Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Inquadramento previdenziale delle Aziende

del 04/10/2017
CHE COS'È?

Inquadramento previdenziale delle Aziende: definizione

L'inquadramento previdenziale delle aziende nei vari settori di attività è eseguito dall'Inps, che - a prescindere dal contratto collettivo che le aziende applicano - tiene conto unicamente dell'attività che viene esercitata effettivamente. Il principale riferimento normativo in materia è rappresentato dalla legge n. 88 del 9 marzo del 1989, la quale prevede - all'articolo 49 - che la classificazione dei datori di lavoro che viene decisa dall'Inps abbia effetti concreti sia dal punto di vista assistenziale che dal punto di vista previdenziale. L'inquadramento che viene stabilito dall'Inps è più importante delle decisioni di qualsiasi altro ente: è questo il motivo per il quale è in vigore il cosiddetto principio dell'inquadramento unico, in funzione del quale la concessione di specifiche agevolazioni - come per esempio fiscalizzazioni e sgravi - ai datori di lavoro non può essere scissa dall'inquadramento previdenziale. E lo stesso dicasi per l'applicazione di particolari regimi contributivi per i dipendenti, come l'iscrizione dei dirigenti di aziende del commercio all'Inpdai.


COME SI FA

Su quali fattori si basa l'inquadramento previdenziale delle aziende?

L'inquadramento previdenziale delle aziende si basa su vari settori: il settore industria, il settore artigianato, il settore terziario, il settore agricoltura, il settore credito e il settore attività varie. Dopo che è stata presentata la domanda di iscrizione alla sede di competenza, viene assegnata dall'Inps una posizione contributiva, che include un codice statistico contributivo e un numero di matricola, formato da dieci cifre, di cui le prime due servono a identificare la provincia a cui si appartiene.


CHI

L'Inps.


FAQ

1. Quali sono le attività comprese nel settore industria?

Del settore industria fanno parte le attività dell'edilizia, le attività manifatturiere, le attività della pesca, le attività impiantistiche, le attività estrattive, le attività di produzione e di distribuzione dell'energia, dell'acqua e del gas, le attività delle comunicazioni e dei trasporti, le attività dello spettacolo e le attività ausiliarie.

2. Quali sono le attività comprese nel settore artigianato?

Come indicato dalla legge n. 443 dell'8 agosto del 1985, del settore artigianato fanno parte le attività il cui scopo principale consiste nella prestazione di servizi o nella produzione di beni; sono escluse le attività di prestazione di servizi commerciali, le attività agricole, le attività di somministrazione al pubblico di bevande e alimenti e le attività di intermediazione nella circolazione dei beni.

3. Quali sono le attività comprese nel settore agricoltura?

Del settore agricoltura fanno parte le attività che sono dirette all'allevamento degli animali, alla silvicoltura e alla coltivazione dei fondi. Sono attività agricole anche quelle attinenti alla bachicoltura e all'apicoltura, le attività di allevamento dei selvatici a scopo alimentare e quelle di allevamento delle specie itticole, cunicole avicole e suinicole.

4. Quali sono le attività comprese nel settore terziario?

Del settore terziario fanno parte le attività commerciali, tra le quali rientrano anche le attività turistiche, oltre alle attività artistiche, alle attività professionali e alle attività di prestazione e di intermediazione di servizi finanziari. 

5. Quali sono le attività comprese nel settore credito?

Del settore credito fanno parte le attività bancarie, le attività esattoriali, le attività assicurative e le attività di credito.

6. Che cosa succede nel caso di datori di lavoro le cui attività rientrino in settori differenti?

Per i datori di lavoro impegnati in attività plurime, ognuna delle quali priva di autonomia gestionale e organizzativa, è necessario richiedere un decreto di aggregazione a un settore; la richiesta deve essere inoltrata al ministero del Lavoro.
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

CONTRIBUTI E PREVIDENZA: VOCI CORRELATE

Contribuzione volontaria

di Dott. Matteo Burioni del 14/10/2011

Il compito di versare i contributi spetta al datore di lavoro; quando invece il versamento avviene v..

Fondi di previdenza complementare

di del 04/08/2011

I Fondi di Previdenza Complementare sono forme di previdenza finalizzate a erogare una pensione aggi..

Inquadramento previdenziale

di Dott.ssa GIORGIA SIGNAROLDI del 04/08/2011

L’inquadramento previdenziale è il settore economico e merceologico a cui viene assegnata l’azienda ..

Autoliquidazione del premio Inail

di del 03/12/2015

L'autoliquidazione del premio Inail è un obbligo che deve essere rispettato dai datori di lavoro sog..

Contenzioso e ricorsi INPS e INAIL

di del 22/04/2016

I ricorsi INPS e INAIL possono essere presentati nei confronti dei giudizi sanitari forniti dalla co..