Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Brevetto internazionale

del 22/05/2012
CHE COS'È?

Brevetto internazionale: definizione

Il brevetto internazionale, a differenza di quello europeo, consente il rilascio di un brevetto a livello mondiale, ovvero, in quei Paesi che hanno aderito al PTC (Patent Cooperation Treaty).
Attualmente sono 144 i Paesi aderenti al Trattato.
La domanda va presentata presso l'ufficio dell'Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (OMPI), che ha sede a Ginevra.
Inoltre, contrariamente al brevetto europeo, la domanda di brevetto internazionale non prevede una procedura di concessione centralizzata, ma semplifica solo la fase iniziale di presentazione della domanda.


COME SI FA
La procedura di rilascio del brevetto internazionale è infatti duplice:

  1. preliminarmente viene verificata la possibilità di rilascio del brevetto attraverso una valutazione dei requisiti richiesti di brevettabilità che viene comunicata al richiedente come parere internazionale (fase della durata di 30 mesi);
  2. successivamente, saranno le singole nazioni scelte dal richiedente a dover esaminare le relative domande e, nel caso, a concedere il brevetto. In genere, in tale seconda fase la domanda sarà suddivisa in tante singole domande corrispondenti ai singoli ordinamenti in cui il richiedente intende ottenere la protezione brevettuale: in tal caso si dovrà provvedere al pagamento delle tasse di deposito previste da ogni ordinamento prescelto.
Va osservato che sia le domande di brevetto europeo che internazionale possono essere depositate anche agli uffici nazionali (in Italia l'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) con termini diversi a seconda se via sia o meno una rivendicazione di priorità, ossia un'estensione generalmente entro l'anno dal primo deposito nazionale della domanda presentata in altri ordinamenti (così come stabilito dalla Convenzione di Unione di Parigi).
La rivendicazione di priorità è quindi valida solo se la domanda internazionale viene fatta nel termine di 12 mesi dalla data della domanda precedente.
Anche per il brevetto europeo se la domanda è presentata entro 12 mesi dal deposito di un brevetto nazionale si può rivendicare la priorità ovvero far retroagire la data del deposito europeo a quella del deposito nazionale e quindi, conseguentemente, gli effetti giuridici dalla stessa derivanti.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e la Privacy
Voglio ricevere le newsletter di Professionisti.it
Voglio ricevere informazioni dai partner di Professionisti.it
STUDI COMPETENTI IN MATERIA

MARCHI E BREVETTI: VOCI CORRELATE

UIBM - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi

di Avv. Anna Lisa Bitetto del 18/05/2012

L'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM) è un ufficio del Ministero dello Sviluppo Economico, uni..

Disegni e modelli: tutela

di Avv. Anna Lisa Bitetto del 14/10/2011

Quando ci si occupa di disegni e modelli bisogna far riferimento al corpus normativo contenuto negli..

Brevetto europeo

di Avv. Giovanni Ballone Burini del 22/05/2012

Con il brevetto europeo è data agli inventori la possibilità di ottenere con un’unica registrazione..

Invenzioni industriali

di Avv. Camilla Zamparini del 24/05/2012

Il Codice della Proprietà Industriale (d’ora in poi, CPI) in vigore in Italia dal 2005 statuisce all..

Contraffazione di marchi e brevetti

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 18/05/2012

La contraffazione di marchi e brevetti è un reato che mira a tutelare l'affidamento dei cittadini ci..