Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Contratti internazionali: distribuzione

del 24/12/2015
CHE COS'È?

Contratti internazionali distribuzione: definizione

Nell'ambito dei contratti internazionali, quello di distribuzione rappresenta una fattispecie atipica, nel senso che non dispone di una disciplina legislativa specifica. Ne consegue una difficoltà interpretativa evidente, accentuata dal fatto che spesso questi contratti sono caratterizzati da strutture complesse, che la giurisprudenza è chiamata a risolvere attraverso una scomposizione dell'accordo: in sostanza, le singole obbligazioni vengono ricondotte alle categorie tipiche dei contratti di somministrazione. Proprio per questo motivo, è improprio fare riferimenti generici ai contratti di distribuzione, mentre è più corretto pensare all'applicazione concreta a cui i singoli contratti sono destinati. Occorre, in sintesi, concentrarsi sul grado di integrazione del distributore nel contesto del sistema che il fornitore predispone.


COME SI FA

Quali sono le clausole più comuni nei contratti internazionali di distribuzione?

Una delle clausole d'uso più diffuse è la clausola di esclusiva, attraverso la quale l'indipendenza economica delle parti viene ridotta. In alcuni casi è bilaterale, ma molto più frequentemente è a favore del fornitore, e quindi unilaterale: al distributore viene imposto di non vendere prodotti concorrenti nella zona. Inoltre, l'esclusiva impedisce al distributore di produrre per la vendita in proprio. Il fornitore, dal canto suo, si obbliga a non concedere la rivendita di prodotti concorrenziali per la stessa zona a terzi. Inoltre, si ricorre spesso al patto di non concorrenza, che regola l'attività del distributore dopo la conclusione del rapporto. Per quel che riguarda la durata e la cessazione dei contratti, in quelli a tempo determinato le parti non possono recedere fino al momento in cui non sopraggiunge il termine: nell'ambito dell'accordo, infatti, la durata costituisce uno dei più importanti elementi negoziali. 


CHI

Un avvocato esperto nella redazione e nella negoziazione di contratti internazionali.


FAQ

1. Quali sono le facoltà di cui le parti possono usufruire nei contratti internazionali di distribuzione?

Le parti possono negoziare quelle che vengono definite way-out: si tratta delle possibilità di arrivare a una risoluzione del contratto nelle circostanze in cui si verifica un inadempimento che è in grado di compromettere la fiducia rispetto alla correttezza degli adempimenti successivi. Al di là delle way-out, comunque, i contratti esauriscono i propri effetti quando scadono, a meno che non vengano rinnovati. 

2. Si può recedere dai contratti a tempo indeterminato?

Sì, i contratti a tempo indeterminato danno alle parti la possibilità di recedere, a patto che venga dato un adeguato preavviso, tale da non arrecare danni. Quando non previsto espressamente, tale termine viene valutato facendo riferimento alle consuetudini e agli usi commerciali. Va precisato che il preavviso non è obbligatorio nel caso in cui il recesso si basi su giusta causa (come, per esempio, il venir meno agli adempimenti previsti dalla clausola di esclusiva), e che il recesso è efficace anche quando il preavviso non viene fornito (ma ovviamente in questo caso la parte che recede è tenuta a risarcire il danno provocato all'altra parte).

3. Quali sono gli obblighi del fornitore?

Nei contratti che riguardano distribuzioni non sistematiche, è possibile che non sia previsto l'obbligo di rifornire il distributore: in questo caso il fornitore può non evadere alcune richieste. Attenzione, però, perché un rifiuto non motivato o comunque privo di giustificazioni potrebbe risultare in contrasto con l'obbligo di rispettare il contratto secondo buona fede. Se il fornitore non mette a disposizione i prodotti che sono stati ordinati in maniera tempestiva, deve essere esclusa qualunque responsabilità da parte del distributore per una mancata promozione delle vendite. Il fornitore ha il diritto di interrompere le forniture, concedendo un preavviso adeguato, nell'eventualità in cui il distributore si renda protagonista di un inadempimento di lieve entità.
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

COMMERCIO INTERNAZIONALE: VOCI CORRELATE

Controversie internazionali: giurisdizione nazionale

di del 18/08/2017

La giurisdizione nazionale rappresenta una delle questioni più significative nel contesto delle cont..

Controversie internazionali: conciliazione e arbitrato

di del 14/11/2016

La conciliazione e l’arbitrato rappresentano due vie alternative per la risoluzione delle controvers..

Controversie internazionali: giudice competente

di del 17/02/2017

La scelta del giudice competente per le controversie internazionali in genere viene affidata a uno d..

Contratti internazionali: licensing

di Avv. Paolo Fortina del 15/11/2011

Il licensing o contratto di licenza ha per oggetto il marchio, il suo uso e il suo trasferimento.Sch..

Controversie internazionali: riconoscimento sentenze

di del 28/08/2017

Il riconoscimento delle sentenze nelle controversie internazionali fa parte di un circolo che coinvo..