Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Fiscalità internazionale: residenza fiscale delle persone fisiche

del 15/11/2011
CHE COS'È?

Fiscalità internazionale residenza fiscale delle persone fisiche: definizione

Il sistema tributario italiano adotta il “worldwide taxation principle” ossia il principio di tassazione su base mondiale secondo cui si assoggettano a tassazione i redditi ovunque prodotti da parte di una persona fisica residente e non solo quelli prodotti nel territorio dello Stato. Tale principio, disciplinato dall’articolo 3 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, è strettamente correlato con il concetto di residenza fiscale. Un soggetto non residente fiscalmente in Italia infatti dovrà corrispondere le imposte in Italia solo per i redditi ivi prodotti.
Ai sensi dell’articolo 2 del TUIR “ai fini delle imposte sui redditi si considerano residenti le persone che per la maggior parte del periodo d’imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza ai sensi del codice civile”. E’ sufficiente che sia rispettata una sola delle tre condizioni previste dall’articolo 2 affinché una persona sia considerata residente in Italia.
Ai fini dell’individuazione del paese di residenza di una persona fisica secondo la normativa fiscale interna occorre fare riferimento a quanto disciplinato dall’articolo 2 del TUIR e qualora si presenti un fenomeno di doppia residenza si deve ricorrere alle convenzioni internazionali, queste ultime generalmente conformi al Modello OCSE.
L’articolo 4 del Modello OCSE di convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni fornisce alcuni criteri da seguire detti “tie breaker rules” da applicarsi gerarchicamente, finché non si ottiene la soluzione.

Dott.ssa Raffaella Bava

Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Ivrea, Pinerolo, Torino
Studio S.a.c. di Bosso Carola & C. snc

COME SI FA
L’articolo 2 del TUIR fornisce tre condizioni alternative tra loro in base alle quali una persona fisica deve considerarsi residente fiscalmente in Italia:
  • l’iscrizione nelle anagrafi della popolazione residente: ai fini dell’iscrizione nell’anagrafe di un Comune occorre aver fissato la propria dimora abituale o l’aver stabilito il proprio domicilio presso quel Comune. Qualora una persona si trasferisca all’estero e si cancelli dall’anagrafe, verrà iscritta all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero). Secondo l’Amministrazione Finanziaria, tuttavia, l’iscrizione all’AIRE non è elemento determinante per escludere la residenza fiscale in Italia, dovendosi far riferimento comunque al concetto di residenza e di domicilio così come richiesto dall’articolo 2 del TUIR;
  • la residenza intesa come il “luogo in cui la persona ha la dimora abituale” ai sensi dell’articolo 43 del codice civile;
  • il domicilio inteso ai sensi del codice civile come il “luogo in cui una persona ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi”.
Qualora si presenti un caso di doppia residenza in base all’applicazione della normativa domestica di due paesi, si ricorre all’applicazione delle cosidette tie breaker rules, fornite dal paragrafo 2 dell’articolo 4 del Modello OCSE, che devono essere analizzate in modo verticale:
  1. luogo in cui la persona ha la propria abitazione permanente. Nel caso in cui vi sia un’abitazione permanente in entrambi gli stati, rileverà il centro degli interessi vitali, ossia il luogo in cui vi sono interessi personali ed economici;
  2. se dall’applicazione del primo principio non si ottiene la definizione del luogo di residenza, si deve verificare il luogo in cui la persona soggiorna abitualmente;
  3. nel caso in cui non si sia definita la residenza utilizzando i principi precedenti, si farà ricorso al paese in cui la persona ha la nazionalità;
  4. in caso di doppia nazionalità o qualora la persona non abbia nazionalità in alcuno dei paesi, le autorità competenti risolvono la questione di comune accordo.
Dal 2008 i Comuni collaborano con l’Amministrazione Finanziaria per verificare l’effettivo trasferimento all’estero di una persona fisica.
L’articolo 2 del TUIR inoltre stabilisce che “si considerano altresì residenti, salvo prova contraria, i cittadini italiani cancellati dalle anagrafi della popolazione residente ed emigrati in Stati o territori aventi un regime fiscale privilegiato, individuati con decreto del Ministro delle finanze da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale”.

CHI
Professionisti esperti di fiscalità internazionale.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

FISCALITÀ INTERNAZIONALE: VOCI CORRELATE

Diritto Tributario Europeo: tassazione operazioni straordinarie

di del 17/11/2011

Per operazioni straordinarie si intendono le fusioni, le scissioni, le scissioni parziali, i conferi..

Doppia imposizione

di Dott. Stefano Aldovisi del 15/11/2011

La doppia imposizione è un fenomeno per cui lo stesso presupposto sia soggetto due volte a tassazion..

Prestazioni di servizi intracomunitarie

di Rag. Maurizio Petrotta del 26/01/2012

Le prestazioni di servizi intracomunitarie coinvolgono due o più soggetti, residenti in uno degli st..

Tobin tax

di Dott. Claudio Griziotti del 12/01/2012

La Tobin tax prende il nome dal premio Nobel per l'economia James Tobin, che la propose nel 1972 ed ..

Credito per le imposte pagate all'estero

di del 17/11/2011

L’articolo 3 decreto del Presidente della Repubblica 917/1986 prevede per i soggetti residenti l’ist..