Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Conciliazione delle vertenze di lavoro

del 20/02/2017
CHE COS'È?

Conciliazione delle vertenze di lavoro: definizione

La conciliazione delle vertenze di lavoro consiste nel tentativo di comporre una controversia di lavoro tra un lavoratore e il suo datore di lavoro. Per raggiungere tale scopo, è possibile adire la commissione di conciliazione che è istituita presso la Direzione territoriale del lavoro o, in alternativa, optare per la conciliazione in sede sindacale. Un accordo che viene raggiunto l'accordo, i rappresentanti sindacali, il lavoratore e il datore di lavoro sottoscrivono un verbale di avvenuta conciliazione e lo depositano presso la Direzione territoriale del lavoro, la quale verifica la sua autenticità per poi depositarlo presso la cancelleria del Tribunale competente: a questo punto l'accordo ha efficacia esecutiva.

COME SI FA

Come si sceglie la procedura di conciliazione più adatta alle proprie esigenze?

Non sempre la scelta della procedura è il frutto esclusivo della volontà delle parti in causa, nel senso che a volte è necessario rispettare degli obblighi in assenza dei quali l'atto emesso può risultare non efficace. Per la risoluzione delle controversie individuali di lavoro si può fare riferimento alla procedura di conciliazione facoltativa, la quale - per altro - nel corso degli anni è andata incontro a numerose modifiche: un tempo era obbligatoria, mentre oggi è solo facoltativa. Tale procedura può essere scelta per le controversie che hanno come oggetto il rapporto di lavoro singolo, e ha lo scopo di tutelare un interesse esclusivamente individuale, al punto che l'effetto della pronuncia riguarda solo i titolari del rapporto che è stato dedotto in giudizio. Per risolvere una vertenza in modo veloce e definitivo, quindi, il consiglio è quello di ricorrere a questo istituto, suggerito soprattutto se si pretende l'applicazione di norme di legge o di quanto stabilito da un contratto, sia esso individuale o collettivo.

Come funziona la conciliazione facoltativa?

Il tentativo è su base volontaria: ciò vuol dire che le parti non hanno il dovere ma solo il potere di scegliere tale procedura, ma nel caso in cui lo desiderino possono rivolgersi direttamente a un tribunale al fine di vedere la problematica lavorativa risolta. I rapporti di lavoro subordinato privato, i rapporti di rappresentanza commerciale, i rapporti di agenzia e i rapporti di collaborazione rientrano nella casistica a cui la conciliazione facoltativa si può applicare.

CHI

I sindacati.


FAQ

1. Cosa bisogna fare per la conciliazione di una vertenza di lavoro in caso di licenziamento?

In seguito all'entrata in vigore del Jobs Act, le procedure di conciliazione ammesse in questi casi sono tre: si tratta della conciliazione a tutele crescenti, della conciliazione preventiva in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo e della conciliazione facoltativa. 

2. In cosa consiste la conciliazione preventiva in caso di licenziamenti per giustificato motivo oggettivo?

I datori di lavoro sono tenuti, in caso di licenziamento per motivi economici - che sono, appunto, i giustificati motivi oggettivi -, a espletare una procedura preventiva di conciliazione obbligatoria presso la Direzione territoriale del lavoro della Commissione provinciale di conciliazione. Questa procedura è inevitabile ed è una condizione indispensabile per poi effettuare il licenziamento: il che vuol dire che il licenziamento non è efficace se la procedura viene violata. La conclusione della procedura può essere un accordo o un mancato accordo, a meno che una o tutte e due le parti non compaiano. Nel caso di un accordo, la condivisione del recesso del rapporto di lavoro può tradursi in una risoluzione consensuale. Negli altri casi, il lavoratore può continuare la vertenza presso il giudice del lavoro.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

TUTELA DEL LAVORATORE: VOCI CORRELATE

Conciliazione monocratica

di del 09/02/2012

La conciliazione monocratica è un istituto nato con la cosiddetta Legge Biagi attuata con il decreto..

Privacy del lavoratore

di del 23/12/2016

La privacy del lavoratore è normata dalle Linee guida che il Garante della Privacy ha emanato il 23 ..

Videosorveglianza del lavoratore

di Avv. Emanuela Rossetti del 22/01/2013

La videosorveglianza consiste generalmente nel vigilare un luogo o comunque un bene a distanza, tram..

Assistenza nelle controversie di lavoro in fase conciliativa e arbitrale

di del 27/06/2016

L'assistenza nelle controversie di lavoro in fase conciliativa e arbitrale tiene conto delle novità ..

Lavoro nero: responsabilità del datore di lavoro

di Dott.ssa GIORGIA SIGNAROLDI del 24/10/2011

Il lavoro irregolare è qualsiasi tipo di rapporto di lavoro costituito in violazione di norme indero..