Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Testamento: nullità

del 01/12/2016
CHE COS'È?

Testamento nullità: definizione

Un testamento può essere nullo per una vasta gamma di cause: per esempio, perché le disposizioni che sono state fornite sono illecite, o perché sono a favore di soggetti che sono stati indicati in maniera generica e, quindi, non possono essere identificati come necessario. Un altro motivo di nullità del testamento è rappresentato dai vizi di forma essenziali, come l'assenza della firma o dell'autografia, il che vuol dire che il testamento non è stato scritto interamente di pugno dal testatore. Ancora, devono essere considerati nulli i testamenti con cui l'indicazione dell'erede viene rimessa all'arbitrio di un terzo, i testamenti congiunti con i quali due persone dispongono tramite un solo atto in favore di un terzo e i testamenti reciproci con i quali due persone dispongono tramite un solo atto l'uno in favore dell'altro. Non è detto che la presenza di una disposizione nulla annulli tutto il testamento: esso, infatti, può essere valido pur contenendo delle disposizioni non valide. In tale circostanza, il resto del testamento conserva la propria efficacia, mentre le disposizioni nulle vengono considerate come non apposte. Chiunque abbia interesse a impugnare un testamento per nullità può farlo, non dovendo rispettare alcun limite temporale in proposito.


COME SI FA

Che cosa si intende con nullità sostanziali?

Le nullità sostanziali rappresentano le ipotesi in cui vi siano disposizioni testamentarie il cui contenuto sia contrario alla legge. Un esempio è quello dei patti successori, ma si possono menzionare anche le sostituzioni fedecommissarie che avvengono in circostanze non ammesse dal legislatore. Il testamento può essere annullato anche se il testatore non è in grado di disporre per testamento: sono ritenuti incapaci di testare, secondo l'articolo 591 del Codice Civile, gli interdetti, i minorenni e coloro che al momento del testamento sono ritenuti incapaci di intendere e di volere.


CHI

Un notaio o un esecutore testamentario.


FAQ

1. Quando un testamento è da considerarsi invalido?

Si parla di invalidità della scheda testamentaria nel momento in cui si ha a che fare con un vizio che fa sì che il testamento diventi annullabile o nullo. Il testamento olografo è annullabile se manca il requisito della data, mentre è nullo se mancano la sottoscrizione e l'autografia, che sono i requisiti di questa tipologia di testamento come specificati dal Codice Civile all'articolo 606. Il testamento pubblico è nullo nel caso in cui sia assente la redazione per iscritto delle dichiarazioni del testatore da parte del notaio o nel caso in cui sia assente la sottoscrizione del notaio o del testatore; inoltre, può essere annullato per altri problemi formali in seguito alla presentazione di un'istanza da parte di un soggetto interessato. Il testamento segreto, infine, può essere convertito in testamento olografo in mancanza di particolari elementi, sempre a patto che rispetti i requisiti tipici del testamento olografo.

2. Come si svolge l'azione di accertamento dell'annullabilità?

La nullità delle disposizioni testamentarie non è ammessa per chi abbia confermato la disposizione anche conoscendo il motivo della nullità o comunque l'abbia eseguita volontariamente. Possono essere confermate le disposizioni nulle, ma non possono essere sanate e ritenute valide le disposizioni che sono contrarie all'ordine pubblico. L'azione finalizzata all'accertamento dell'annullabilità si prescrive dopo cinque anni a partire dalla data dell'esecuzione delle disposizioni testamentarie per l'annullabilità che consegue all'incapacità di testare e a partire dalla data in cui si è avuta consapevolezza dell'evento che ha determinato un vizio per i vizi della volontà.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

SUCCESSIONI: VOCI CORRELATE

Eredità: diritti dei figli naturali

di Dott.ssa Marta Anna Belgiovine del 08/03/2012

La successione dei figli naturali ha, quale presupposto, lo status di figlio nato fuori dal matrimon..

Eredità: quote spettanti agli eredi legittimi

di del 22/12/2015

Quando si è in presenza di successioni ereditarie, il patrimonio della persona defunta viene trasfer..

Eredità: quota di legittima

di del 18/04/2017

Il testatore può disporre del proprio patrimonio nel testamento solo limitatamente a una quota dispo..

Eredità: rinuncia

di Avv. Massimiliano Bonvicini del 14/07/2016

La morte di una persona determina la chiamata dei suoi successori all’eredità. L'eredità non si acqu..

Testamento

di Avv. Luca Amati del 18/11/2011

Il testamento è un atto con il quale taluno dispone, per il tempo in cui avrà cessato di vivere, di ..