Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Crisi di liquidità

del 31/03/2011
CHE COS'È?

Crisi di liquidità: definizione

Il concetto di liquidità di un’azienda si riscontra nella capacità della stessa di procurare denaro necessario per fronteggiare le passività a breve termine.
Pertanto quando un’azienda non riesce a produrre denaro sufficiente per far fronte alle necessità giornaliere, essa si trova in una condizione di crisi di liquidità.

Rag. Raffaella Parente
SER.IM Servizi per l'Impresa


COME SI FA

Per non incorrere nella crisi di liquidità, l’azienda deve essere in grado di anticipare i flussi di entrata di cassa derivanti dalla vendita di beni o servizi forniti alla clientela, ai flussi di uscita generalmente connessi ai pagamenti di debiti verso fornitori per l’acquisto di materie prime o di altri fattori della produzione, da pagamenti di stipendi e di salari al personale e di tutte le altre spese correnti di gestione.
Per coordinare meglio la gestione finanziaria di cassa, l’azienda può ricorrere alla disponibilità bancaria che possa permettere lo smobilizzo dei crediti a breve termine, come pure ricorrere a fonti complementari rispetto ai fidi classici quali leasing, factoring, fidejussioni.
Inoltre esistono anche delle fonti di liquidità esterne alla gestione aziendale che si evidenziano nell’apporto di capitale proprio, di nuovi prestiti a lungo termine e vendita di attività fisse.


CHI

Una delle prerogative dell’impresa è quella di poter gestire i momenti di crisi di liquidità evidenziando le cause che l’hanno determinata.
La causa più comune è data dai ritardati o mancati introiti da parte della clientela che possono indurre come conseguenza una mancanza di flessibilità creditizia dalle banche innescando così un circuito vizioso che acuirà sempre più la posizione di crisi del sistema finanziario dell’azienda.
Per prevenire che ciò avvenga, l’imprenditore si può rivolgere alla agenzie di recupero crediti senza arrivare ad azioni legali (lunghe e costose) o affidarsi a professionisti competenti che possono creare i presupposti per un radicale cambiamento sia in termini di strategia nei confronti della clientela che delle reali opportunità di migliorare la propria immagine (rating) presso le banche.


FAQ

Come si manifesta e quali sono le situazioni economiche aziendali che fanno prevedere una crisi di liquidità?

Prima di affrontare l’argomento, occorre stabilire il profilo merceologico e produttivo delle singole imprese. Infatti le attività più ricorrenti si evidenziano in aziende industriali che producono manufatti, aziende commerciali che comprano e vendono prodotti industriali, aziende che operano nel terziario e che offrono servizi, aziende finanziarie che gestiscono raccolta e impiego di denaro, aziende immobiliari che operano nel campo degli immobili. Tutte queste imprese sono assogettate alle leggi del mercato economico e pertanto il preavviso del sopraggiungere dello stato di crisi è dato da fattori esterni e interni all’azienda. Fattori esterni saranno dati da situazioni particolari di mercato in cui si possa mettere in evidenza un calo dei consumi, una diminuzione di denaro circolante, la concorrenza sia in termini di costi che di prodotti tecnologicamente sempre più avanzati ecc.. Fattori interni saranno dovuti ad errori di gestione riguardanti gli squilibri fra costi e ricavi, la giacenza di prodotti invenduti nei magazzini, la mancanza del management nell’elaborare e promuovere i centri di ricerca.

Quale sarà l’impatto negativo sul management d’impresa?

Quando un’impresa esaurisce la liquidità, il suo management ha perso la propria autonomia in ordine alle decisioni aziendali. Sarà un operatore esterno come un creditore non pagato o una banca il cui prestito non ha avuto buon fine a decidere il futuro dell’azienda al posto del suo management.

Quali sono le conseguenze in assenza di drastici provvedimenti per gestire la crisi?

Nel futuro dell’azienda ci potrebbe essere il fallimento, una ristrutturazione forzata, essere oggetto di una acquisizione da parte di un’altra società o continuare la propria attività sotto altre forme giuridiche e/o economiche.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
STUDI COMPETENTI IN MATERIA

CORPORATE FINANCE: VOCI CORRELATE

Riduzione oneri finanziari

di del 27/01/2017

La riduzione degli oneri finanziari ha a che fare con tutti gli oneri finanziari di competenza di un..

Analisi tassi

di Dott. Marco Chionetti del 05/06/2013

Parlando di tassi passivi in ambito aziendale, oltre al tasso della linea di credito, bisogna tener ..

Due-diligence legale

di del 21/03/2017

La due diligence legale è un'attività di approfondimento e di investigazione di informazioni e di da..

Corporate governance

di del 19/01/2017

La corporate governance - o, per usare una terminologia italiana, il governo d'impresa - ha a che fa..

Due-diligence contabile

di Rag. Walter Flavio Camillo del 28/03/2012

Con il termine anglosassone due diligence (più specificatamente due diligence review, traducibile ne..