Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Condono fiscale

del 07/09/2015
CHE COS'È?

Condono fiscale: definizione

Il condono fiscale è uno strumento di sanatoria contemplato dall'ordinamento italiano che permette ad ogni cittadino di normalizzare la propria posizione con il Fisco. Il condono fiscale, denominato anche condono tributario, è dunque correlato alle tasse e viene adottato dal Governo con decreto legge. Mediante tale strumento vengono annullate totalmente o parzialmente sanzioni o pene dei cittadini. In genere il condono fiscale sana irregolarità relative alla dichiarazione dei redditi. L'intervento sul reato fiscale è parziale: se invece vengono sanate tutte le irregolarità fiscali del contribuente si parla di condono tombale. Col condono fiscale, perciò, si sanano solo alcune pendenze, non tutte. La maggior parte dei tributi non pagati o dichiarati disordinatamente, dunque vanno versati. E' il decreto legge del Governo a stabilire per quali tasse può essere chiesto il condono fiscale ed il termine ultimo per il versamento. E' opportuno sottolineare che ognuno è libero se aderire o meno al condono fiscale, e quindi se pagare o no le cartelle.


COME SI FA

Come giovarsi del condono fiscale

Nella maggior parte dei casi, le somme da versare per mettersi in regola con il Fisco vanno versate in un'unica soluzione ed entro un determinato termine fissato dal decreto legge del Governo. Chi non è molto competente in materia può farsi assistere da un commercialista o recarsi in un Caf. Generalmente, la somma da pagare è differente a seconda della tipologia di tassa da sanare. Molti osannano il condono fiscale, altri lo demonizzano in quanto lo ritengono uno strumento con cui lo Stato si assicura l'afflusso di molto denaro nelle sue casse, garantendo l'impunità ai cattivi contribuenti. C'è chi ritiene che il condono fiscale incentivi i cittadini a non pagare le tasse. 


CHI

Una volta che è stato emesso il condono fiscale dal Governo, possono beneficiarne tutti coloro che hanno pendenze fiscali, tra cui le multe, seguendo le raccomandazioni di Equitalia. In particolare, i contribuenti dovranno accertarsi, di volta in volta. quali tributi rientrano tra quelli condonabili. Il cittadino può regolarizzare la sua situazione col Fisco italiano recandosi presso gli sportelli Equitalia o degli uffici postali. Si paga il bollettino F35 entro il termine stabilito dal decreto legge ed il gioco è fatto. Il contribuente riceverà, con posta ordinaria, una comunicazione da Equitalia con cui viene avvisato dell'estinzione del debito. Prima di effettuare il pagamento, comunque, i cittadini possono chiedere consigli agli impiegati di Equitalia. 


FAQ

1. Qual è l'aliquota del condono fiscale?

Il contribuente che cerca di sanare la sua posizione fiscale è solitamente assoggettato a un'aliquota favorevole, pari solitamente al 5/10%. E' decisamente conveniente, dunque, il condono fiscale per i cattivi pagatori: la situazione col Fisco viene normalizzata pagando una somma, in fin dei conti, esigua. 

2. Il condono edilizio è diverso dal condono fiscale?

Il condono edilizio diverge dal condono fiscale perché mira a sanare abusi edilizi. Insomma, col condono edilizio vengono abbonate violazioni in ambito edilizio dietro pagamento di somme di denaro variabili. Anche in questo caso, il condono serve ad incentivare i contribuenti ad assumere comportamenti non corretti.

3. Condono fiscale tombale: quali effetti?

Molti hanno iniziato a parlare di condono fiscale tombale dopo che, qualche anno fa, lo ha tirato in ballo l'ex premier Berlusconi. Gli effetti del condono fiscale tombale sono alquanto diversi dal classico condono fiscale. In sostanza, diversamente da quest'ultimo, il condono fiscale tombale estingue ogni pendenza del contribuente nei confronti del Fisco, non solamente alcune. C'è una sorta di 'ripulimento fiscale' del cittadino.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

FISCO: VOCI CORRELATE

Spending review

di Dott.ssa Antonella Simone del 07/05/2012

La spending review è un termine che sta ad indicare l’attività di revisione della spesa pubblica al ..

Esenzione fiscale del plusvalore

di del 06/06/2011

Il cosiddetto regime della participation exemption (PEX) o esenzione fiscale del plusvalore, previst..

Fisco telematico

di del 23/01/2017

Il fisco telematico consente, attraverso il sito dell'Agenzia delle Entrate, di adempiere a numerosi..

Bonus mobili e ristrutturazioni

di Redazione Professionisti del 04/09/2015

L'impatto positivo che ha avuto il bonus mobili e ristrutturazioni sull'economia sta spingendo il Go..

Dichiarazione di intento

di Dott.ssa Patrizia Martino del 01/07/2016

La dichiarazione d’intento, detta anche lettera di intenti, è la manifestazione espressa da parte di..