrità della persona all'interno di determinati rapport..

Violazione degli obblighi di assistenza familiare

di del 08/07/2016

L’articolo 570 del codice penale, una delle norme che, per la sua formulazione, è tra le più antiqua..