Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Successione del coniuge separato

del 13/03/2012
CHE COS'È?

Successione del coniuge separato: definizione

In caso di separazione tra i coniugi sia consensuale che giudiziale le parti conservano i diritti successori spettanti ai coniugi.
Si precisa che in caso di separazione giudiziale i diritti successori vengono riservati solo al coniuge al quale non viene addebitata la separazione.
Il coniuge al quale è addebitata la responsabilità della separazione ha diritto a un assegno vitalizio solo se al momento dell'apertura della successione (cioè al momento del decesso) beneficiava dell'assegno di mantenimento.
É importante verificare che al momento dell'apertura della successione la sentenza con la quale viene addebitata la responsabilità della separazione sia passata in giudicato per aver la perdita dei diritti successori.
Le norme di riferimento sono gli articoli 548 e 585 codice civile.

COME SI FA
La successione del coniuge separato è equiparata a quella del coniuge non separato a condizione che non sia addebitata la responsabilità della separazione con sentenza passata in giudicato al momento dell'apertura della successione.
Al coniuge separato con addebito di responsabilità è riservato un assegno vitalizio se già ne beneficiava al momento dell'apertura della successione.
Per procedere alla successione il coniuge separato dovrà partecipare all'apertura della successione con gli altri eredi se vi sono.

CHI
Il coniuge separato al quale non è stata addebitata la responsabilità della separazione con sentenza passata in giudicato (deve avvenire prima dell'apertura della successione) ha gli stessi diritti successori del coniuge separato. Mentre il coniuge al quale è addebitata la separazione mantiene il diritto alimentare se già riconosciuto da sentenza passata in giudicato al momento dell'apertura della successione.
Si evidenzia che la separazione con addebito non rappresenta una situazione di indegnità in quanto il coniuge responsabile potrà succedere ad altro titolo cioè per disposizione testamentaria.
In caso di controversia sarà necessario richiedere un parere al proprio legale di fiducia che dovrà esaminare la sentenza di separazione.

FAQ

Dopo la separazione consensuale ho iniziato una convivenza con altra persona ed intendiamo acquistare una casa, il mio ex coniuge potrebbe vantare un diritto in caso di mio decesso?

Sì, il coniuge separato senza addebito di responsabilità conserva gli stessi diritti del coniuge sino al divorzio.

In caso di decesso durante il giudizio di separazione gli eredi possono proseguire il giudizio per dimostrare la responsabilità della separazione?

No, è inammissibile che gli eredi proseguono il giudizio perché il passaggio in giudicato della sentenza deve intervenire prima dell'apertura della successione.

Il coniuge divorziato ha diritti successori in caso di assenza di altri eredi?

No, il coniuge divorziato non ha nessun diritto in caso di successione ereditaria ex lege anche in assenza di altri eredi (Cass. Civ. Sez. I del 25.02.2004 n. 3747).
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

SUCCESSIONI: VOCI CORRELATE

Testamento pubblico

di Avv. Camilla Zamparini del 29/06/2016

Parlando di testamento pubblico, in via generale e iniziale diremo come ex articolo 587 codice civil..

Eredi necessari o legittimari

di Avv. Giuseppe Pellegrino del 08/03/2012

Nell’ambito della disciplina della successione per causa di morte, vengono definiti eredi necessari ..

Collazione ereditaria

di Avv. Simone Scelsa del 11/07/2016

La collazione è l’atto col quale taluni soggetti che abbiano accettato l’eredità conferiscono nell’a..

Eredità: legato in sostituzione di legittima

di Redazione Professionisti del 29/09/2015

Quando si inizia a parlare di legato in sostituzione di legittima bisogna prima fare una premessa. I..

Eredità: capacità di succedere

di Avv. Raffaello Boni del 10/02/2012

La capacità di succedere è l’attitudine a subentrare nella titolarità dei rapporti giuridici di cui ..