Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Sostituzione di persona

del 23/04/2012
CHE COS'È?

Sostituzione di persona: definizione

La sostituzione di persona è un reato. Se qualcuno, per procurarsi un vantaggio, un guadagno o un’altra utilità, o per danneggiare un terzo soggetto, finge di essere qualcun altro, si spaccia per qualcun altro, o si dà un falso nome, viene punito con la reclusione fino ad un anno. Queste “falsità” devono trarre in inganno qualcuno. Se nessuno cade in errore sulla vera identità o sulla vera qualifica del soggetto, si avrà eventualmente un tentativo di reato (in quanto tale punito meno severamente).
(Codice Penale articolo 494)

Avvocato Barbara Bruno
Ordine degli Avvocati di Milano
Studio Legale Avv. Barbara Bruno


COME SI FA

Scatta il reato quando l'autore si auto-attribuisce, illegittimamente, connotati che riguardano un’altra persona e che sono sufficienti ad individuarla specificamente (e in questo consiste appunto la sostituzione di persona). Oppure, quando quei connotati, quelle caratteristiche che ci si è attribuiti falsamente, hanno effetti giuridici verso la vittima del reato (il soggetto che viene cioè ingannato). Un soggetto che si dichiari falsamente figlio di una persona per avere dei vantaggi collegati a questo rapporto di parentela, o che si qualifichi “appartenente alle forze dell’ordine”, per avere delle utilità, dei privilegi, per sè o anche per altri, fa credere erroneamente a chi lo ascolta e deve avere a che fare con lui, che egli abbia davvero quelle qualità, quelle caratteristiche (personali o professionali). Ricorre la sostituzione di persona solo quando il comportamento non integri un altro reato contro la pubblica fede.


CHI

Se si è sottoposti ad indagine per il reato di sostituzione di persona, è necessario affidarsi ad un avvocato penalista. Il professionista valuterà infatti i contenuti della denuncia che ha dato il via alle indagini, i dati raccolti dalla pubblica accusa ed eventualmente svolgerà indagini difensive (farà sentire persone informate sui fatti che possano magari “ricostruire” in termini diversi l’accaduto; richiederà l’interrogatorio al Pubblico Ministero per chiarire la posizione del proprio assistito). Basta che anche un aspetto non risponda alla lettera della norma del codice penale o alla interpretazione data dalla Cassazione perchè il reato di sostituzione di persona cada.




FAQ

Lo scopo dell’autore del reato di sostituzione di persona deve essere un vantaggio economico?

Non necessariamente. Il profitto o l’utilità che l’autore del reato vuole ottenere possono essere anche di natura non patrimoniale.

Lo scopo dell’autore del reato di sostituzione di persona deve essere per forza raggiunto?

No. Il reato c’è nel momento in cui qualcun altro è tratto in errore sull’identità personale dell’autore. Lo scopo di arrecare a sé o ad altri un vantaggio o un danno ad un terzo riguarda l’elemento psicologico, cioè il dolo. La falsa attribuzione deve essere finalizzata al raggiungimento di un’utilità o di un danno altrui, ma non è indispensabile che l’utilità o il danno si concretizzino.

La sostituzione di persona si può commettere anche via internet?

Sì. E’ stato ritenuto reato il comportamento di un soggetto che al fine di procurarsi un vantaggio recando un danno ad un terzo, creava account di posta elettronica apparentemente intestati al terzo e successivamente, utilizzandoli, allacciava rapporti con utenti in rete a nome di costui, inducendo in errore sia il gestore del sito sia gli utenti, essendosi attribuito falsamente il nome del terzo.

Attribuirsi falsamente una professione, integra il reato di sostituzione di persona?

Sì. La professione va considerata qualità personale, a cui la legge attribuisce effetti giuridici, in quanto individua un soggetto nell’intera collettività. Devono ovviamente sussistere poi tutti gli elementi ulteriori del reato di sostituzione di persona.

Basta l’attribuzione falsa di una qualunque qualità ad integrare il reato di sostituzione di persona?

No. E’ necessario che la qualità che il soggetto si auto-attribuisce falsamente sia una a cui la legge ricollega effetti giuridici. Definirsi ad esempio proprietario di un terreno per ottenere il rilascio di un  certificato urbanistico integra il reato, perché alla qualifica di proprietario la legge ricollega  l’effetto giuridico di ottenere dalla pubblica amministrazione il certificato di destinazione urbanistica del terreno.

Chi è stato indotto in errore, deve sporgere querela?

