Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Pianificazione previdenziale e pensionistica

del 14/09/2015
CHE COS'È?

Pianificazione previdenziale e pensionistica: definizione

Oggi poche persone hanno un posto di lavoro, e quelle impiegate sono seriamente preoccupate, visto che non sanno se, quando andranno in pensione, manterranno lo stesso tenore di vita. Ecco perché molti lavoratori ricorrono ad esperti per una pianificazione previdenziale e pensionistica. Certo, il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo, in ambito previdenziale, non ha agevolato le cose. La pianificazione previdenziale e pensionistica, in sostanza, permette di evitare brutte sorprese quando si andrà in pensione garantendo al lavoratore di individuare le risorse necessarie e gli strumenti ottimali per godersi una vecchiaia decente. Quando si parla di pianificazione previdenziale non si può non accennare alla figura del consulente indipendente, ovvero colui che inquadra i prodotti finanziari migliori per il lavoratore in totale autonomia, visto che opera al di fuori di qualsiasi conflittualità. 


COME SI FA

Non è certamente semplice effettuare una pianificazione previdenziale e pensionistica, anche perché si tratta di un'operazione diversa per ogni lavoratore, che tra l'altro va 'ritoccata' col passar del tempo, ovvero al mutare di determinati fattori (inflazione, normativa, etc.). Il consulente dovrà indicare al lavoratore, in sede di pianificazione previdenziale e pensionistica, tutti gli strumenti migliori (polizza vita, fondi pensioni aperti o chiusi etc.) per evitare una vecchiaia misera. Visto che la pianificazione previdenziale e pensionistica è un'attività che avrà effetti più in là nel tempo, il consulente, periodicamente, dovrà revisionare i conteggi effettuati in passato in virtù di eventuali cambiamenti intervenuti, ad esempio, nella situazione reddituale del lavoratore o nel tessuto sociale (ad es. variazione della normativa). Ci sono dunque diverse variabili che impongono la revisione (solitamente annuale) della pianificazione previdenziale e pensionistica. In genere, quest'ultima consta di varie fasi:

  • esame approfondito dell'attuale situazione occupazionale e contributiva
  • valutazione dell'estratto conto contributivo storico, prendendo in considerazione eventuali riscatti di laurea, aggiustamenti e contribuzioni volontarie
  • calcolo dell'ammontare della pensione che percepirà il lavoratore e l'età del pensionamento.

CHI

Tutti i lavoratori e chi ha capacità di risparmiare qualcosa può chiedere una consulenza in tema di pianificazione previdenziale e pensionistica. È diritto di  ogni persona assicurarsi una vecchiaia dignitosa, e per questo è bene rivolgersi a un consulente che individui gli strumenti migliori per differenziare le varie fonti di reddito future. La contribuzione pensionistica obbligatoria, infatti, non basta più ma va 'accompagnata' a fondi pensionistici complementari ed eventuali strumenti assicurativi. Insomma, occorre unire fattori diversi per evitare brutte sorprese nel momento in cui si smetterà di lavorare.  


FAQ

1. Quando effettuare una pianificazione previdenziale e pensionistica?

Il prima possibile. Più si attende e minore sarà la somma a disposizione nel momento del pensionamento. È bene dunque recarsi al più presto da un consulente per individuare tutti quegli strumenti necessari per assicurare una vecchiaia dignitosa.

2. Pianificazione previdenziale e pensionistica: non è meglio fare da soli?

Molti pensano che la pianificazione previdenziale e pensionistica sia un'operazione semplice da svolgere e, quindi, alla portata di tutti. Non è così, visto che bisogna svolgere molti conteggi e conoscere molte norme. Ecco perché è meglio rivolgersi a un consulente indipendente, ovvero a un soggetto che ha molta esperienza in materia. 

3. Previdenza: assegno dell'Inps assicurerà ai giovani di oggi lo stesso tenore di vita anche quando andranno in pensione?

No. Secondo recenti calcoli, l'assegno dell'Inps non arriverà neanche all'80% dell'ultimo stipendio. Lo ha sottolineato la Ragioneria di Stato. Ecco perché è necessario ricorrere alla previdenza integrativa e, quindi, gestire in modo intelligente i propri risparmi durante la vita lavorativa.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONTRIBUTI E PREVIDENZA: VOCI CORRELATE

Omessa contribuzione

di Dott. Matteo Burioni del 26/01/2012

Con la costituzione del rapporto di lavoro subordinato nasce automaticamente in capo al datore di l..

Contribuzione volontaria

di Dott. Matteo Burioni del 14/10/2011

Il compito di versare i contributi spetta al datore di lavoro; quando invece il versamento avviene v..

Autoliquidazione del premio Inail

di del 03/12/2015

L'autoliquidazione del premio Inail è un obbligo che deve essere rispettato dai datori di lavoro sog..

Fondo di garanzia tfr

di del 21/10/2016

Il fondo di garanzia tfr si sostituisce ai datori di lavoro insolventi per il recupero delle ultime ..

Imponibile previdenziale

di del 27/04/2011

Con il termine imponibile previdenziale si intende l’importo di retribuzione, derivante da Libro Uni..