Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Controversie internazionali: giurisdizione nazionale

del 18/08/2017
CHE COS'È?

Controversie internazionali giurisdizione nazionale: definizione

La giurisdizione nazionale rappresenta una delle questioni più significative nel contesto delle controversie internazionali: si tratta, in sostanza, di determinare qual è la legge che deve essere applicata. Gli operatori a livello internazionale hanno introdotto delle formule risolutive per il conflitto di giurisdizione, a livello contrattuale, in modo tale da sopperire all'assenza di un sistema giudiziario in linea con le caratteristiche e con le necessità del commercio internazionale. In quasi tutti i casi i contratti nella prassi internazionale sono adempiuti in modo spontaneo, così che non c'è bisogno di fare riferimento all'autorità giudiziaria; tuttavia non si può escludere l'eventualità di divergenze tra le parti nell'esecuzione del rapporto. 


COME SI FA

Come si riconosce una controversia internazionale?

Una controversia internazionale è un disaccordo su un punto di fatto o di diritto, un'opposizione di interessi, un contrasto di tesi giuridiche o una contraddizione. La stessa definizione di controversia internazionale non è una questione unicamente teorica, ma ha implicazioni pratiche molto significative, dal momento che l'esistenza della controversia costituisce il presupposto di applicazione di regole di diritto internazionale. Perché si possa parlare di una controversia internazionale, non basta un conflitto tra gli interessi di due parti, ma occorre che la pretesa di una parte sia in contrasto con l'altra.


CHI

I giudici internazionali.


FAQ

1. Come si prevengono e risolvono le controversie internazionali tenendo in considerazione la giurisdizione nazionale?

Occorre distinguere, a tal proposito, tra soluzione della controversia ed estinzione della stessa. La soluzione è un concetto giuridico e non un fatto storico, nel senso che rappresenta la valutazione efficace e vincolante riguardante la controversia; l'estinzione, invece, consiste nel venir meno del conflitto di interessi. 

2. Qual è il ruolo della giurisdizione nazionale nelle controversie internazionali?

La giurisdizione dell'autorità giudiziaria di ogni Stato non rientra in un sistema coordinato e uniforme a livello internazionale; invece, è vincolato alle decisioni compiute dai vari Paesi in maniera unilaterale. In sostanza, ogni Paese decide in modo indipendente quale estensione deve avere la competenza internazionale dei suoi giudici e quale importanza vuole attribuire alle attività giurisdizionali che avvengono al di fuori dei confini nazionali.

3. Che cosa può fare un'azienda italiana che vuole promuovere un giudizio?

Nella quasi totalità dei casi, le controversie internazionali che coinvolgono le imprese italiane sono disciplinate dalle Convenzioni bilaterali di Lugano e di Bruxelles. Vi sono, comunque, delle circostanze che sono disciplinate da convenzioni bilaterali connesse con il riconoscimento di sentenze e, infine, delle situazioni che rientrano nel regime generale determinato dalla legge 218 del 1995, con Paesi con i quali non è stata sottoscritta una convenzione bilaterale e che non riconoscono le Convenzioni bilaterali di Lugano e di Bruxelles. 

4. Cosa prevede la normativa europea?

La normativa europea definisce la giurisdizione in maniera indipendente e autonoma, così che si è realizzato un coordinamento tra le competenze dei giudici dei vari Stati. Il giudice competente, secondo la regola generale imposta dalla normativa continentale, è quello del Paese in cui il convenuto è domiciliato. Nel caso in cui una persona sia domiciliata in uno Stato contraente, quindi, deve convenire in giudizio presso l'autorità di quello stesso Stato. Sono previsti, ad ogni modo, dei fori facoltativi o alternativi: nel contesto commerciale, per esempio, il foro è definito nel luogo nel quale la prestazione caratteristica deve essere eseguita. Per materie specifiche, inoltre, ci sono dei fori esclusivi, inderogabili. Infine, le parti hanno la facoltà di decidere il foro di competenza. 
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

COMMERCIO INTERNAZIONALE: VOCI CORRELATE

Controversie internazionali: giudice competente

di del 17/02/2017

La scelta del giudice competente per le controversie internazionali in genere viene affidata a uno d..

Controversie internazionali: notifiche all'estero

di del 21/09/2016

In caso di controversie internazionali le notifiche all'estero rappresentano una fase fondamentale t..

Contratti internazionali: forza maggiore

di del 14/04/2016

La forza maggiore è un evento inevitabile e imprevedibile che impedisce che le obbligazioni derivant..

Contratti internazionali: clausole penali

di del 22/03/2016

Nei contratti internazionali le clausole penali sono pressoché indispensabili, perché è grazie ad es..

Commercio internazionale: Gentlemen's agreements

di Avv. Paolo Fortina del 15/12/2011

Gentlemen's agreements, ovvero patto fra gentiluomini. La società nel suo insieme non conosce solame..