Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Responsabilità medica: prescrizione

del 10/06/2011
CHE COS'È?

Responsabilità medica prescrizione: definizione

Quando si parla di prescrizione ci si riferisce, per lo più, alla prescrizione estintiva, la quale consiste nell'estinzione di un diritto soggettivo per effetto dell’inerzia del suo titolare che non lo esercita o non ne usa per il tempo determinato dalla legge (normalmente dieci anni). L'istituto trova la propria ragion d'essere nelle esigenze di certezza del diritto: se il titolare di un diritto non lo esercita per un periodo prolungato di tempo, l'ordinamento giuridico riconosce l'opportunità di tutelare l'interesse del soggetto passivo a non rimanere obbligato per un periodo indefinito di tempo.
Tutti i diritti sono soggetti a prescrizione, ad eccezione dei diritti indisponibili, come ad esempio i diritti della personalità, gli status familiari e la potestà dei genitori sui figli.
Rispetto alla durata, si distinguono la prescrizione ordinaria e le prescrizioni brevi. La prima è applicabile in tutti i casi in cui la legge non dispone diversamente e dura dieci anni (vi rientra, ad esempio, la responsabilità contrattuale); termini più brevi, giustificati dalle peculiarità dei relativi casi, sono invece previsti per le prescrizioni brevi (ad esempio, è previsto il termine di cinque anni per il diritto al risarcimento del danno da fatto illecito).
Al fine di individuare il regime prescrizionale applicabile nel caso di un’ipotesi di responsabilità medica, occorre, in primo luogo, evidenziare come la medesima sia stata qualificata da giurisprudenza consolidata alla stregua della responsabilità contrattuale, risultando, di conseguenza applicabile il termine ordinario decennale. E ciò, non solo nei casi in cui sia stato stipulato un contratto tra medico e paziente. 

Avv. Stefania Spinelli
Ordine degli Avvocati di Busto Arsizio
Albè & Associati Studio Legale

COME SI FA
In particolare, la Corte di Cassazione ha costantemente inquadrato la responsabilità dell’ente ospedaliero nella responsabilità contrattuale, sul rilievo che l’accettazione del paziente in ospedale, ai fini del ricovero o anche solo di una visita ambulatoriale, comporta la conclusione di un contratto.
A sua volta, è stata attribuita natura contrattuale anche all'obbligazione del medico dipendente dall’ente ospedaliero nei confronti del paziente, ancorché non fondata sul contratto, ma sul cosiddetto “contatto sociale”.
Secondo questo orientamento consolidato, le obbligazioni possono sorgere da rapporti contrattuali di fatto, nei casi in cui taluni soggetti entrano in contatto tra loro. Benché questo “contatto” non riproduca le normali ipotesi negoziali, ad esso si ricollegano obblighi di comportamento di varia natura, diretti a garantire che siano tutelati gli interessi che sono emersi o sono esposti a pericolo in occasione del contatto stesso. In queste ipotesi si rinviene, quindi, una responsabilità di tipo contrattuale per non avere il soggetto adempiuto a ciò cui era tenuto in forza di un precedente vincolo. La situazione descritta si verifica nei confronti di un operatore di una professione cosiddetta protetta (ovvero una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione da parte dello Stato), atteso che la stessa ha ad oggetto beni costituzionalmente garantiti, come avviene per la professione medica, che incide sul bene della salute, tutelato dall'articolo 32 Costituzione.
La responsabilità sia del medico che dell’ente ospedaliero per inesatto adempimento della prestazione ha, dunque, natura contrattuale.
Ne consegue che, come detto, trova applicazione l’ordinario termine di prescrizione decennale non solo nei casi in cui ci sia un vero e proprio contratto (ad esempio, nel caso in cui il paziente si rivolga ad una clinica privata per sottoporsi ad un intervento o presso uno studio privato per una visita specialistica), ma anche quando si configuri quello che è stato definito dalla giurisprudenza come “contatto sociale” (che si instaura, ad esempio, tra il paziente ed una struttura pubblica).

È importante sottolineare che la prescrizione di un diritto decorre, ai sensi dell’articolo 2935 codice civile, “dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere” e, di conseguenza, dal momento in cui l’evento dannoso viene ad esistenza o si palesa come tale.
Nell'ambito della responsabilità medica, in particolare, il computo degli anni deve, di norma, cominciare a decorrere dal giorno in cui si sia verificata la lesione (intervento chirurgico sbagliato, diagnosi errata, eccetera).
Tuttavia, se il paziente (danneggiato) non si accorge immediatamente del danno subito, perché non ha gli elementi per poterlo verificare o perché non si sono ancora manifestati gli effetti, il termine per la prescrizione del diritto di chiedere il risarcimento del danno decorre dal momento in cui i sintomi si manifestano o si rendono evidenti e ricollegabili ad una precisa prestazione medica od ospedaliera.

CHI
La prescrizione è una tipica eccezione di parte: la stessa non può, cioè, essere rilevata d'ufficio dal giudice, ma deve essere espressamente eccepita dalla parte interessata.
Ciò significa che il soggetto convenuto in giudizio per l'adempimento di una obbligazione prescritta ha comunque l'onere di costituirsi nel processo (a mezzo di legale difensore, quando è necessario) e formulare l'eccezione in parola.

FAQ

È possibile interrompere il decorso del termine prescrizionale?

Si ha interruzione della prescrizione quando il titolare compie un atto con il quale esercita il diritto (domanda giudiziale o arbitrale, qualsiasi atto che costituisca in mora il debitore) o quando il diritto viene riconosciuto dal soggetto passivo del rapporto (il riconoscimento può anche essere implicito). Dal fatto interruttivo della prescrizione comincia, poi, a decorrere un nuovo periodo di prescrizione.

Quale termine di prescrizione si applica al diritto degli eredi di ottenere il risarcimento dei danni derivanti dalla morte di un congiunto in seguito ad un’ipotesi di responsabilità medica?

Anche al diritto degli eredi si applica il regime prescrizionale ordinario e, quindi, il termine decennale. Secondo il consolidato orientamento della giurisprudenza, infatti, la responsabilità del medico nei confronti del paziente è qualificata come contrattuale, ancorché non fondata sul contratto, ma sul contatto sociale, con conseguente applicabilità del termine decennale di prescrizione.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e la Privacy
Voglio ricevere le newsletter di Professionisti.it
Voglio ricevere informazioni dai partner di Professionisti.it

RESPONSABILITÀ MEDICA: VOCI CORRELATE

Responsabilità civile del medico

di Avv. Elisabetta Fedegari del 07/06/2011

La professione medica, su cui hanno compiti di vigilanza gli ordini professionali all'uopo costituit..

Svolgimento attività mediche pericolose

di Avv. Simone Scelsa del 17/06/2011

In alcune ipotesi di danni provocati da farmaci e da sostanze chimiche di ogni genere, nonché da mac..

Responsabilità medica: diagnosi errate

di del 16/06/2011

Si parla di responsabilità generica o di responsabilità specifica del sanitario a seconda che questa..

Colpa medica

di Avv. Maurizio Sala del 16/06/2011

Perché si possa parlare di colpa medica è necessario il verificarsi di un evento lesivo dell’integri..

Responsabilità medica: consenso informato

di Avv. Domenico Margariti del 16/06/2011

Il consenso informato è l'accettazione volontaria da parte di un paziente al trattamento che gli vie..