Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Separazione: riconciliazione

del 04/11/2015
CHE COS'È?

Separazione riconciliazione: definizione

La riconciliazione coniugale rappresenta il risultato auspicato dal legislatore per la separazione. Quest'ultima, infatti, è concepita semplicemente come un periodo di riflessione durante il quale i coniugi hanno la possibilità di riflettere sui motivi della crisi con cui devono fare i conti. Solo nel caso in cui la separazione si protragga per almeno tre anni di seguito in maniera ininterrotta gli effetti civili del matrimonio cessano. Sono due le forme di riconciliazione disciplinate dall'ordinamento: quella in pendenza del procedimento di separazione, vale a dire prima che la sentenza di separazione venga emessa; e quella dopo la sentenza di separazione.


COME SI FA

Cos'è la riconciliazione dopo la sentenza di separazione?

L'articolo 157 del Codice Civile disciplina la riconciliazione in seguito alla sentenza di separazione, e stabilisce che la separazione può essere pronunziata di nuovo unicamente per comportamenti e fatti avvenuti in seguito alla riconciliazione. La ratio di qualsiasi fattispecie di riconciliazione va individuata nella ricomposizione della comunione, sia materiale che spirituale, tra i coniugi, oltre che nel superamento dell'intollerabilità delle azioni e dei comportamenti precedenti. Di conseguenza, una domanda di separazione che segue la riconciliazione può essere fondata o su comportamenti e fatti anteriori alla riconciliazione ma conosciuti in seguito, o su comportamenti e fatti successivi alla riconciliazione. In effetti, la sopravvenuta conoscenza di un fatto precedente può essere paragonata a un fatto nuovo, cioè avvenuto in seguito alla riconciliazione. Le modalità di attuazione della riconciliazione variano a seconda che essa avvenga prima della domanda di separazione, nel corso della pendenza del giudizio o in seguito alla sentenza di separazione.


CHI

Un avvocato civilista, specializzato in diritto matrimoniale.


FAQ

1. Come avviene la riconciliazione precedente alla domanda di separazione?

La vicenda conciliativa può avvenire prima che la domanda di separazione giudiziale venga proposta o prima della richiesta di omologazione dell'accordo della separazione consensuale. La riconciliazione, anche in questi casi, preclude la proposizione di una richiesta di separazione per eventi precedenti alla riconciliazione.

2. Come avviene la riconciliazione in pendenza di giudizio?

La riconciliazione in pendenza di giudizio può avvenire nella fase dell'udienza presidenziale o in pendenza di procedura di separazione. Nel primo caso, si verifica davanti al presidente del tribunale, viene formalizzata in un verbale apposito e, di conseguenza, assume una valenza processuale diretta. Nel secondo caso, i coniugi riprendono la convivenza e, senza alcuna attività processuale, ricompongono la comunione di vita spirituale e materiale; abbandonando il processo, in pratica, il procedimento di separazione si estingue semplicemente per inattività delle parti.

3. Come avviene la riconciliazione successiva al decreto di omologazione e / o alla sentenza di separazione?

Questo tipo di riconciliazione determina la cessazione definitiva degli effetti della separazione formalizzata. Avendo carattere processuale e sostanziale, inoltre, sancisce il ripristino dello statuto ordinario dei rapporti parentali e dei rapporti di coppia. Per di più, si concretizza la ricostruzione della comunione legale, che era stata sciolta in corrispondenza della separazione. In questo caso, il nuovo ordinamento di stato civile per l'opponibilità a terzi dell'effetto della ricomposizione della comunione sancisce che venga annotata la dichiarazione di riconciliazione coniugale a margine dell'atto di matrimonio, e che essa sia iscritta nell'archivio informatico dell'ufficiale dello stato civile. Infine, in presenza di questa riconciliazione si verifica la rinuncia irreversibile a ricorrere alle cause di separazione a supporto della sentenza precedente allo scopo di una declaratoria di separazione futura.  

4. Che differenza c'è tra riconciliazione espressa o tacita?

La riconciliazione espressa manifesta in maniera esplicita la volontà di riconciliarsi da parte dei coniugi, tramite un accordo scritto che non dipende da vincoli di forma specifici. La riconciliazione tacita, invece, deriva semplicemente dal comportamento tenuto dai coniugi, che non è evidentemente compatibile con uno stato di separazione. 
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

SEPARAZIONE DEI CONIUGI: VOCI CORRELATE

Separazione: giudice competente

di Avv. Vanda Cappelletti del 02/02/2012

La domanda di separazione si propone avanti il Tribunale del luogo dell’ultima residenza comune dei..

Affidamento a terzi dei figli

di Avv. Simone Scelsa del 31/03/2011

Benché non inserito nel testo dell’articolo 155 codice civile come riformato dalla legge n. 54 dell’..

Assegno di mantenimento al coniuge

di Avv. Simone Scelsa del 07/02/2012

L’assegno di mantenimento è previsto dall’articolo 156 codice civile in tema di separazione dei coni..

Separazione senza avvocato

di Avv. Claudio Cecchella del 02/02/2012

La separazione, quando è introdotta in sede contenziosa perché i coniugi non concordano sulle regole..

Processo collaborativo

di Avv. Daniela Prof. Angelini del 31/03/2011

Il processo collaborativo è un'alternativa extra giudiziaria al processo di separazione e/o divorzio..