Non necessariamente. Perché le indagini si avviino basta che la Magistratura abbia in qualunque modo notizia del fatto. Il reato è procedibile d’ufficio. E’ sufficiente quindi una semplice denuncia all’autorità giudiziaria.
vota  

DISCUSSIONI ARCHIVIATE

Carlo Fiorentino

28/09/2011 22:53:18

Desidererei sapere se il reato di sostituzione di persona se è perseguibile d'ufficio oppure è a querela di parte. Grazie.

AVV. BRUNO BARBARA

29/09/2011 10:52:09

Il reato di sostituzione di persona è' perseguibile d'ufficio. Basta quindi che l'autorità giudiziaria abbia conoscenza, in qualunque modo (e quindi non per forza a mezzo della querela) perchè avvii le opportune indagini ed accerti la sussistenza della fattispecie..

Simona Ruz

28/10/2011 23:17:17

Vorrei sapere se è possibile (e legale ovviamente) "chiudere" in via extra-giudiziale una denuncia di tale fattispecie. Mi spiego meglio: se le parti trovano un accordo su una "x" cifra come rimborso alla parte lesa per il danno causato, le autorità proseguono comunque nelle loro indagini fino al processo ? Grazie per l'attenzione.

AVV. BRUNO BARBARA

03/11/2011 16:41:18

Il reato è perseguibile d'ufficio. Quindi, se anche la parte lesa si dovesse ritenere soddisfatta di un qualunque risarcimento e non intendesse più insistere nell'ìiniziativa processuale, l'azione penale non si arresterebbe. Il processo verrebbe celebrato ugualmente.

anna

11/04/2012 12:29:36

Buongiorno vorrei sapere se una persona si spaccia per avvocato, è passibile di denuncia?

AVV. BRUNO BARBARA

11/04/2012 15:55:12

Sì, ma è necessario che abbia compiuto almeno una prestazione riservata al vero e proprio avvocato (professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione).

anna

11/04/2012 18:09:10

Grazie per la risposta.

Questa persona si presenta come avvocato nel mio caso avvocato autore di un contratto che avrei dovuto firmare, ma sul foglio non c'è nessun nominativo.
Posso segnalarlo eventualmente anche all'ordine?

paola

26/04/2012 14:02:25

Se una persona "inventa" una identità ed instaura una conversazione in chat con un'altra...e quest'ultima rivela delle cose personali (senza essere obbligata a dirle ma di sua spontanea volontà o tramite qualche domanda e mandando pure delle foto e senza conoscere l'altra persona)...può considerarsi reato e la persona può denunciare il fatto x sostituzione di persona? Grazie

Davide

08/05/2012 13:45:10

Vorrei sapere se è reato spacciarsi per medico, forse non solo tramite internet, per raccogliere fondi per una associazione pro bambini del Congo?
Sono certo che tale "personaggio" non è laureato, quindi, perchè inventarsi un titolo se non per motivi xxxxxx? Lascio a Voi la scelta del termine più adatto.
Se dovessi denunciarlo, potrei farlo anche in forma anonima,e, se no, sarei chiamato in causa, quindi dovrei essere assistito da mio legale?
Grazie.

armino

11/05/2012 18:37:05

Denuncia e querela
Salve a tutti, ho un problema da esporre alla Vostra attenzione.
1 mesetto fa circa, un utente con quale avevo interagito in un forum musicale, ha sporto denuncia e querela alla polizia postare per l'individuazione dell'autore, dopo che il sottoscritto ha creato un profilo Facebook col suo nome ed una sua foto appunto inserita come avatar nel forum di cui sopra.
Vi spiego un attimo meglio il tutto.

Qualche anno fa, mi sono iscritto ad un forum musicale e lì m'è capitato di avere screzi legati a differenti gusti. Sono stato bannato, mi sono reiscritto, sono volati reciprocamente insulti; non solo, qualche bontempone ha creato un profilo falso con avatar e nome simile al mio, sempre nel forum. Di conseguenza, ho fatto lo stesso.

Quest'anno, però, la diatriba s'è spostata su Facebook.
3 mesi fa circa, mi sono iscritto a Facebook, utilizzando lo stesso avatar e lo stesso nick che avevo usato nel forum musicale. Beh, per farla breve, pure lì m'è capitato di incrociare alcuni fans provenienti da quel forum, ed è ripartitolo lo scambio di insulti; non solo, sempre qualche bontempone, ha rifatto la stessa cosa, creando un profilo col nick simile al mio e con un avatar quasi identico. L'ho bloccato una volta, ne ha creato un ulteriore seguendo i miei messaggi in bacheca e scrivendo stupidaggini.
Per vendicarmi, ho fatto quindi lo stesso, cioè conscio che l'autore fosse appartenente a quel forum, ho creato anche io un falso profilo col nick ed avatar di un utente, in questo caso mettendo la sua foto presente nel forum ed il suo nome e cognome. Ho quindi scritto a suo nome un messaggio nella bacheca di quel cantante, e poi ho immediatamente cancellato messaggio e profilo.
Il problema è che costui ha deciso di ricorrere alla polizia postale sporgendo denuncia e querela, e facendo chiedere i dati del sottoscritto alla sede legale di Facebook.


