Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Svolgimento attività mediche pericolose

del 17/06/2011
CHE COS'È?

Svolgimento attività mediche pericolose: definizione

In alcune ipotesi di danni provocati da farmaci e da sostanze chimiche di ogni genere, nonché da macchine utilizzate a scopo diagnostico o terapeutico, soprattutto nei casi di interventi chirurgici invasivi, la giurisprudenza e la dottrina hanno fatto ricorso alla disciplina dettata dall’articolo 2050 codice civile per la responsabilità da attività pericolosa.
La norma appena citata è una delle ipotesi tipizzate di responsabilità oggettiva che prevede una presunzione di colpa in capo al soggetto che svolge un’attività considerata pericolosa.
Ai fini dell’individuazione dell’ambito di applicazione dell’articolo 2050 codice civile, la giurisprudenza ha ritenuto di fare riferimento ad un concetto piuttosto elastico di "attività pericolose", individuando le stesse, non solo in quelle attività di prevenzione infortuni o di tutela dell’incolumità pubblica, ma anche in tutte quelle altre che, pur non essendo specificate o disciplinate, abbiano tuttavia una pericolosità intrinseca o comunque dipendente dalle modalità di esercizio o dai mezzi di lavoro impiegati.
In concreto, la responsabilità per attività pericolosa è stata ritenuta applicabile dalla giurisprudenza di legittimità e di merito nei confronti delle case farmaceutiche e delle strutture sanitarie che esercitano attività trasfusionale.
Le più frequenti fattispecie esaminate dalla giurisprudenza riguardano infatti i danni da contagio prodotti dalla distribuzione di farmaci emoderivati infetti e quelle inerenti le pratiche di trasfusione del sangue.
La produzione e l’immissione in commercio di farmaci, contenenti gammaglobuline umane e destinati all’inoculazione nell’organismo umano, costituisce una attività dotata di potenziale nocività intrinseca, stante il rischio di contagio del virus della epatite di tipo B, e pertanto di per sé pericolosa.
L’attività di preparazione del sangue umano all’impiego trasfusionale, invece, viene ritenuta pericolosa per la naturale idoneità del sangue a veicolare agenti patogeni e per l’elevata possibilità di contagio post-trasfusionale.

Avv. Simone Scelsa
Ordine degli Avvocati di Milano
ACCMS Studio Legale

COME SI FA
Il danneggiato che voglia invocare questo tipo di responsabilità dovrà innanzitutto accertarsi che il tipo di attività medica subita possa rientrare nel novero delle attività pericolose ex articolo 2050 codice civile.
Egli dovrà poi provare il nesso causale tra l’attività medica ricevuta e il danno subito, mentre il presunto responsabile potrà superare l’imputazione a suo carico solo fornendo la prova di “aver adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno”.
Nel caso di esercizio di attività medica rientrante nel novero delle attività pericolose, infatti, non sarà ritenuta sufficiente la prova negativa di non aver commesso alcuna violazione delle norme di legge o di comune prudenza, ma occorrerà che l’agente provi empiricamente e con un certo livello di certezza di avere impiegato ogni cura e misura atta ad impedire l’evento dannoso.

CHI
Considerato che il legislatore non fornisce una chiara identificazione di quelle che sono in concreto definibili “attività pericolose” occorrerà l’ausilio di un legale che verifichi l’applicabilità della presunzione normativa al caso concreto.

vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

RESPONSABILITÀ MEDICA: VOCI CORRELATE

Errore medico: come agire

di Dott. Giovanni Sanfilippo del 08/06/2011

Chi ritiene di essere stato danneggiato da un errore medico può ricorrere all'autorità giudiziaria ..

Responsabilità medica

di Avv. Maurizio Sala del 16/06/2011

L’attività medica ovvero sanitaria, come ogni attività dell’uomo, comporta delle responsabilità per ..

Errore medico: risarcimento

di Avv. Elisabetta Fedegari del 15/06/2011

La responsabilità del medico in ordine al danno subito dal paziente presuppone la violazione dei dov..

Colpa medica

di Avv. Maurizio Sala del 16/06/2011

Perché si possa parlare di colpa medica è necessario il verificarsi di un evento lesivo dell’integri..

Responsabilità medica: nesso di causalità

di Avv. Simone Scelsa del 17/06/2011

Nel codice civile manca una vera e propria definizione di nesso di causalità. Gli unici riferimenti ..