Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Bond

del 19/04/2012
CHE COS'È?

Bond: definizione

Il termine inglese bond indica il certificato rilasciato dallo Stato (o altro ente) o da una società che attesta il prestito ricevuto e da rimborsare unitamente agli interessi.
Pertanto, con il termine bond oggi si fa riferimento alle obbligazioni emesse da Stati, enti e società. Per le obbligazioni societarie l'espressione comunemente utilizzata è corporate bond.
L'obbligazione (bond) è la promessa da parte dell'emittente (debitore) di rimborsare una certa somma a una determinata scadenza e di effettuare i pagamenti ricorrenti (le cedole) a titolo di remunerazione della somma presa in prestito.
I termini di rimborso del capitale e di pagamento delle cedole sono fissati al momento dell'emissione dell'obbligazione e, quindi, non dipendono dalla volontà dell'emittente (debitore). Ciò significa che quello che è stato deciso nella fase dell'emissione non può più essere modificato, se non con l'assenso del proprietario dell'obbligazione (l'investitore). Ne consegue che l'investitore in obbligazioni sa che può far conto di ricevere quanto a lui promesso dall’emittente, almeno sino a quando il debitore (l'emittente) è in grado di onorare gli impegni presi.
L'obbligazionista, quindi, corre il rischio di perdere tutto o parte dell'investimento qualora il debitore (l'emittente) non riesca a far fronte agli obblighi assunti e a pagare i debiti. Tale rischio è particolarmente accentuato nel caso in cui si investa in obbligazioni di società (o altri debitori) in difficoltà finanziarie già al momento dell'emissione.
Nelle ormai note vicende di "risparmio tradito" Cirio, Argentina, Parmalat, Giacomelli, Finmek, Lehman Brothers e altri ancora a seguito del fallimento (default) degli emittenti agli obbligazionisti non sono stati rimborsati il capitale e le cedole maturate dopo la data del fallimento.
Le emissioni obbligazionarie vengono classificate dalle agenzie specializzate che misurano e attestano la capacità dell'emittente di far fronte agli obblighi connessi al prestito obbligazionario, cioè di pagare puntualmente le cedole e rimborsare alla scadenza il capitale e attribuiscono all'emittente un rating. Il rating rappresenta la valutazione sintetica del merito di credito di un debitore e si applica in particolare, ma non esclusivamente, agli emittenti di titoli di debito e alle loro singole emissioni (obbligazioni). Nella scala del rating che va da AAA (massima affidabilità) alla D (default), le obbligazioni con un rating inferiore a BAA o BBB rientrano nello speculative grade (investimento speculativo) e sono solitamente chiamate junk bond (titoli spazzatura).


COME SI FA
I bond sono emessi da enti e società di diversa natura e la procedura di emissione varia a seconda della tipologia di società o di ente.
Dopo l’emissione, l’obbligazione destinata al pubblico risparmio può essere venduta mediante offerta al pubblico (o sollecitazione all’investimento). In tal caso l’emittente ha l’obbligo di pubblicare il Prospetto Informativo sottoposto al controllo della Consob (vedi decreto legislativo 58/98 Testo Unico della Finanza).
In alternativa, all’emissione può seguire l’attività di collocamento sul mercato primario: l’emittente e gli intermediari collocatori che hanno curato l’operazione di emissione (cosiddetti lead manager e co-lead manager) si occupano di collocare (vendere) sul mercato primario i titoli obbligazionari emessi ad investitori professionali. Successivamente, i singoli operatori qualificati nell’ambito della loro attività di intermediazione finanziaria negoziano i titoli sul mercato secondario per conto dei clienti investitori acquistando e vendendo sulla base degli ordini impartiti dagli investitori. 
L’investimento in obbligazioni termina alla scadenza del prestito. Tuttavia, l’investitore anche prima della scadenza può procedere alla vendita del titolo nel mercato di quotazione. 
In caso di mancato rimborso alla scadenza o di danno subito in conseguenza dell’investimento in bond ci si può rivolgere a professionisti esperti per valutare le possibili azioni a tutela dell’investitore che abbia subito danni.

CHI
Emittente: è la società o l’ente che emette il bond. L’emittente riceve in prestito dagli obbligazionisti la somma corrispondente al valore nominale dell’obbligazione e si obbliga a restituire capitale e interessi secondo i termini e le scadenze stabilite nella fase dell’emissione.
Agenzie di rating: le principali agenzie di rating risiedono soprattutto negli Stati Uniti, le più rappresentative sono Moody’sStandard and Poor’s e Fitch. Sono agenzie private indipendenti che, su richiesta dell’emittente, attribuiscono il rating (valutazione sintetica del merito creditizio di un emittente/debitore). Attraverso il rating l’agenzia specializzata misura e valuta la capacità dell’emittente di far fronte agli obblighi connessi al prestito obbligazionario di pagamento delle cedole e rimborso del capitale alla scadenza.
La valutazione sulle caratteristiche finanziarie dell’investimento può essere fornita da un consulente finanziario.
Gli obbligazionisti che abbiano subito danni per mancato rimborso del capitale e/o delle cedole possono rivolgersi ad un avvocato esperto del settore per valutare eventuali azioni a tutela dell’investitore danneggiato.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

PRODOTTI FINANZIARI: VOCI CORRELATE

Derivati

di Avv. Silvia Savigni del 19/04/2012

I derivati sono strumenti finanziari complessi il cui valore dipende (deriva) da un’attività finanzi..

Currency futures

di Dott. Valerio Corallo del 17/07/2013

Gli strumenti finanziari di partecipazione e/o di credito possono diventare oggetto di altri contrat..

Interest rate swap

di Avv. Silvia Savigni del 10/11/2011

Il contratto di Interest rate swap (IRS) appartiene alla più ampia categoria dei contratti di swap (..

Swap

di Avv. Giovanni Carotenuto del 10/11/2011

Lo swap è un contratto derivato con il quale due soggetti si scambiano somme di denaro individuate a..

Future

di Avv. Giovanni Carotenuto del 10/11/2011

Il future è un contratto a termine con il quale una parte si impegna ad acquistare o vendere, a una ..