Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Resistenza a pubblico ufficiale

del 06/01/2016
CHE COS'È?

Resistenza a pubblico ufficiale: definizione

L'articolo 337 del Codice Penale specifica che commette il reato di resistenza a pubblico ufficiale la persona che si oppone a un pubblico ufficiale minacciandolo o usandogli violenza; il reato si configura anche nel caso in cui la vittima sia un incaricato di pubblico servizio in servizio o intenta a compiere un atto di ufficio o una persona che stia prestando assistenza a un pubblico ufficiale. La pena prevista è la reclusione, da un minimo di sei mesi a un massimo di cinque anni.


COME SI FA

La resistenza a pubblico ufficiale riguarda anche gli oggetti?

Secondo la Cassazione, no, come dimostrato dalla sentenza numero 6069 della VI sezione del 13 gennaio del 2015, relativa al caso di una persona che, per evitare di entrare in un'auto di servizio che avrebbe dovuto trasportarla in un commissariato di polizia, aveva puntato le mani e i piedi sull'auto stessa. In questa circostanza era stata riscontrata semplicemente una mancanza di collaborazione, che di per sé non era sufficiente a integrare il reato. Per la Cassazione, nello specifico, il reato di resistenza può essere integrato dalla violenza sugli oggetti, se questa ha lo scopo di evitare che il pubblico ufficiale compia un atto doveroso, ma è necessario, affinché ciò accada, che vi sia una aggressione volontaria dei beni che abbia l'effetto di condizionare direttamente l'azione degli agenti. In sostanza, la natura violenta dell'azione è da escludersi se non c'è una aggressione volontaria.


CHI
Un avvocato penalista.

FAQ

1. La minaccia e la violenza sono elementi indispensabili della resistenza a pubblico ufficiale?

Sì: la locuzione "violenza o minaccia" che viene usata nell'articolo del Codice Penale di riferimento rappresenta un elemento indispensabile della fattispecie, poiché è proprio attraverso la violenza o la minaccia che la volontà del soggetto pubblico viene coartata. Occorre distinguere, in ogni caso, la resistenza dalla violenza a pubblico ufficiale, normata dall'articolo precedente, il 336, che presuppone che la violenza o minaccia preceda il compimento dell'atto del pubblico ufficiale (mentre, nel caso della resistenza, l'evento è contemporaneo).

2. Gli atti di autolesionismo possono rientrare nella casistica della resistenza a pubblico ufficiale?

La sentenza numero 650 del 24 aprile del 2014 della sezione penale del Tribunale di Asti stabilisce di no: una condotta autolesionistica non va ritenuta violenta nei confronti del pubblico ufficiale, visto che è orientata verso la propria persona. La sentenza in questione riguarda il caso di un imputato che, mentre veniva tradotto presso il Cie di Torino, aveva tirato fuori una lametta dalla propria bocca e aveva cominciato a ferirsi sul braccio sinistro. Gli agenti erano subito intervenuti per evitare che tali gesti potessero degenerare e l'imputato era stato ammanettato, ma aveva opposto una resistenza vigorosa cercando di evitare la "morsa" degli agenti stessi. Per i giudici che si erano espressi, gesti di questo tipo possono coartare i pubblici ufficiali, e anzi non di rado vengono attuati proprio con questo scopo, ma ciò non basta perché si possa parlare di resistenza a pubblico ufficiale: affinché si rientri nella fattispecie, infatti, è necessario essere in presenza di una condotta violenta, a prescindere dallo scopo di chi la mette in atto. Va sottolineato, comunque, che la minaccia di togliersi la vita, nel momento in cui intralcia la pubblica funzione, può comunque presupporre la condotta di violenza o minaccia a pubblico ufficiale, come rilevato dalla sentenza 10878 del 2009 della VI sezione della Cassazione.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO LA PA: VOCI CORRELATE

Oltraggio a un magistrato

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 23/04/2012

L’oltraggio a un magistrato è un delitto di oltraggio, che punisce colui che “offende l'onore e il p..

Rifiuto di atti d'ufficio

di del 16/02/2016

Il reato di rifiuto di atti d'ufficio è previsto dal legislatore con l'articolo 328 del Codice Penal..

Concussione

di Avv. Barbara Bruno del 15/12/2011

La concussione è un reato. Lo commette il Pubblico Ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio ..

Abuso d'ufficio

di Avv. Antonio Lamarucciola del 15/12/2011

L’abuso d’ufficio, disciplinato dall’articolo 323 codice penale, si verifica quando un Pubblico Uffi..

Frode nelle pubbliche forniture

di del 16/09/2016

La frode nelle pubbliche forniture è un reato previsto dall'articolo 356 del Codice Penale, che stab..