Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Break Even Point - punto di pareggio

del 01/02/2012
CHE COS'È?

Break Even Point - punto di pareggio: definizione

Il break even point è un’analisi che studia la relazione che c’è tra i costi di struttura, i costi variabili e i volumi di produzione; ha un ruolo molto importante nell’ambito dell’analisi aziendale poiché serve per identificare il cosiddetto punto di equilibrio. Cioè il punto in cui i ricavi totali sono uguali ai costi totali.
Il break even period è il periodo di tempo necessario per il recupero dell’esborso iniziale sostenuto nell’esercizio di un’impresa, calcolato secondo il metodo della break even analysis.
La break even analysis è il metodo che permette di conoscere come modificare i livelli di output per raggiungere il punto di pareggio tra costi e ricavi. Vi è da dire però che tale metodo non è molto usato in quanto tiene conto dei prezzi costanti, ha validità solo nel breve periodo, non tiene conto della stagionalità, non è facilmente applicabile alle imprese multi prodotto e infine non tiene conto delle scorte.
Questo metodo è piuttosto semplice poiché non tiene conto delle regole di attualizzazione dei flussi finanziari. Tuttavia consente all’impresa di avere un primo indicatore del successo degli investimenti. Proprio per questo suo limite tale metodo può dare indicazioni solo se accompagnato da altre metodologie finanziarie e/o economiche e viene applicato per lo più ad investimenti a elevato rischio di obsolescenza, o comunque quando occorre avere una stima immediata dei tempi di rientro.

Rag. Francesca Seniga
Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brescia
CMA Srl - Rag. Francesca Seniga Revisore Contabile

COME SI FA
Al fine di poter applicare correttamente le formule anzi esposte, è essenziale conoscere la distinzione tra costi fissi e costi variabili.
I primi sono quelli che non cambiano al variare della quantità prodotta o acquistata, gli altri sono costi che variano al variare della quantità acquistata.
Quindi i costi fissi saranno ad esempio: gli affitti, le utenze, il costo del personale; i costi variabili saranno invece ad esempio icosti di acquisto della merce, costi legati allo stoccaggio eccetera.
Avendo chiara questa distinzione vediamo ora come un imprenditore accorto deve programmare la sua futura attività commerciale.
La prima cosa da fare è decidere la quantità di merce da acquistare in un determinato periodo di tempo; questa scelta ci permette infatti di quantificare il totale dei costi che andremo a sostenere in quella stessa unità di tempo (costi totali CT = costi fissi + costi variabili dove CF = K costante; pertanto si avrà CV = CU x Q vale a dire costo unitario per quantità)
Il passo successivo sarà quello di fissare un prezzo di vendita del prodotto che, in prima battuta e solo per valutare la convenienza o meno di stare sul mercato, potremo considerare pari a quello praticato dai concorrenti per prodotti uguali o simili. Pertanto avremo che: Ricavi totali = P x Q (prezzo per quantità)
La domanda alla quale l’imprenditore deve ora porsi è: qual è la quantità di prodotto che occorre vendere per coprire i costi fissi?
Il break even point rappresenta appunto questa quantità in quanto è il punto di intersezione delle due rette dei ricavi e dei costi totali ed è l’unico punto in cui i ricavi uguagliano i costi. Conseguentemente maggiore è la quantità venduta superiore al break even point e maggiore è, a parità di condizioni, il profitto d’impresa. Pur risentendo di alcuni limiti insiti nella metodologia di calcolo (analisi statica, costi e ricavi che non variano in modo lineare, la non agevole distinzione tra costi fissi e variabili), il BEP mantiene in ogni caso efficacia ai fini previsionali e può essere validamente utilizzato nella redazione di un business plan.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONTROLLO DI GESTIONE: VOCI CORRELATE

Cruscotto aziendale

di del 05/04/2017

Il cruscotto aziendale è un prospetto informativo costituito da un sistema di indicatori di natura e..

Just in time

di Rag. Francesca Seniga del 07/02/2012

Il Just In Time (JIT), “appena in tempo”, è una filosofia industriale che ha invertito il "vecchio m..

Target Costing

di Rag. Francesca Seniga del 02/02/2012

Il target costing è una tecnica di controllo dei costi che consente di determinare il prezzo del pro..

Gestione strategica

di Rag. Francesca Seniga del 01/02/2012

La gestione strategica è il modo di condurre un’organizzazione in base a una strategia. Il modello d..

Key Account Management

di del 03/02/2012

Conviene partire da una semplice considerazione manageriale: il Key Account Management - KAM non è u..