Ora, come posso comportarmi?
Mi presento di sponte presso la polizia postale? Ovviamente, non ho insultato, denigrato o tratto vantaggio utilizzando per pochi minuti quel nome e quella foto. In quanto tempo sarò rintracciato dalla polizia postale? Dovrò presentarmi personalmente? Ci sarà un processo, un'azione giudiziaria?

Ditemi gentilmente.

Andrea

17/06/2012 13:22:56

Buongiorno,
un mese fa ho acquistato da un sito internet che credevo affidabile, una videocamera pagandola regolarmente con la mia carta di credito. Due giorni fa ricevo una telefonata da un signore il quale mi informa di essere stato chiamato da una signora perchè si trova l'addebito relativo al mio ordine sulla prorpria carta di credito corporate.
Quando poi questo signore si identifica come gestore di un sito internet diverso da dove ho fatto l'acquisto, riusciamo a capire entrambi l'inganno. Le spiego:
Il tizio presso il quale ho fatto l'ordine, ha regolarmente incassato i soldi relativi al mio pagamento ma la videocamera l'ha inviata comperandola su un secondo sito internet utilizando una carta di credito clonata o rubata e facendo recapitare la medesima al sottoscritto, ha anche creato una falsa mail a mio nome per dialogare con il nuovo sito dove ha fatto l'ordine a mio nome.
Io non mi sarei mai accorto di nulla, infatti ho ricevuto la videocamera ma non sapevo che a mandarmela era un sito diverso da dove ho fatto l'ordine.
Aggiungo che la vera fattura è stata inviata al mio falso indirizzo mail che gestiva questo furfante mentre a me questo gentiluomo ha mandato una fattura che ho verificato solo ora e risulta essere falsa.
Vorrei capire che tipo di reato ha violato questo signore? sicuramente sostituzione di persona per aver creato una falsa mail a mio nome e per aver fatto un'acquisto a mia insaputa utlizzando una carta falsa per far poi ricadere la colpa su di me.
Domani darò un esposto alla polizia postale. Che tipo di rischi corro adesso io? verrò chiamato in causa quando la polizia sequestrerà i dati della transazione falsa e risulterà fatta da me? io ho conservato tutte le mail con il sito presso il quale ho fatto l'acquisto e che mi ha truffato. Anche il gestore del secondo sito che mi ha inviato il bene ha compreso la mia onestà e credo lo riferirà ai carabinieri. Ho anche copia dell'estratto conto della mia carta di credito dal quale si evince che io l'ho regolarmente pagata....anche se non a chi me l'ha inviata, ma questo non è colpa mia...
Nel momento in cui faccio la denuncia se questo signore dovesse compiere altri atti a mio nome e a mia insaputa, ne dovrò rispondere o ne sarò esentato?
Grazie e cordiali saluti

monica

27/06/2012 00:39:16

Buongiorno,
è stato utilizzato il mio numero di telefonino per inviare sms offensivi ad una persona.
So che esistono siti internet che permettono di inviare sms con falsificazione del mittente e credo che la faccenda abbia a che fare con questi!
Come posso denunciare la cosa?
Grazie!

monia

26/07/2012 17:37:36

Buongiorno,
volevo farle due domande:
il reato 660 ed il reato 494 dopo quanti anni va in prescrizione e da quando viene calcolato dal giorno del reato?
Grazie, aspetto risposta possibilmente tramite email.
Grazie, monia

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e la Privacy
Voglio ricevere le newsletter di Professionisti.it
Voglio ricevere informazioni dai partner di Professionisti.it

REATI DI FALSO: VOCI CORRELATE

Fabbricazione e possesso di falsi documenti di identificazione

di del 23/05/2016

La fabbricazione e il possesso di falsi documenti di identificazione rientrano nel reato previsto da..

Commercio di prodotti con marchi falsi

di del 21/10/2015

Cos'è Il commercio di prodotti con marchi falsi è un reato previsto dall'articolo 474 del Codice Pe..

Falso in atto privato

di del 12/11/2015

Il falso in atto privato è un reato previsto dall'articolo 485 del Codice Penale che si configura ne..

Usurpazione di titolo

di del 18/01/2016

L'articolo 498 del Codice Penale stabilisce che commette il reato di usurpazione di titolo chi porta..

Falso in atto pubblico

di del 09/10/2015

Il falso in atto pubblico è il reato che viene commesso da chi attesta a un pubblico ufficiale fatti..