Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Tirocinio formativo o stage

del 15/09/2015
CHE COS'È?

Tirocinio formativo o stage: definizione

Iniziamo questo articolo mettendo in evidenza le caratteristiche del tirocinio formativo o stage. Per tirocinio formativo si intende un intervallo di tempo durante il quale un soggetto viene formato, quindi acquisisce competenze che gli permetteranno di inserirsi o tornare nel mercato del lavoro. Dobbiamo sottolineare che il tirocinio formativo non si può assolutamente equiparare a un rapporto di lavoro subordinato. Solo le Regioni a disciplinare i tirocini, che si differenziano a seconda dei soggetti che vengono formati. Esistono tirocini curriculari (organizzati da scuole, università o istituti) e tirocini extracurriculari.

La legge, ferma restando la possibilità per le Regioni e le Province autonome di adottare norme che migliorano la posizione dei tirocinanti, prevede un'indennità risarcitoria minima a favore dei tirocinanti. In assenza della suddetta indennità verrà comminata un'ammenda che va dai 1.000 ai 6.000 euro; quindi alle Regioni conviene decisamente corrispondere l'indennità risarcitoria minima ai tirocinanti. Fondamentale nella regolamentazione dello stage in Italia è il D.M. n. 142 del 1998, che fa chiarezza sull'applicazione dell'art. 18 della legge n. 196 del 1997. 


COME SI FA

C'è tirocinio formativo o stage quando ci sono tre soggetti: ente promotore, azienda e tirocinante. L'ente promotore provvede a stipulare con l'azienda una convenzione in cui vengono definite le modalità di espletamento dello stage. L'azienda ha l'onere di allegare alla convenzione un documento in cui sono menzionati dati importanti relativi al tirocinio formativo, come orario di lavoro, impegni, obblighi e posizione assicurativa.

I tirocini curriculari si svolgono solitamente nell'ambito di un iter formale di formazione o istruzione; per quelli extracurricolari, invece, bisogna fare alcune distinzioni. I tirocini formativi e di orientamento, ad esempio, mirano a consentire un più facile accesso nel mondo del lavoro di chi ha conseguito un titolo di studio (diploma o laurea) entro e non oltre i 12 mesi.  I tirocini di inserimento/reinserimento, invece, hanno l'obiettivo di fare entrare o rientrare subito nel mondo del lavoro disoccupati e inoccupati. E' possibile che vengano organizzati anche tirocini formativi per extracomunitari. Per tutto il periodo del tirocinio formativo, lo stagista viene assistito da un tutor aziendale e da un tutor dell'ente che ha promosso lo stage. Entrambi verificheranno il percorso dello stagista e le competenze acquisite. 


CHI

Sono differenti le categorie di soggetti a cui si rivolge il tirocinio formativo. Vero è che la maggioranza degli stage vengono promossi a favore di studenti universitari, di studenti di scuole secondarie, di coloro che frequentano corsi di qualifica o specializzazione, di neolaureati o neodiplomati. Come detto in precedenza, però, possono essere promossi stage anche a favore di persone che hanno perso il lavoro, di chi ancora non è mai entrato nel mondo del lavoro, di disabili ed extracomunitari

Sono numerosi gli enti che possono promuovere uno stage, come strutture di collocamento individuate dalle Regioni, Università e istituti d'istruzione universitaria, scuole statali e non statali autorizzate a rilasciate titoli aventi valore legale, comunità terapeutiche e cooperative sociali, oppure agenzie regionali per l'impiego. Tutti questi enti, al termine dell'esperienza formativa, possono rilasciare allo stagista un documento che attesta le competenze maturate


FAQ

1. Lo stagista viene retribuito?

No, riceve solamente un'indennità.

2. Quanto dura il tirocinio formativo?

La durata è variabile e va dai 4 mesi (quando i tirocinanti sono studenti che frequentano la scuola secondaria) ai 24 mesi (quando gli stagisti sono persone diversamente abili).

3. I minorenni sono ammessi al tirocinio formativo?

Sì, ma devono avere assolto l'obbligo di istruzione.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONTRATTI FLESSIBILI DI LAVORO: VOCI CORRELATE

Lavoro a progetto

di del 19/06/2017

La sigla co.co.pro. sta per contratto di collaborazione per programma anche detto contratto di lavor..

Lavoro domestico

di Avv. Giulio Bonanomi del 17/01/2012

Il lavoro domestico è l'attività lavorativa che ha per oggetto la prestazione, con carattere di cont..

Associazione in partecipazione

di Dott. Rag. Claudio Mazzei del 19/01/2012

Il contratto di associazione in partecipazione è regolamentato dagli articoli 2549 e seguenti del co..

Contratto di inserimento o reinserimento

di Avv. Andrea Tiso del 17/01/2012

Il contratto di inserimento, introdotto con il decreto legislativo n. 276/2003, è un contratto che s..

Lavoro accessorio

di del 19/01/2012

Per lavoro accessorio (istituito dal decreto legislativo 276 del 2003 e modificato dalla legge 133 d..