Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Fattura elettronica

del 08/09/2015
CHE COS'È?

Fattura elettronica: definizione

Prima di iniziare un discorso sulla fattura elettronica, bisogna premettere che l'anno scorso è diventata obbligatoria la fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione. Per fattura elettronica intendiamo un documento elettronico riportante tutti i dati presenti in una classica fattura cartacea. E' importante sapere bene cos'è e come funziona il sistema che ruota attorno alla fattura elettronica, visto che dallo scorso 31 marzo 2015 tutte le Pubbliche Amministrazioni hanno il dovere di emettere, inviare, conservare e gestire solo fatture elettroniche

La fattura elettronica, in sostanza, è un documento in formato digitale autentico e perfetto. Ogni fattura elettronica è corredata dalla firma elettronica di chi la emette. Il documento in formato digitale viene poi inviato a un particolare Sistema di Interscambio che svolge diverse funzioni, come quella di permettere al Ministero dell'Economia di controllare costantemente la Finanza pubblica.  Il formato con cui la fattura elettronica dovrà essere emessa, inviata, conservata ed archiviata è il cosiddetto XML (eXtensible Markup Language), ovvero un linguaggio informatico che permette in poco tempo di decifrare e comprendere il significato tutto quello che è presente nel documento. Ovviamente, nella fattura elettronica devono essere presenti tutti i dati rilevanti ai fini fiscali, come la partita Iva, la data del documento e l'indirizzo.


COME SI FA

L'obbligatorietà dell'emissione della fattura elettronica per la Pubblica Amministrazione e per i fornitori della PA ha generato un certo allarme. Il timore di sbagliare è forte. In verità, la difficoltà non sta tanto nella produzione del file XML ma negli adempimenti stabiliti dalla legge, non presenti in caso di fattura cartacea. Per produrre una fattura elettronica bisogna acquistare innanzitutto un apparecchio per mettere la firma elettronica, come un lettore smart card, quindi bisogna sborsare denaro e seguire un lungo iter burocratico. La fattura elettronica, inoltre, deve essere archiviata digitalmente entro 15 giorni dall'emissione sia dal ricevente che da chi l'ha emessa: la legge richiede che sia nominato un Responsabile della conservazione sostitutiva.

Una volta che la fattura elettronica è stata preparata, quindi firmata e corredata di tutti gli elementi contemplati dalla legge, può essere inviata al Sistema di Interscambio mediante 5 diverse modalità: 

1. Web

2. PEC (Posta Elettronica Certificata)

3. Servizio SDIFTP

4. Servizio FDICoop - Trasmissione

5. Servizio SPCoop - Trasmissione

Una volta pervenuta al Sistema di Interscambio, la fattura elettronica verrà monitorata e trasmessa al destinatario indicato sul documento. Fornitori e Pubblica Amministrazione hanno l'obbligo di conservare la fattura elettronica in modalità digitale. Uno degli errori più comuni, che però va evitato assolutamente, è quello di inviare una seconda, od anche una terza volta la stessa fattura elettronica al Sistema di Interscambio. 


CHI

Hanno l'obbligo di emettere la fattura elettronica tutte le imprese e liberi professionisti che hanno fornito beni o prestazioni alla Pubblica Amministrazione. Chiaramente, come più volte sottolineato, tutte le Pubbliche Amministrazioni centrali e locali sono assoggettate alla fatturazione elettronica.


FAQ

1. I possessori di P. IVA estera devono emettere fattura elettronica nei rapporti con la PA?

No. L'art. 6, coma 4 del DM 3 aprile 2013, n. 55 prevede che i soggetti non residenti in Italia non siano assoggettati all'obbligo di emettere fattura elettronica nei confronti della PA.

2. Le imprese assicurative devono emettere fattura elettronica verso le scuole?

A meno che non ne faccia richiesta il cliente, le operazioni di assicurazione, riassicurazione e vitalizio non sono assoggettate all'obbligo di fatturazione elettronica.

3. La numerazione delle fatture elettroniche riparte sempre da 1?

Sì, anche per le fatture elettroniche vale la numerazione progressiva; dunque all'inizio di ogni anno si può ripartire da 1.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

FISCO: VOCI CORRELATE

Dichiarazione di intento

di Dott.ssa Patrizia Martino del 01/07/2016

La dichiarazione d’intento, detta anche lettera di intenti, è la manifestazione espressa da parte di..

Condono fiscale

di Redazione Professionisti del 07/09/2015

Il condono fiscale è uno strumento di sanatoria contemplato dall'ordinamento italiano che permette a..

Bonus mobili e ristrutturazioni

di Redazione Professionisti del 04/09/2015

L'impatto positivo che ha avuto il bonus mobili e ristrutturazioni sull'economia sta spingendo il Go..

Compensazione somme iscritte a ruolo

di Avv. Gabriella Antonaci del 19/05/2011

La compensazione rappresenta una forma sia di pagamento che di rimborso, in quanto consente al contr..

Esenzione fiscale del plusvalore

di del 06/06/2011

Il cosiddetto regime della participation exemption (PEX) o esenzione fiscale del plusvalore, previst..